Come un ingrediente a buon mercato può aiutare a uccidere le auto a combustione

LONDRA/BERLINO (Reuters) – L’umile cablaggio, un componente economico che tiene insieme i cavi, è diventato un improbabile disastro per l’industria automobilistica. Alcuni ipotizzano che potrebbe accelerare la caduta delle auto a combustione.

La fornitura di ricambi per auto è stata interrotta dalla guerra in Ucraina, che ospita gran parte della produzione mondiale, poiché lì vengono realizzati i cablaggi con centinaia di migliaia di nuovi veicoli ogni anno.

Queste parti a bassa tecnologia e a basso margine – fatte di filo, plastica, gomma e molto lavoro manuale a basso costo – potrebbero non essere così popolari come microchip e motori, ma le auto non possono essere costruite senza di loro.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Secondo le interviste con più di una dozzina di attori ed esperti del settore, una crisi dell’offerta potrebbe accelerare i piani di alcune vecchie case automobilistiche per passare a una nuova generazione di cinghie più leggere realizzate a macchina progettate per auto elettriche.

“Questa è solo una motivazione aggiuntiva per il settore per rendere più rapida la transizione all’elettrificazione”, ha affermato Sam Fiorani, presidente della società di previsione della produzione AutoForecast Solutions.

Le auto a benzina costituiscono ancora la maggior parte delle vendite di auto nuove a livello globale; I veicoli elettrici sono raddoppiati a 4 milioni l’anno scorso, ma rappresentavano ancora solo il 6% delle vendite di veicoli, secondo i dati di JATO Dynamics.

aprile (7201.T) L’amministratore delegato Makoto Uchida ha dichiarato a Reuters che le interruzioni della catena di approvvigionamento come la crisi in Ucraina hanno spinto la sua azienda a parlare con i fornitori dell’abbandono del modello di cablaggio della manodopera a basso costo.

Nel breve termine, tuttavia, le case automobilistiche e i fornitori hanno spostato la produzione di utensili in altri paesi a basso costo.

Mercedes Benz (MBGn.DE) È stato in grado di volare in gruppo dal Messico per colmare una breve lacuna di approvvigionamento, secondo una persona che ha familiarità con le sue operazioni. Alcuni fornitori giapponesi stanno aggiungendo capacità in Marocco, mentre altri hanno cercato nuove linee di produzione in paesi come Tunisia, Polonia, Serbia e Romania.

READ  Elon Musk dice a Zelensky che altre stazioni Internet SpaceX sono in arrivo

Modello Tesla

Le cinture per auto alimentate a combustibili fossili raccolgono cavi fino a 5 chilometri (3,1 miglia) in un’auto media, collegando qualsiasi cosa, dai riscaldatori dei sedili ai finestrini. È laborioso e quasi tutti i modelli sono unici, quindi è difficile eseguire rapidamente un’inversione di tendenza della produzione.

L’interruzione della fornitura in Ucraina è stata un chiaro campanello d’allarme per l’industria automobilistica. All’inizio della guerra, hanno detto le case automobilistiche e i fornitori, le fabbriche sono rimaste aperte solo grazie alla determinazione dei lavoratori lì, che hanno mantenuto basso il flusso di parti mobili di fronte a blackout, avvisi di incursioni aeree e coprifuoco.

Adrian Hallmark, amministratore delegato di Bentley, ha affermato che la casa automobilistica di lusso britannica inizialmente temeva di perdere il 30-40% della sua produzione di automobili nel 2022 a causa della carenza di strumenti.

“La crisi in Ucraina ha minacciato di chiudere il nostro intero impianto per diversi mesi, molto più a lungo di quanto abbiamo fatto per il COVID”.

Hallmark ha affermato che trovare fonti di produzione alternative è stato complicato perché gli stessi strumenti tradizionali avevano 10 parti diverse da 10 fornitori diversi in Ucraina.

Ha aggiunto che i problemi di fornitura hanno affinato l’attenzione e l’investimento di Bentley nello sviluppo di un cablaggio semplice per veicoli elettrici che sarà alimentato da un computer centrale. La casa automobilistica, una divisione della Volkswagen (VOWG_p.DE)Prevede una formazione completamente elettrica entro il 2030.

“Il modello Tesla, che è un concetto completamente diverso dal cablaggio, non potevamo cambiare dall’oggi al domani”, ha aggiunto Hallmark. “È un cambiamento fondamentale nel modo in cui progettiamo le automobili”.

READ  Bitcoin è destinato a registrare una serie record di perdite poiché il crollo di "stablecoin" distrugge la criptovaluta

La nuova generazione di cablaggi, utilizzati dalle popolazioni indigene per l’elettricità come Tesla, possono essere fabbricati in sezioni su linee di produzione automatizzate e sono più leggeri, un fattore chiave perché la riduzione del peso di un veicolo elettrico è fondamentale per aumentare di volume.

Diversi dirigenti ed esperti intervistati hanno affermato che le auto a combustibili fossili, che devono affrontare imminenti divieti in Europa e Cina, non saranno in circolazione abbastanza a lungo da giustificare una riprogettazione per consentire loro di utilizzare le cinture di prossima generazione.

“Non metterei un centesimo sui motori a combustione interna ora”, ha affermato il consulente automobilistico con sede nel Michigan Sandy Monroe, che stima che le auto elettriche rappresenteranno la metà delle vendite di auto nuove entro il 2028.

“Il futuro sta arrivando orribilmente veloce.”

“Cambia il modulo”

Walter Gluck, presidente di Leoni, ha affermato che il fornitore ha lavorato con le case automobilistiche su nuove soluzioni automatizzate per gli strumenti di cablaggio nei veicoli elettrici.

Leoni si concentra su dispositivi in ​​scala o modulari, che saranno suddivisi in sei-otto parti, abbastanza brevi da automatizzare l’assemblaggio e ridurre la complessità.

“È un cambio di paradigma”, ha detto Gluck. “Se vuoi ridurre i tempi di produzione nello stabilimento della tua auto, un kit di cablaggio modulare ti aiuta.”

Tra le case automobilistiche, BMW sta anche valutando l’utilizzo di cablaggi modulari, che richiedono meno semiconduttori e meno cavi, il che consente di risparmiare spazio e renderli più leggeri, secondo una persona che ha familiarità con la questione.

La persona, che ha rifiutato di essere nominata perché non è autorizzata a parlare pubblicamente, ha affermato che i nuovi strumenti renderebbero anche più semplice aggiornare i veicoli in modalità wireless, un’area ora dominata da Tesla.

READ  Una donna di Milford ha addebitato 20 volte un singolo acquisto a Meijer

CelLink, una startup con sede in California, ha sviluppato “cinturini elastici” completamente automatizzati, piatti e facili da installare e ha raccolto 250 milioni di dollari all’inizio di quest’anno da aziende tra cui BMW e il fornitore di auto Lear Corp. (appogiato su) e Robert Bush (ROBG.UL). Leggi di più

Il CEO Kevin Cockley non ha specificato i clienti, ma ha affermato che le cinghie CelLink sono state installate in quasi un milione di veicoli elettrici.

Solo Tesla ha questa scala, ma la casa automobilistica non ha risposto a una richiesta di commento.

Coakley ha affermato che il nuovo stabilimento CelLink da 125 milioni di dollari in costruzione in Texas avrà 25 linee di produzione automatizzate che saranno in grado di cambiare progetti diversi in circa 10 minuti perché i componenti sono prodotti da file digitali.

Ha detto che la società sta lavorando su veicoli elettrici con un certo numero di case automobilistiche e sta cercando di costruire un altro stabilimento in Europa.

Sebbene il tempo di consegna per la sostituzione di un cablaggio convenzionale possa arrivare fino a 26 settimane, Coakley ha affermato che la sua azienda può spedire prodotti riprogettati entro due settimane.

Dan Ratliff, preside della società di venture capital Fontinalis Partners con sede a Detroit, fondata da Ford (FN) Il presidente Bill Ford ha investito in CelLink.

Nel corso dei decenni, l’industria non ha avuto bisogno di muoversi rapidamente per ripensare a una parte come il cablaggio, ha aggiunto Ratliff, ma Tesla lo ha cambiato.

“Sul lato dell’auto elettrica, è solo andare, andare, andare.”

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Rapporto aggiuntivo di Nick Curry a Londra e Christina Aman a Berlino.) Reportage aggiuntivo di Satoshi Sugiyama a Tokyo; A cura di Praveen Shar

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.