Cosa guardare al Gran Premio dell’Azerbaigian 2022: Mega Perez, safety car e una forcella sul lato Mercedes

Dal prossimo round della tesa battaglia tra le prime due squadre al bivio lato Mercedes; E dalla McLaren con il lavoro da fare fino alle quasi inevitabili interruzioni, abbiamo individuato alcune delle cose principali a cui prestare attenzione per le strade di Baku al Gran Premio dell’Azerbaigian di domenica…

1. Un’altra battaglia tra Ferrari e Red Bull

Forse in questa stagione ha seguito più spesso la strada della Red Bull nelle corse finora – con Sergio Perez che ha vinto a Monaco per la quarta volta consecutiva – ma la battaglia per le qualifiche è stata finora vinta da Ferrari e Charles Leclerc.

LEGGI DI PIÙ: Leclerc brilla per Baku quando Perez lo raggiunge in prima fila nelle qualificazioni del Gran Premio dell’Azerbaigian

Leclerc ha raggiunto quattro pole position di fila con uno straordinario ultimo giro in qualifica – il sesto in otto gare – ed è anche pole position a Baku essendo stato il più veloce anche qui nel 2021.

Dal punto di vista del campionato, sarebbe in ottima forma dato che Leclerc guiderà lontano il campo, ma dietro di lui ci sono due Red Bull, con Perez che si unisce a lui in prima fila dopo un solido weekend finora. Il messicano è a soli 15 punti dal vantaggio in campionato e finora è sembrato più a suo agio del compagno di squadra Max Verstappen questo fine settimana, incoraggiato dalla sua vittoria a Monaco e Nuovo contratto biennale in tasca.

Perez sta anche cercando di diventare il primo due volte vincitore di questa gara, avendo vinto qui l’anno scorso, mentre Carlos Sainz è passato dal primo al quarto alla fine del terzo quarto, e sarà anche un fattore determinante per affrontare le prime due squadre . per la vittoria.

READ  Bruce Ariani di Box sul trading di Tom Brady se dovesse uscire dalla pensione: "No, brutti affari"

Qualificazioni alla Coppa del Mondo FIFA 2022 Azerbaigian: Leclerc batte Perez conquistando il primo posto

2. Splitter del gas Mercedes Benz

La Mercedes potrebbe essere stata in testa alla propria vettura a Barcellona, ​​ma erano un po’ indietro a Monaco e hanno lottato per risolvere i loro problemi di rimbalzo anche a Baku, impedendo loro di unirsi alla battaglia per il primo posto. Ma in questo contesto si sono quasi assicurati la terza fila, ma per Pierre Gasly.

Finora non è stata la stagione più facile per Gasly e a questo punto ha solo sei punti, ma il francese è sembrato veloce per tutto il sabato ed è riuscito a dividere un paio di Silver Arrows, finendo sesto in rete davanti a Lewis Hamilton. .

LEGGI DI PIÙ: Red Bull e Ferrari “in un campionato completamente diverso” afferma Hamilton dopo la frustrazione nelle qualificazioni a Baku

Anche Gasly e Alfa Toure sono stati forti qui l’anno scorso, finendo sul podio dopo essere partiti dalla seconda fila, e domenica ha la macchina per far venire il mal di testa alla Mercedes se riesce a mantenere la posizione o addirittura a sorpassare George Russell all’inizio.

Nel frattempo, Russell sta cercando di prolungare la sua impressionante partenza alla Mercedes, essendo arrivato tra i primi cinque in ogni gara finora quest’anno, ma il britannico ammette di aver lottato per saltare in macchina e teme di essere lì. Gara dura domenica.


Gasly sta facendo bene a Baku, condividendo la Mercedes in qualifica

3. La McLaren è fuori dalla top ten ma fiduciosa

I due piloti della McLaren sembravano essere nel mix nel terzo quarto dopo l’ultima sessione di prove libere, finendo tra i primi sei. Ma non è stato così nel tardo pomeriggio quando le temperature sono scese in qualifica ed entrambi sono finiti fuori dalla top 10, con Lando Norris 11° e Daniel Ricciardo 12°.

Norris pensava che avrebbe dovuto arrivare al terzo quarto ma per aver perso una battaglia cercando di ottenere una scivolata da Lewis Hamilton, ed è stato un messaggio a Ricciardo che avrebbe dato speranza ai fan della McLaren per domenica, poiché l’ingegnere di pista gli ha detto che avevano un macchina per cui combattere in gara.

LEGGI DI PIÙ: Gasly è lieto di dividere la coppia Mercedes con “Performance of the Year” a Baku

C’è ottimismo anche dal team perché l’Alfa Romeo ha faticato di più in qualifica e Albin ha un solo pilota nella top 10, con Fernando Alonso solo un posto davanti alla McLaren al 10° posto.

Il team principal Andreas Seidl spera che ci sarà una gara offensiva contro la McLaren, poiché inseguiranno la squadra che sarà solo il secondo doppio punto della squadra nel 2022.


1402305043

Daniel Ricciardo punta su un passo gara migliore della McLaren a Baku

4. Bottas ed io con la Terra per fare pace

Finora due dei giocatori più coerenti del 2022 sono stati sorprendentemente deboli nelle qualificazioni a Baku, ma il loro livello prima di questo fine settimana suggerisce che potrebbero essere in palio per punti seri quando raggiungeremo le fasi finali della gara.

Valtteri Bottas ha segnato punti in ogni gara che ha concluso – si è ritirato solo a Jeddah – e ne ha realizzati quattro nei primi sette di quel round, ma non è mai apparso particolarmente competitivo venerdì e sabato ed è arrivato 15° in griglia in Azerbaigian, dietro al team Junior . Matte Chu Guanyu.

Fatti e statistiche: Leclerc è il primo a conquistare più poli a Baku, superando il conteggio P1 di Verstappen

Allo stesso modo, Esteban Ocon ha anche quattro gare top quest’anno ed è un posto dietro Bottas nel campionato piloti. Ma mentre Fernando Alonso ha raggiunto il terzo quarto, Ocon è stato eliminato al 13°.

Entrambi sono capaci di combattere sul campo e lo hanno già fatto in occasione di quest’anno, e potrebbero fornire alcune azioni emozionanti nel tentativo di guadagnare posizioni in gara.


1402318190

Valtteri Bottas ha un compito da fare se vuole mantenere il suo record di gol in questa stagione

5. Auto di sicurezza e insetti

C’è stata una sorta di tendenza in Azerbaigian, dove la gara è caotica e sconcertante, o relativamente priva di incidenti. Il primo evento è stato l’ultimo esempio, poiché tutti i piloti hanno assistito al dramma della gara di Formula 2 di quell’anno e hanno scelto di andare sul sicuro. Quel giorno si aspettavano un massacro, ma alla fine nessuno ha commesso un errore significativo.

Da allora, però, la maggior parte delle gare ha avuto alti e bassi, nient’altro che i calci di rigore di due giri che abbiamo visto qui un anno fa.

IN EVIDENZA: guarda l’azione delle qualificazioni a Baku mentre il dominante Leclerc prende il primo posto

Come ha dimostrato la qualifica, ci sono molti punti in cui un pilota può commettere un errore potenzialmente costoso e non tutti questi errori richiedono che venga espulso. Con così poche auto in questa stagione, solo un semplice errore può vedere qualcuno che deve andare in aree di scolo e girare l’auto non è facile in questo scenario.

Ma gli incidenti principali sarebbero quelli in cui il contatto con il muro potrebbe richiedere una safety car o una safety car virtuale, poiché ciò avrebbe un impatto sulla strategia ma potrebbe anche portare a ripartenze tese che sono familiari qui, con il campo che si batte. sul lungo stretto delle curve 1 e 3.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.