Difficile credere che stia effettivamente accadendo: Shanghai revoca il blocco del COVID

  • Shanghai rimuove le barriere di sicurezza e il nastro della polizia
  • Il lockdown scadrà a mezzanotte tra due mesi
  • Molti sono preoccupati di contrarre il COVID e i rischi di essere nuovamente chiusi

SHANGHAI (Reuters) – Le autorità di Shanghai hanno iniziato martedì a smantellare le recinzioni attorno ai complessi di appartamenti e a strappare il nastro della polizia dalle piazze e dagli edifici pubblici prima di revocare un blocco di due mesi nella più grande città della Cina a mezzanotte.

Lunedì sera, alcune persone hanno fatto uscire i loro complessi per brevi passeggiate e hanno approfittato di una fermata del traffico per raccogliere birra e gelato nelle strade deserte. Ma c’era un senso di cautela e ansia tra la popolazione.

“Mi sento un po’ nervoso”, ha detto Joseph Mack, che lavora nel settore dell’istruzione. “È difficile credere che sia successo davvero”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La maggior parte di loro sarà di nuovo bloccata a casa fino a mezzanotte, poiché negli ultimi due mesi è stata sottoposta a un rigido blocco che ha messo a dura prova le entrate e causato stress e disperazione per le persone che lottano per procurarsi il cibo o ottenere assistenza sanitaria di emergenza.

L’isolamento prolungato ha suscitato rabbia pubblica e rare proteste all’interno della città di 25 milioni di abitanti, danneggiato l’economia industriale e pesantemente esportata, interrotto le catene di approvvigionamento in Cina e nel mondo e rallentato il commercio internazionale.

La vita dovrebbe tornare a una parvenza normale da mercoledì, quando verranno revocati i permessi agli edifici residenziali per le persone di uscire per alcune ore, i trasporti pubblici riprenderanno e i residenti potranno tornare al lavoro.

READ  Il comandante ucraino ordina uno sforzo di evacuazione internazionale presso lo stabilimento di Mariupol poiché la situazione è "critica"

“Questo è un giorno che sognavamo da molto tempo”, ha detto ai giornalisti la portavoce del governo di Shanghai Yin Xin.

“Tutti si sono sacrificati così tanto. Questa è stata una giornata difficile, e dobbiamo custodirlo e proteggerlo, e bentornato a Shanghai che conosciamo e ci manca”.

Martedì, vicino a un ruscello a Shanghai, un negozio di oche speziate riforniva gli scaffali, un bar stava facendo lavori di ristrutturazione dell’ultimo minuto e gli addetti alle pulizie stavano pulendo le vetrine.

Le restrizioni saranno allentate per circa 22,5 milioni di persone nelle aree a basso rischio. I residenti dovranno comunque indossare le mascherine ed evitare assembramenti. È ancora vietato mangiare all’interno dei ristoranti. I negozi possono operare al 75%. Le palestre riapriranno in un secondo momento. Leggi di più

I residenti dovranno sostenere un test ogni 72 ore per utilizzare i mezzi pubblici e accedere agli spazi pubblici. Resta in serbo una severa quarantena per tutti coloro che prendono il COVID e i loro contatti stretti.

blocco attento

Solo la Cina è tra i principali paesi che attuano una politica “zero COVID” per arginare l’epidemia a quasi tutti i costi.

Julian McCormack, presidente della British Chamber of China, ha affermato che Shanghai ha preso il controllo del COVID “a un costo personale ed economico molto significativo”.

“Cosa è cambiato materialmente per garantire che ciò non accada di nuovo?”, ha chiesto. “Ecco dove sta l’incertezza”.

READ  Presidente cinese: Hong Kong sta passando dal caos al potere

Todd Pearson, amministratore delegato del Camel Hospitality Group, che gestisce ristoranti, bar e palestre a Shanghai e dintorni, è preoccupato.

I suoi ristoranti possono fare solo consegne, che generano circa il 5% delle entrate, non sufficienti per pagare stipendi e affitto. Almeno da mezzanotte i suoi lavoratori che dormono sul cantiere possono finalmente tornare a casa.

“Spero che accelerino per ricostruire l’economia”, ha detto Pearson. “Spero solo che non avvenga a costo di ulteriori focolai. Non sono sicuro che molte aziende o persone possano gestirne di più”.

L’attività economica in Cina si è leggermente ripresa a maggio dal cupo aprile poiché le restrizioni COVID nei centri di produzione sono state gradualmente allentate, sebbene i controlli sui movimenti abbiano ancora compresso la domanda e frenato la produzione. Leggi di più

Divertimento con i media

Shanghai ha riportato 31 casi il 30 maggio, in calo rispetto ai 67 del giorno prima, riflettendo una tendenza al ribasso in tutta la Cina a meno di 200 infezioni a livello nazionale.

La fine del lockdown a Shanghai non significa un ritorno agli stili di vita pre-coronavirus.

Alcuni impiegati di banca hanno detto che dovranno indossare tute protettive complete e una visiera quando inizieranno ad affrontare il pubblico da mercoledì. Uno ha detto che avrebbe portato alcune forniture essenziali per lavorare, nel caso in cui un collega risulti positivo e i dipendenti debbano isolarsi in ufficio.

La gestione del blocco da parte della città ha suscitato rare proteste, con le persone che a volte sbattevano pentole e padelle fuori dalle finestre per esprimere il loro dispiacere.

“Il governo di Shanghai ha bisogno di scusarsi pubblicamente per ottenere la comprensione e il sostegno del popolo di Shanghai e riparare il rapporto danneggiato tra il governo e il popolo”, ha affermato Zhou Weiguo, professore alla School of Foreign Languages ​​dell’Università di Fudan. Inserito su WeChat.

READ  Gli ucraini fanno appello per salvare Mariupol; Il progresso russo è strisciante

Le manifestazioni di malcontento arrivano durante un anno delicato per il presidente Xi Jinping, che dovrebbe assicurarsi un terzo mandato questo autunno.

Un complesso ha appeso una bandiera cinese con cui i residenti possono scattare foto mentre si mettono in fila per un altro test PCR prima della riapertura.

“Vale la pena festeggiare”, ha detto un volontario presso il sito di test, che era più ottimista sul COVID rispetto a quelli a cui è stato fatto il tampone al naso. “Probabilmente non lo avremo più nel resto delle nostre vite.”

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di David Stanway, Winnie Zhou, Brenda Goh, Weifan Wang, David Carton, Alby Zhang, Stella Q, uffici di Pechino e Shanghai; Scritto da Marius Zaharia. Montaggio di Michael Perry e Angus McSwan

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.