Cos’è l’inflazione? Ecco il motivo dei prezzi elevati e di chi è la colpa

Cominciamo con la versione più semplice: l’inflazione si verifica quando i prezzi salgono su larga scala.

Questo “ampiamente” è importante: in qualsiasi momento, il prezzo delle merci oscillerà in base al cambiamento dei gusti. Qualcuno sta facendo un tik tok virale sui cavolini di Bruxelles e all’improvviso tutti devono prenderlo; In fiore, le gemme aumentano di prezzo. Nel frattempo, i venditori di cavolfiore, ortaggio di tendenza della scorsa stagione, stanno praticamente abbandonando le loro merci. Queste fluttuazioni sono costanti.

L’inflazione, tuttavia, si verifica quando il prezzo medio è praticabile Tutto quanto Gli acquisti dei consumatori sono in aumento. Cibo, case, automobili, vestiti, giocattoli, ecc., e per provvedere a queste necessità devono aumentare anche i salari.

Non è sempre una brutta cosa. Negli Stati Uniti, negli ultimi 40 anni circa (e soprattutto in questo secolo), abbiamo vissuto nel perfetto livello di inflazione bassa e lenta che deriva da un’economia ben oliata e guidata dai consumi, con prezzi in aumento del 2% a anno, se è così. Certo, i prezzi di alcune cose, come l’alloggio e l’assistenza sanitaria, sono molto più alti di prima, ma altre cose, come computer e televisori, stanno diventando molto più economici, quindi la media di tutte le cose messe insieme è stata relativamente stabile.

Sei ancora con me?

Bene, abbreviamo la giornata, e perché l’inflazione è nelle notizie.

Quando il termine “inflazione” è una brutta parola

L’inflazione diventa un problema Quando si fa sobbollire a fuoco basso e lento, portare a ebollizione. È allora che si sentono gli economisti parlare dell’economia del “surriscaldamento”. Per una serie di ragioni, derivanti in gran parte dalla pandemia, l’economia globale si trova in uno stato di estrema ebollizione in questo momento.

Gli economisti utilizzano due indicatori chiave per tenere traccia dell’inflazione statunitense e, sebbene entrambi siano stati allentati tra giugno e luglio, sono ancora vicini al livello più alto degli ultimi quattro decenni.

Il Indice dei prezzi al consumo Per il mese di luglio è aumentato dell’8,5%. spese per consumi personali L’indice dei prezzi, favorito dalla Federal Reserve, a luglio è salito del 9,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Ed è qui che Econ 101 si mescola un po’ con Psych 101. C’è un aspetto economico comportamentale nell’inflazione, che può diventare una profezia che si autoavvera. Quando i prezzi aumentano per un periodo abbastanza lungo, i consumatori iniziano ad aspettarsi prezzi più alti. Comprerai più beni oggi se pensi che costeranno di più domani. Ciò ha l’effetto di aumentare la domanda, che fa aumentare ancora di più i prezzi. e così via. e così via.

READ  Dove Walmart, Amazon e Target spendono miliardi in un'economia in rallentamento

È qui che può diventare particolarmente difficile per la Federal Reserve, il cui compito principale è controllare l’offerta di moneta e tenere sotto controllo l’inflazione.

Come siamo arrivati ​​qui?

Dai la colpa all’epidemia. La guerra della Russia all’Ucraina.

Nella primavera del 2020, con la diffusione del Covid-19, è stato come spogliarsi spina dell’economia globale. Chiusure di stabilimenti in tutto il mondo; La gente ha smesso di mangiare nei ristoranti; Le compagnie aeree hanno sospeso i voli. Milioni di persone sono state licenziate perché gli affari sono praticamente scomparsi dall’oggi al domani. Il tasso di disoccupazione in America è balzato a quasi il 15% da circa il 3,5% nel febbraio 2020.

È stata la recessione economica più grave di sempre.

Allo stesso tempo, la Federal Reserve ha implementato misure di stimolo di emergenza per prevenire il crollo dei mercati finanziari. La banca centrale ha abbassato i tassi di interesse quasi a zero e ha iniziato a pompare sui mercati decine di miliardi di dollari ogni mese, acquistando debito societario. In tal modo, la banca avrebbe probabilmente evitato un completo tracollo finanziario. Ma il mantenimento di queste politiche di denaro facile negli ultimi 20 mesi ha anche – indovinato – aumentato l’inflazione.

L'inflazione dei prezzi al consumo ha raggiunto il massimo da 40 anni a marzo
All’inizio dell’estate 2020, la domanda dei consumatori ha iniziato a riprendersi. velocemente. Il Congresso e il presidente Joe Biden hanno approvato a Storica fattura di stimolo da 1,9 trilioni di dollari A marzo ha improvvisamente fatto versare agli americani contanti e disoccupazione. La gente ha ricominciato a fare acquisti. La domanda è passata da zero a 100, ma l’offerta non può riprendersi facilmente.

Si scopre che quando si stacca la spina dall’economia globale, non si può semplicemente ricollegarla e aspettarsi che inizi allo stesso ritmo di prima.

Prendi le macchine, Per esempio. Le case automobilistiche hanno visto l’inizio della crisi del Covid e hanno fatto ciò che qualsiasi azienda intelligente avrebbe fatto: chiudere temporaneamente per attutire le perdite. Ma subito dopo la chiusura delle fabbriche, la pandemia ha anche aumentato la domanda di automobili poiché le persone erano preoccupate per l’esposizione ai trasporti pubblici ed evitavano di volare. Le case automobilistiche (e gli acquirenti di automobili) sono state colpite.
Case automobilistiche  I problemi sono molto peggiori di quanto pensassimo

Le automobili richiedono un numero enorme di parti, provenienti da un numero enorme di fabbriche diverse in tutto il mondo, per essere costruite da lavoratori altamente qualificati in altre parti del mondo. Ci vuole molto tempo per riportare online tutte queste operazioni segrete, e per farlo impedendo ai lavoratori di ammalarsi ci vuole ancora più tempo.

READ  L'"anomalia" di Blue Origin provoca l'interruzione della capsula

Gli economisti spesso descrivono l’inflazione come troppi soldi che inseguono pochi beni. Questo è esattamente quello che è successo con le auto. e case. e bici da gruppo. e un numero qualsiasi di altre merci che diventano merci calde.

In che modo la filiera è coinvolta in tutto questo?

“Colli di bottiglia della catena di approvvigionamento”: questo è un altro problema che vedi ovunque, giusto?

Torniamo all’esempio dell’auto.

Sappiamo che domanda elevata + offerta limitata = prezzi elevati.

Ma maggiore domanda + offerta limitata + ritardi nella produzione = prezzi più alti.

Tutte le auto moderne dipendono da questo Una varietà di chip per computer per lavoro. Ma questi chip sono utilizzati anche in telefoni cellulari, elettrodomestici, TV, laptop e dozzine di altri articoli che, sfortunatamente, erano molto richiesti allo stesso tempo.

Questo è solo un esempio di disconnessione nella catena di approvvigionamento globale. Poiché le auto nuove tardavano a uscire, la domanda di auto usate è aumentata vertiginosamente, facendo salire l’inflazione complessiva. In alcuni casi, i proprietari di auto sono stati in grado di vendere le loro auto usate per più di quanto le pagassero un anno o due fa.

cosa è successo dopo?

Prezzi e salari possono iniziare a scendere, ma è probabile che rimarranno alti per qualche tempo. Per quanto tempo e quanto, dipende da innumerevoli variabili in tutto il mondo.

L’invasione russa dell’Ucraina ha deluso le speranze che i prezzi sarebbero diminuiti drasticamente nel 2022.

Il conflitto ha sconvolto i mercati delle materie prime e del petrolio, facendo salire i prezzi di cibo e benzina in tutto il mondo. Ciò aggrava i problemi della catena di approvvigionamento, portando a di più Carenza di nutrienti e olio critici.
Nel frattempo, i blocchi in Cina all’inizio di quest’estate hanno lasciato il porto marittimo più grande del mondo Fondamentalmente un vicolo cieco. Anche le aziende hanno alcune colpe, con molte grandi aziende che aumentano i prezzi proteggere i propri margini di profitto.

E non si sa che tipo di nuovi shock – una variante Covid emergente, un enorme container bloccato in un ruscello o un disastro naturale – potrebbero impedire il progresso.

La Fed è pronta ad agire più rapidamente sui tassi di interesse

Nessun singolo governo o banca centrale può riparare l’inflazione causata da queste turbolenze globali.

READ  I futures su azioni TK dopo Walmart e Home Depot aiutano a costruire sul recente rally

Ma le banche centrali stanno facendo quello che possono. Negli Stati Uniti, la Federal Reserve ha iniziato ad aumentare i tassi di interesse a marzo di un quarto di punto percentuale, il suo primo aumento dal 2018, e da allora ha alzato i tassi quattro volte quest’anno. Non vi è alcuna indicazione che si fermeranno presto.

Quando diventa più costoso prendere in prestito denaro, può appianare gli aumenti dei prezzi e riportare l’economia in quell’atmosfera fresca e fresca. O almeno così spera la Fed. La sfida più grande è aumentare i tassi di interesse a un ritmo che l’economia può tollerare: aumentarli troppo o troppo rapidamente rischierebbe un crollo della domanda, che potrebbe far deragliare la crescita economica o causare una crisi. Recessione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.