Ecco perché la NASA ha impiegato così tanto tempo per provare a lanciare un altro Artemis I

I ritardi più lunghi possono essere attribuiti a diversi fattori, tra cui stranezze di programmazione, potenziale traffico sul sito di lancio e il desiderio della NASA di assicurarsi che risolva gli ultimi problemi con il carburante fuoriuscito.

Per riassumere cosa è successo sabato 3 settembre: i funzionari di lancio sono entrati con sicurezza nel tentativo di questo fine settimana di lanciare il razzo, chiamato Space Launch System, o SLS. Ma poi, quando il razzo è stato nuovamente caricato con carburante a idrogeno liquido super freddo, si è verificata una grave perdita. e la NASA Martedì detto Inizierà a cercare di correggere questi problemi mentre il missile è ancora sulla rampa di lancio.
Ma, alla fine, l’agenzia spaziale dovrà comunque restituire il razzo al vicino Vehicle Assembly Building, un volo di 4,2 miglia e impiegare circa 10 ore, per “ripristinare le batterie del sistema”, secondo Martedì. Post sul blog dalla NASA.

E quando si tratta di impostare una nuova data di uscita, i tempi saranno complicati.

Il tempismo può essere tutto

In un determinato giorno, ci sono fasce orarie prestabilite – o “finestre di lancio” – che vengono messe da parte quando il missile può essere lanciato e possono variare da circa mezz’ora a poche ore al giorno. Ma anche quelle finestre non sono disponibili tutti i giorni. C’è anche”periodi di lancioQuesti sono periodi di giorni in cui la Luna è allineata con la Terra in modo favorevole a questa missione.

L’ultimo periodo di lancio è terminato martedì 6 settembre e la NASA ha affermato che era impossibile per l’SLS essere pronto a volare durante quel periodo.

Il prossimo periodo di lancio va dal 19 settembre al 4 ottobre. Ma c’è un altro potenziale problema: la NASA lo sta pianificando Lancio della missione Crew-5, che trasporterà un nuovo equipaggio di astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale a bordo di un razzo SpaceX, il 3 ottobre. La NASA dovrà lavorare per garantire che un lancio non interferisca con un altro.
Più tardi, ad ottobre, inizierà un altro periodo di lancio, dal 17 ottobre al 31 ottobre. Questo periodo fornirà fino a 11 potenziali finestre di lancio per SLS. (Nota: ci sono file Nessun orario di lancio disponibile Il 24, 25, 26 e 28 ottobre.)

Gli obiettivi della NASA per il periodo e la finestra esatti dipenderanno da una varietà di fattori, incluso quanto bene si coordinano con SpaceX per quanto riguarda il lancio dell’Equipaggio-5 e per quanto tempo il razzo SLS rimarrà sulla rampa di lancio mentre gli ingegneri lavorano per riparare la perdita, secondo a Jim Frey, amministratore associato della NASA, per sviluppare sistemi di esplorazione.

READ  La luna piena gigante di luglio sarà la luna più grande e luminosa del 2022

carburante super cool

Quando un razzo SLS viene alimentato, richiede enormi quantità di ossigeno liquido altamente raffreddato e idrogeno liquido da pompare nei serbatoi del razzo. Quando l’idrogeno viene caricato, il carburante inizia a pompare lentamente, ma poi aumenta di velocità in quello che viene chiamato “riempimento rapido”. E durante questo rapido riempimento si è verificata una “grande perdita” – anche più grande delle perdite identificate dalla NASA durante il tentativo di lancio del 29 agosto.

Ecco perché i funzionari di lancio vogliono assicurarsi che la correzione sia identificata e che la radice del problema sia identificata prima di fare il prossimo tentativo. A partire da sabato, un’ipotesi era che un problema alla valvola avrebbe potuto causare un aumento della pressione dell’idrogeno, portandola a meno di 60 libbre per pollice quadrato di pressione invece dei 20 libbre per pollice quadrato che speravano, Michael Sarafin, missione Artemis manager, ha detto sabato. .

Fino a sabato, la NASA ha anche cercato di risolvere molti dei problemi incontrati durante Il primo tentativo di lanciare un missile SLS Il 29 agosto. Ha affrontato alcune perdite che si sono verificate durante il rifornimento e ha valutato i rischi relativi a un problema con il sistema di raffreddamento del motore e una crepa in alcune delle guaine di schiuma in uno dei serbatoi del razzo.

La NASA potrebbe scegliere di dare un’altra occhiata a questi problemi mentre sta lavorando anche al suo prossimo tentativo di lancio.

A complicare la selezione della prossima data di lancio target c’è il clima instabile della Florida. Per qualsiasi lancio di missili, vento forte, fulmini o altre condizioni sfavorevoli possono causare ulteriori ritardi. La fine dell’estate e l’inizio dell’autunno possono anche portare uragani sulla costa della Florida, dove si trova l’SLS.

Ragni spaziali giganti catturati dal telescopio Webb della NASA

La NASA sta valutando le possibilità e il pubblico può aspettarsi più risposte nei prossimi giorni e settimane.

READ  Uno studio sulle uova dice che i dinosauri erano in declino quando l'asteroide ha colpito

Questa è scienza missilistica

Come hanno affermato in precedenza i funzionari della NASA, sperano di comunicare che questi ritardi e problemi tecnici non indicano necessariamente un problema significativo con il razzo.

Prima dell’SLS, il programma Space Shuttle della NASA, che ha volato per 20 anni, soffriva di frequenti lanci. Anche i razzi Falcon di SpaceX hanno una storia strofina Per problemi meccanici o tecnici.

Dopotutto, questa è scienza missilistica.

“Posso dirvi che queste squadre sanno esattamente cosa stanno facendo e sono molto orgoglioso di loro”, ha detto sabato l’amministratore della NASA Bill Nelson. “Abbiamo cercato di sottolineare che questo è un test e un test che presenta determinati rischi e lo abbiamo bombardato in ogni commento pubblico che abbiamo avuto per allineare le aspettative alla realtà”.

Frye, l’amministratore associato della NASA, ha aggiunto che il suo team farà sempre un tentativo di lancio ottimista sul fatto che il decollo avverrà.

“Sono sicuro che ci sarà una domanda, siamo fiduciosi?”, ha detto. “In realtà mi piace questa domanda perché (chiedere) ‘Sei sicuro di alzarti dal letto stamattina?'” “

Questa missione, chiamata Artemis I, dovrebbe aprire la strada a molte altre missioni sulla Luna. La missione Artemis II, prevista per l’inizio del prossimo anno, dovrebbe seguire una traiettoria di volo simile intorno alla Luna, ma avrà un equipaggio a bordo. Entro la fine di questo decennio, gli astronauti di Artemis III dovrebbero atterrare sulla Luna per la prima volta dal programma Apollo della NASA a metà del 20° secolo.

Ashley Strickland della CNN ha contribuito a questa storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.