È stato scoperto il batterio più grande del mondo delle dimensioni di una ciglia umana

Iscriviti alla newsletter di Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte sorprendenti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Questo è un batterio che non hai mai visto prima, molto probabilmente perché fino ad ora tutti i batteri conosciuti potevano essere visti solo usando un potente microscopio composto.

Il batterio appena scoperto è abbastanza grande da essere visibile ad occhio nudo e ricorda la forma E delle dimensioni di un ciglio, è stato trovato in Guadalupa nelle Piccole Antille, secondo uno studio pubblicato giovedì su Rivista di scienza.

Thiomargarita magnifica – in riferimento alle sue dimensioni eccezionali – ha una lunghezza media delle cellule di oltre 9.000 μm, circa 1 cm (0,4 pollici) di lunghezza. Le cellule della maggior parte dei batteri sono lunghe circa 2 µm, sebbene le cellule più grandi possano arrivare fino a 750 µm.

T. magnifica può essere lungo fino a 2 centimetri, secondo il coautore dello studio Jean-Marie Foland, biologo marino e scienziato presso il California Laboratory for Complex Systems Research e membro del Joint Genome Institute del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti.

“Per capire quanto sia grande questo per i batteri, è come se avessimo trovato un essere umano lungo il Monte Everest”, ha detto mercoledì alla Galileus Web.

Più di 625.000 batteri di E. coli possono stare sulla superficie di un singolo T. magnifica. Tuttavia, nonostante le dimensioni dei batteri, la loro superficie è “notevolmente pura”, priva di batteri presenti in superficie su piante e animali viventi, secondo lo studio.

In precedenza si credeva che i batteri non potessero crescere fino alle dimensioni visibili ad occhio nudo a causa del modo in cui interagiscono con il loro ambiente e producono energia.

Ma T. magnifica ha un’estesa rete di membrane in grado di produrre energia in modo che non dipenda solo dalla superficie dei batteri Per assorbire i nutrienti attraverso la sua cellula. Volland è stato in grado di visualizzare e osservare cellule giganti in 3D con l’aiuto di tomografia a raggi X, microscopia laser confocale e microscopia elettronica a trasmissione, secondo nuova versione.

La cellula di T. magnifica contiene il proprio DNA situato in piccoli organelli legati alla membrana chiamati pipeine.

A differenza della maggior parte dei batteri, che contengono materiale genetico che fluttua liberamente all’interno della loro singola cellula, la cellula di T. magnifica contiene il proprio DNA contenuto in piccole sacche legate alla membrana chiamate pepin.

“Questa è stata una scoperta interessante che ha aperto molte nuove domande perché non è qualcosa che tradizionalmente si osserva nei batteri. In realtà è una caratteristica di cellule più complesse, il tipo di cellule che compongono il nostro corpo o animali e piante, “Ha detto Foland. E cosa fa esattamente e se svolge un ruolo nello sviluppo del gigantismo di questi batteri, per esempio”.

T. magnifica è stato scoperto in Guadalupa.

T. magnifica è stato scoperto per la prima volta in crescita come sottili fili bianchi sulle superfici delle foglie di mangrovie in decomposizione in paludi di mangrovie marine tropicali poco profonde in Guadalupa, secondo lo studio.

Questi batteri giganti crescono sui sedimenti sul fondo delle acque sulfuree, dove sfruttano l’energia chimica dello zolfo e usano l’ossigeno dall’acqua circostante per produrre zuccheri, secondo Voland. T. magnifica può anche produrre cibo dall’anidride carbonica.

È stato suggerito che, essendo molto più grande dei batteri medi, una cellula di T. magnifica potrebbe essere più efficace nell’accedere all’ossigeno e allo zolfo nel suo ambiente allo stesso tempo, secondo Voland.

È anche possibile che la dimensione delle cellule di T. magnifica rispetto ad altri microbi nel gruppo batterico significhi che non devono preoccuparsi di essere mangiati dai predatori.

Viene visualizzata una vista subacquea di un sito di mangrovie in Guadalupa che i ricercatori hanno campionato da aprile a maggio 2022.

Tania Woicki, scienziato capo del Lawrence Berkeley National Laboratory in California, pensa che batteri giganti, o specie affini, si trovino probabilmente in altre mangrovie in tutto il mondo.

“È sempre sorprendente quanto poco sappiamo del mondo microbico e quanto ce ne sia là fuori”, ha detto mercoledì alla Galileus Web, aggiungendo che il mondo microbico “rimane una scatola nera”. Wiki, che guida il programma di genomica microbica del Dipartimento dell’Energia del Joint Genome Institute degli Stati Uniti, è un autore senior dello studio.

Lo studio ha concluso che “il pregiudizio di conferma relativo alle dimensioni del virus ha impedito la scoperta di virus giganti per più di un secolo”. “La scoperta di Ca. T. magnifica suggerisce che batteri grandi e complessi potrebbero nascondersi in bella vista”.

“Solo perché non l’abbiamo ancora visto, non significa che non esista”, ha aggiunto Wiki.

READ  La Cina non è SpaceX, potrebbe essere la fonte di uno schianto di un razzo sulla luna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.