Diablo Cody riflette su Post-Roe – The Hollywood Reporter

GiunoneE il Una sceneggiatura ambientata da uno scrittore relativamente sconosciuto, Diablo Cody, è diventata rapidamente un grande successo nel 2007, vincendo l’Oscar, i BAFTA Awards e la Writers Guild of America per la migliore sceneggiatura originale, insieme a nomination all’Oscar per il film e poi a 20 anni Old Elliot Page , che interpretava il personaggio titolare.

Sono passati 15 anni da quando il film è stato distribuito per la prima volta, ma è ancora un po’ uno zeitgeist, che abbraccia uno spaccato trasversale di cultura e politica ora particolarmente toccante mentre le conversazioni ruotano attorno all’etica della recente decisione della Corte Suprema di rescindere Raw contro WadeE il che ha garantito per 49 anni il diritto della donna in fase di parto di scegliere di continuare la gravidanza, o di interromperla mediante cattiva amministrazione.

in Giunone, L’eroe adolescente affronta una gravidanza non pianificata e contempla la possibilità di un aborto, ma alla fine decide di portare in grembo suo figlio e lo dà in adozione. Nel corso degli anni, il film ha avuto sostenitori e critici vocali che vedono il film in modo diverso in base al trattamento dei temi della giustizia riproduttiva. Alla luce di questo, Cody ha parlato Il giornalista di Hollywood sulle sue intenzioni quando ha scritto il film oltre 15 anni fa e riflette su come si trova nel contesto culturale altamente pericoloso di oggi.

Quando scrivi la sceneggiatura per Giunone, Ricordi come si parlava di aborto e di diritto all’aborto?

Ho scritto il film nel 2005, 17 anni fa. Il film è ufficialmente più vecchio del protagonista, il che è pazzesco a pensarci. Quando guardo indietro al momento in cui scrivo la sceneggiatura, mi sento triste, perché all’epoca non mi era mai venuto in mente che i miei diritti riproduttivi potessero essere in pericolo. Se qualcuno mi ha detto all’epoca – da femminista più giovane e spensierata – questo è il 2022, Raw contro Wade Sarebbe capovolto, sarei rimasto inorridito e avrei pensato che stessimo precipitando in una sorta di distopia inimmaginabile, e probabilmente avrei avuto ragione. Ma all’epoca sembrava impossibile. ho preso Ro Per scontato, molti di noi hanno. Stavo solo creando; Non ho mai inteso che il film fosse un qualsiasi tipo di dichiarazione politica. Non riesco a immaginare di essere di nuovo così innocente.

Cosa ti ha ispirato a raccontare una storia Giunone, una storia sul raggiungimento della maggiore età in cui la crescita di un eroe è tracciata dalla decisione di interrompere quasi una gravidanza non pianificata, ma poi scegliere di portarla avanti per l’intero periodo? L’avevi già visto o avevi voglia di aggiungere qualcosa di nuovo alla scena del film in quel momento?

READ  Il trailer del teaser di Hocus Pocus 2

Penso che la relazione principale che mi interessava esplorare nel film fosse quella tra Giunone [played by Elliot Page] Ed entrambi i genitori adottivi, i personaggi di Jennifer Garner e Jason Bateman. Ho pensato che suonasse come una grande dinamica che non avevo mai visto sullo schermo prima. Ricordo che per quanto riguarda la gravidanza stessa una specie di ordine di cospirazione [director] Jason Reitman ha descritto la gravidanza come un “luogo” e ho pensato che fosse interessante. Era più di una semplice preparazione.

L’intero aspetto della scelta, per quanto folle ora sembrasse, non era niente di più pesante sulle mie spalle. Ho appena pensato: Come posso portare questo personaggio nel soggiorno di questa coppia che vuole adottare suo figlio? Perché volevo scrivere questa scena. Quindi tutto ciò che ho fatto fino a quel momento è stato al servizio di quella storia. Non stavo davvero pensando a nient’altro. Ad essere onesto, pensavo di scrivere un campione; Stavo cercando di mettere il piede nella porta di Hollywood. Non mi è mai venuto in mente che la sceneggiatura sarebbe stata prodotta. La maggior parte l’ho scritta mentre lavoravo temporaneamente a Eden Prairie, nel Minnesota, durante l’ora di pranzo. Quindi sicuramente non l’ho pensato come quell’opera influente di cui parlerò 17 anni dopo, questo è certo.

Com’è stata la tua esperienza lavorando per produrre questo film? Hai incontrato qualche opposizione a Hollywood, soprattutto considerando l’argomento? Qualcuno l’ha letto come potenzialmente troppo polarizzante o politico?

Niente affatto, perché era un film a bassa posta in gioco. Non c’erano molti soldi in gioco. E all’epoca c’era un vero appetito nel mercato delle sceneggiature per questi strani film indipendenti. era pomeriggio La piccola signorina Sunshine E il Napoleone Dinamite. Non credo che un film come Giunone Oggi uscirà nelle sale. Ma a quel tempo, le persone stavano ancora correndo dei rischi con storie come questa. Non ricordo che nessuno si sia preoccupato che fosse provocatorio o qualcosa del genere.

Giunone È stato un successo di critica e commerciale al botteghino e ha generato polemiche: è stato elogiato da alcuni come un film femminista e altri criticato da altri. È contro la scelta. Eri a conoscenza del dialogo pubblico sul film nel 2007? E negli anni successivi, ha partecipato al discorso sul suo trattamento dell’aborto?

READ  Spettacolo dell'intervallo del Super Bowl 2022: incontra Snoop Dogg, Eminem, Mary J. Blige e il resto del cast

Non avevo molta chiarezza in quel momento perché sono entrato in questa realtà surreale di essere un personaggio pubblico dall’oggi al domani, qualcosa che non mi aspettavo accadesse. È stato assolutamente scioccante – e avevo la testa fuori dal culo – che non avessi molta familiarità con nessuno dei dialoghi culturali che circondano il film. È così strano essere solo uno scrittore e presumere che ti godrai questo sconosciuto per sempre, e poi ti prendono in giro Sabato sera in diretta.

Sono rimasto fuori dal discorso. Tutta questa esperienza, che ora è storia vecchia, mi ha reso molto protettivo nei confronti di me stesso. Sono stato davvero clandestino per un po’ – non commento molto i miei film – ma sono decisamente favorevole alla scelta e sono stato per tutta la mia vita. Per me è importante chiarirlo. Ma, sai, posso capire perché le persone fraintendono il film. Guardando indietro, posso vedere come potrebbe essere visto come un’anti-scelta. Questo mi terrorizza.

Nel 2008 ho ricevuto una lettera da alcuni amministratori del mio liceo cattolico in cui mi ringraziavano per aver scritto un film in linea con i valori della scuola. Ed ero tipo: Che cosa hai fatto? Il mio obiettivo come artista è di essere un traditore di quella cultura, non di raggiungerla.

in GiunoneJuno McGough (pagina), 16 anni, racconta le notizie di una gravidanza non pianificata e sceglie la strada migliore da seguire.

Fox Searchlight / Everett Collection Per gentile concessione di

Quali sono alcune delle sfide che hai dovuto affrontare quando hai scritto di gravidanze e adozioni non pianificate? Hai dovuto fare qualche reportage per capire come rendere reale la storia?

Stavo scrivendo interamente dal mio intuito in quel momento, il che potrebbe essere sfortunato. Ora ho dei figli e ho avuto alcune di quelle esperienze, quindi penso che probabilmente porterei molto di più in una storia come questa. Ma ho parlato con alcune persone.

È interessante notare che la critica più forte che ho visto sul film Generation Z sui social media non ha nulla a che fare con la storia dell’aborto, in realtà è una discussione molto vivace sull’etica dell’adozione personale. La maggior parte delle persone che sono nate adolescenti non hanno una storia come Giunone dove hanno molto sostegno familiare, sai, Allison Janney [Juno’s stepmother in the film] Ha le spalle. Non hanno la possibilità di crescere i propri figli anche se lo volessero, quindi molti di loro si sentono costretti. Questa è una discussione che ho visto su TikTok e penso che sia una conversazione molto utile da avere.

READ  Gli Academy Awards si scusano con Sacheen Littlefeather per aver abusato del discorso degli Oscar | Oscar

Le persone a volte citano la vista di Giunone che va in clinica e che ha un’iscrizione contro l’aborto in prima linea come anti-scelta perché è ciò che la aiuta a cambiare la sua decisione di continuare la gravidanza e accettare l’adozione chiusa. Ma d’altra parte, forse questo può essere letto come realistico. Ci sono parti del film che vorresti riportare indietro o ripensare con il senno di poi?

Bene, ecco il fatto, da adolescente, ero molto sensibile alla realtà fisica del processo di aborto. Ho pensato che suonasse spaventoso, il che non sorprende se si considera il fatto che a scuola sono stato bombardato da propaganda ingannevole contro l’aborto. E penso che questo si rifletta nel film: va alla clinica per aborti, tira fuori i polli (cosa che avrei realisticamente fatto a quell’età, soprattutto considerando tutti i traumi religiosi con cui stavo affrontando in quel momento). Non ho più paura dell’aborto. Ne ho uno adesso. L’inferno era molto meno terrificante del parto. Ma il film è un riflesso di come ci si sente ad essere una ragazza.

Penso che il motivo per cui sono stato ispirato a usare la gravidanza come luogo, per così dire, sia perché è proprio quella trasformazione. Sembrava una metafora appropriata per diventare maggiorenne, quindi non ho rimpianti per aver scritto il film. Penso che sia importante che continui a spiegare i miei sentimenti al riguardo perché l’ultima cosa che voglio è che qualcuno interpreti il ​​film come un’anti-scelta. Questa è la mia paranoia.

Non avrei mai pensato di rivisitare il film: sembra qualcosa che dovrebbe essere ancora conservato nell’ambra. Ma preferirei che esistesse questo account piuttosto che [my] Il silenzio è male interpretato.

Linguaggio inclusivo di genere Di recente è apparso come interlocutore nella conversazione sui diritti dell’aborto e sono rimasto colpito da quanto profondamente Elliot Page abbia assunto il ruolo dell’eroina incinta in Giunone. Penso che questo sia in realtà un collegamento davvero forte con i dibattiti odierni sulla visione queer del movimento per la giustizia riproduttiva.

Sostengo pienamente il linguaggio inclusivo. Penso che sia bello riconsiderare Giunone Attraverso una strana lente, sapendo ora che l’attore protagonista è un uomo trans. Ovviamente, all’epoca, non lo sapevo. Quindi non posso contare su una rivisitazione radicale della gravidanza adolescenziale. Ma penso che sia un’ottima conversazione. E sono contento che abbiamo quella rappresentazione, anche in retrospettiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.