Elaine Jo vince l’oro nel pattinaggio semi-pipe libero per fare la storia delle Olimpiadi



CNN

Una sensazione in Cina Eileen Joe Ha vinto la sua seconda medaglia d’oro Olimpiadi invernali di Pechino venerdì, diventando il primo pattinatore freestyle a guadagnare tre medaglie in un unico corso.

La stella di 18 anni è salita sul podio nella finale di semi-pipe al Genting Glacier Park a Zhangjiakou, aggiungendosi al È andata al grande evento aereo La scorsa settimana, l’argento era di moda nello stile sciatto di martedì.

Gu, che dice che Half Pipe è il suo evento più forte, ha dominato dall’inizio.

Più e più volte, ha accelerato il muro dell’half-pipe e si è lanciato verso il cielo, girando e contorcendosi con grazia tra il forte applauso dei fan sugli spalti.

Già in testa, si è superata nel secondo tempo con un impressionante punteggio di 95,25. Aveva già confermato l’oro quando è partita per un terzo round di vittoria.

Ha abbracciato forte il suo allenatore in cima alla scogliera, è sceso di nuovo dall’half-pipe e ha concluso la corsa con facili salti, celebrando la sua vittoria in aria.

“Non sono mai stato in un ciclo di trionfi prima in tutta la mia vita, quindi mi sono sentito come ‘sai, l’ultimo evento delle Olimpiadi mi sembra di averlo finalmente meritato’. Sono davvero felice”, Joe giornalisti Dopo la sua vittoria, secondo il sito olimpico.

“Sono state due settimane consecutive di alti e bassi più intensi della mia vita. Ha cambiato la mia vita per sempre”, ha detto.

Riflettendo sui suoi primi Giochi Olimpici che hanno fatto la storia, Gu ha detto che l’emozione principale era un “sentimento di gratitudine e determinazione profondamente radicato”.

“Proprio come tutto questo si unisce, anni e anni di formazione ed è come sfogarsi così profondamente. Mi sento esausto. Voglio dire, mio ​​Dio, dalla cerimonia di apertura fino ad ora ho pattinato ogni giorno, quindi sono davvero stanco , ma mi sento in pace. Mi sento grata. Mi sento”, ha detto. Con passione, mi sento orgogliosa”.

La canadese Cassie Sharp ha vinto l’argento con un miglior punteggio di 90,75, mentre la sua compagna di squadra Rachel Karker ha preso il bronzo. Un emotivo Gu li ha abbracciati mentre scattavano foto dopo l’evento.

Indossava anche un cappello da panda quando l’ho salutata Bing Duen Duyin Una replica della mascotte è sulla piattaforma, provocando un putiferio tra i suoi fan sui social media cinesi.

Le Olimpiadi di Pechino 2022 sono state un momento decisivo per Joe poiché è diventata una delle più grandi star dei Giochi.

Nata e cresciuta in California, Gu nel 2019 ha scelto di competere per la Cina, dove è conosciuta come Gu Ailing. In vista dei Giochi, la sua popolarità è salita alle stelle, il suo viso è disseminato di cartelloni pubblicitari, pubblicità, copertine di riviste e alla televisione di stato.

Da quando i giochi sono stati lanciati, è diventato una sensazione a livello nazionale, guadagnando oltre 5 milioni di fan sul sito di social network Weibo.

Acclamata come “l’orgoglio della Cina” dopo aver vinto la sua prima medaglia d’oro, da allora ha vinto più medaglie di chiunque altro per il Team China in questi giochi. Dopo la vittoria finale all’Halfpipe, la Cina ora vanta otto medaglie d’oro, così come gli Stati Uniti (sebbene il conteggio totale delle medaglie della Cina sia in ritardo rispetto agli Stati Uniti).

Ma Joe ha minimizzato l’importanza della rivalità nazionale nello sport.

“L’unica cosa che amo così tanto del pattinaggio libero è questo cameratismo e questo spirito di supporto che non riguarda il paese per cui stai pattinando, ma la nostra passione condivisa per questo sport e questa capacità unica di questo sport estremo di unire persone perché non siamo qui per rompere i confini di un paese, siamo qui per rompere i confini umani”, ha detto.

“Non si tratta di nazionalità, si tratta di riunire le persone. Si tratta di condividere la cultura. Si tratta di imparare gli uni dagli altri e fare amicizia”.

Sebbene Gu si sia rivelata in competizione per la Cina, non è chiaro se abbia rinunciato alla cittadinanza statunitense, di solito un requisito per la naturalizzazione cinese, poiché il paese non consente la doppia cittadinanza. Ha ripetutamente evitato le domande sulla sua nazionalità mentre sottolineava la sua doppia identità, dicendo spesso: “Quando sono in Cina, sono cinese. Quando sono negli Stati Uniti, sono americana”.

READ  Note di Mets: Scherzer, Degrum, Miguel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.