Donna arrestata in Corea del Sud dopo il ritrovamento di corpi in Nuova Zelanda

Seoul, Corea del Sud (AFP) – Una donna sudcoreana è stata arrestata giovedì con l’accusa di omicidio dalla Nuova Zelanda, dove si trovano i corpi Il mese scorso, hanno detto le autorità, due bambini morti da tempo sono stati trovati in valigie abbandonate.

Le autorità non hanno subito detto se il sospetto 42enne fosse la madre dei bambini morti. La polizia neozelandese aveva informato in precedenza la loro controparte in Corea del Sud Che la madre possa vivere in Corea del Sud.

La polizia sudcoreana ha arrestato la donna nella città portuale sudorientale di Ulsan, sulla base di un’ingiunzione del tribunale sudcoreana emessa dopo che la Nuova Zelanda ne aveva chiesto l’arresto provvisorio come parte del processo di estradizione, secondo l’Agenzia nazionale di polizia e il Ministero della giustizia della Corea del Sud.

La donna non identificata si è coperta il viso con il cappotto mentre gli agenti l’hanno scortata fuori dalla stazione di polizia di Ulsan e l’hanno caricata in un’auto diretta alla capitale, Seoul, dove i pubblici ministeri avrebbero dovuto interrogarla.

Le autorità neozelandesi devono presentare una richiesta formale di estradizione al Ministero della Giustizia sudcoreano entro 45 giorni. Il dipartimento deciderà quindi se avviare una revisione dell’estradizione presso l’Alta Corte di Seoul per decidere se inviarla in Nuova Zelanda.

La polizia neozelandese ha affermato che il mandato sudcoreano riguardava due capi di omicidio e ha invitato le autorità sudcoreane a tenere la donna in prigione fino all’estradizione.

“La detenzione di una persona all’estero durante un periodo così breve è dovuta all’assistenza delle autorità coreane e al coordinamento degli agenti di polizia neozelandesi dell’Interpol”, ha affermato in una nota l’ispettore investigativo Tufilau Famanuya Valois.

READ  Il candidato alla leadership britannica Sunak attacca la risposta del COVID al blocco

Ha detto che l’indagine era stata “estremamente difficile” e che le indagini stavano continuando in Nuova Zelanda e all’estero.

Valois ha detto che la polizia non rilascerà ulteriori commenti perché la questione è ora davanti ai tribunali. Le autorità neozelandesi di solito non commentano le cause pendenti per evitare la possibilità di incidere sull’esito.

I corpi dei bambini sono stati scoperti il ​​mese scorso dopo che una famiglia neozelandese ha acquistato beni abbandonati, comprese due valigie, da un magazzino di Auckland in un’asta online. La polizia ha detto che la famiglia neozelandese non ha nulla a che fare con le morti.

I bambini avevano tra i 5 ei 10 anni, erano morti diversi anni fa e le borse erano rimaste in deposito per almeno tre o quattro anni, secondo la polizia.

La polizia sudcoreana afferma che la donna è nata in Corea del Sud e poi si è trasferita in Nuova Zelanda, dove le è stata concessa la cittadinanza. È tornata in Corea del Sud nel 2018, secondo i registri dell’immigrazione.

La polizia sudcoreana ha affermato di sospettare che potesse essere la madre delle due vittime, poiché il suo precedente indirizzo in Nuova Zelanda era registrato nell’unità di deposito dove sono state conservate per anni le valigie.

____

Perry riferisce da Wellington, Nuova Zelanda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.