È apparso il buco nero della Via Lattea?

Cosa sta succedendo alla nostra galassia?

Gli astronomi sospettano da tempo un buco nero supermassiccio a 26.000 anni luce di distanza nella costellazione del Sagittario, dietro le nubi di polvere e gas che coprono il centro della Via Lattea. In questa oscurità, l’equivalente di milioni di stelle è stato inviato per sempre, lasciando un campo gravitazionale spettrale e uno spazio-tempo che si attorcigliano violentemente. Nessuno sa dove porti la porta o cosa, semmai, dall’altra parte.

L’umanità si sta ora preparando a dare uno sguardo più intimo a questo pasticcio. Nell’ultimo decennio, un team internazionale di oltre 300 astronomi ha addestrato l’Event Horizon Telescope, una rete di radio osservatori che si estende in tutto il mondo, sull’arco di una A* (pronunciata A-star), una debole sorgente di onde radio – un presunto buco nero – Al centro della nostra galassia. Giovedì alle 9:00 ET, il team, guidato da Shepherd Doelman, un astronomo dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, rilascerà le sue ultime scoperte in sei conferenze stampa simultanee a Washington e in tutto il mondo.

La squadra è determinata a non parlare con i media. Ma nell’aprile 2019, lo stesso gruppo ha sbalordito il mondo con la sua produzione La prima immagine di un buco nero Un supermassiccio toro di energia nella galassia Messier 87, o M87, circonda il vuoto.

“Abbiamo visto ciò che pensavamo fosse invisibile”, ha detto Doelman in quel momento. Questa fotografia è ora conservata al Museum of Modern Art di New York.

Una scommessa non informata è che il team sia ora riuscito a produrre un’immagine di Arch A*, la nostra torta del destino. Se il team del Dr. Shepherd vedrà di nuovo l'”invisibile”, il risultato rivelerà molto su come opera la galassia e cosa si svolge nei suoi oscuri recessi.

READ  Guarda SpaceX lanciare 54 satelliti Starlink venerdì dopo il ritardo

I risultati potrebbero essere sorprendenti e informativi, ha affermato Jana Levine, teorica della gravità al Barnard College della Columbia University, che non faceva parte del progetto. “Non sono ancora annoiata dalle immagini dei buchi neri”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.