Crisi di Taiwan: la Cina difende l’annullamento dei colloqui militari Usa mentre riprendono le esercitazioni | Cina

Il ministero della Difesa cinese ha difeso la sospensione dei colloqui militari con gli Stati Uniti per protestare contro la visita di Nancy Pelosi a Taipei la scorsa settimana, con i suoi militari che hanno affermato che lunedì continueranno le esercitazioni intorno a Taiwan.

L’Esercito popolare di liberazione cinese ha pubblicato online che lunedì lancerà attacchi anti-sottomarini e incursioni navali, dopo quattro giorni di esercitazioni senza precedenti intorno all’isola autonoma.

Il portavoce del ministero della Difesa Wu Qian ha difeso la decisione di sospendere i canali militari, dicendo lunedì in un post online: “L’attuale situazione di tensione in Taiwan L’intero stretto è stato provocato e creato dalla parte statunitense di propria iniziativa, e la parte statunitense deve assumersi la piena responsabilità e le gravi conseguenze di ciò.

“La linea di fondo non può essere spezzata e la comunicazione richiede sincerità”, ha detto Wu.

La visita di Pelosi la scorsa settimana ha suscitato indignazione Cinache considera Taiwan propria e ha risposto lanciando per la prima volta test di missili balistici su Taipei, oltre ad abbandonare alcune linee di dialogo con Washington.

quattro giorni di L’allenamento doveva terminare domenica Ma ciò non è stato ufficialmente confermato dalle autorità cinesi, sollevando preoccupazioni tra alcuni analisti della sicurezza sul fatto che la situazione nello Stretto di Taiwan, specialmente vicino alla linea di demarcazione mediana non ufficiale, possa peggiorare ulteriormente.

Circa 10 navi da guerra provenienti sia dalla Cina che da Taiwan hanno manovrato a stretto contatto intorno alla linea domenica, secondo una persona che ha familiarità con la situazione coinvolta nella pianificazione della sicurezza.

Il ministero della Difesa dell’isola ha affermato che navi militari cinesi, aerei e droni hanno simulato attacchi all’isola e alla sua marina. Ha detto di aver inviato aerei e navi per rispondere “in modo appropriato”.

La Cina ha annullato venerdì i colloqui formali che coinvolgono la leadership a livello di teatro, il coordinamento della politica di difesa e le consultazioni navale-militari quando Pelosi ha lasciato la regione.

I funzionari del Pentagono, del Dipartimento di Stato e della Casa Bianca hanno condannato la mossa, definendola una reazione eccessiva e irresponsabile.

Analisti e diplomatici della sicurezza hanno affermato che l’interruzione da parte della Cina di alcuni dei suoi pochi contatti con l’esercito americano aumenta il rischio di un’escalation accidentale su Taiwan in un momento critico.

Un funzionario statunitense ha notato che i funzionari cinesi non hanno risposto alle chiamate di alti funzionari del Pentagono in mezzo alle tensioni la scorsa settimana, ma non hanno visto questo come una rottura formale dei legami con figure di spicco, come il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin.

In risposta a una domanda diretta sui rapporti, Wu ha affermato: “Le contromisure pertinenti della Cina sono un avvertimento necessario sulle provocazioni degli Stati Uniti e di Taiwan e una legittima difesa della sovranità e della sicurezza nazionale”.

READ  Il cinese Xi Jinping visita Hong Kong per celebrare l'anniversario del passaggio di consegne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.