Come sono morti i dinosauri: nuove prove nel documentario della PBS

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

Thescelosaurus si è spostato di nascosto lungo la riva del mare. Allungandosi per circa 12 piedi e pesando circa 500 libbre, il dinosauro molto muscoloso potrebbe aver cercato cibo o cercato di evitare di diventare un pasto.

Caratterizzato da sopracciglia ossute prominenti e un becco appuntito, Thescelosaurus oscillava su due gambe con la maggior parte del suo corpo inclinata. In avanti mentre la lunga coda si estende indietro per bilanciare. Improvvisamente, il dinosauro alzò la testa e si guardò intorno, turbato mentre la calma spezzava una catena di spaventose forze naturali.

Il terreno iniziò a tremare con intensi tremori mentre le acque del vicino mare si precipitavano in risposta. Il cielo era pieno di braci ardenti, che si abbassarono e diedero fuoco alla lussureggiante foresta primordiale.

Thescelosaurus fu preso dal panico e cercò di scappare, ma era troppo tardi. Tutto è cambiato in un baleno quando un’ondata di fango e detriti alta 9 metri è arrivata correndo lungo la rotta del mare da sud, distruggendo la vita e le membra nel processo. Il dinosauro cadde in un’inondazione devastante e la sua gamba fu strappata dall’anca dal boom devastante.

Quel momento – 66 milioni di anni fa alla fine del periodo Cretaceo, quando un asteroide devastante pose fine al regno dei dinosauri – è stato congelato nel tempo oggi da uno straordinario fossile trovato l’anno scorso nel sito di scavo di Tanis nel Nord Dakota. Questa gamba perfettamente conservata mostra chiaramente la pelle, i muscoli e le ossa del Thescelosaurus a tre dita.

Sebbene i dettagli dello scenario di morte sopra descritto siano abbelliti, si basano su nuove affascinanti scoperte e calcoli di Robert de Palma, il principale paleontologo di Tanis.

READ  Due enormi punti nel mantello terrestre confondono gli scienziati con le loro incredibili proprietà

“Non diremo mai con certezza al 100% che questa zampa proveniva da un animale morto quel giorno”, ha detto lo scienziato. “La cosa che possiamo fare è determinare la probabilità che muoia il giorno in cui il meteorite ha colpito. Quando osserviamo la conservazione della gamba e della pelle attorno alle ossa articolari, stiamo parlando del giorno dell’impatto o poco prima non c’era un decadimento avanzato.

Gli scienziati scoprono il “Santo Graal dei dinosauri” in Africa

De Palma e gamba di dinosauro apparirà dentro Due episodi di “Nova” in TV Saranno trasmessi in diretta il mercoledì: “Dinosaur Apocalypse: The New Evidence” e “Dinosaur Apocalypse: The Last Day”. Il biologo e storico naturale Sir David Attenborough ospiterà i programmi, che sono stati coprodotti con la BBC.

La gamba e molti altri reperti scoperti nel sito del North Dakota sono i primi veri fossili a mostrare la morte e la devastazione avvenute quando una roccia spaziale lunga 10 miglia colpì la penisola dello Yucatan nel Golfo del Messico. Questo impatto, 66 milioni di anni fa, spazzò via i dinosauri e portò all’estinzione del 75% della vita animale e vegetale sulla Terra.

A quel tempo, il mondo era un posto molto più caldo. Non c’erano calotte di ghiaccio e il livello dell’acqua era più alto. Il continente nordamericano era diviso in due dalla rotta del mare interno occidentale. Tanis si trova sul bordo di quell’enorme fiume, che divenne un canale di carneficina dopo l’impatto dell’asteroide. Le onde d’urto provenienti da quasi 3.000 miglia di distanza hanno causato l’esplosione della rotta marittima con uno tsunami di proporzioni epiche.

Come ha sottolineato de Palma, Thescelosaurus non ha mai avuto una possibilità.

READ  Un altro insegnante! Il telescopio spaziale Webb completa il primo allineamento multistrumento

“Non vorresti essere lì quel giorno”, ha detto. C’era un turbolento muro della morte che si dirigeva verso il fiume. Inoltre, tutte queste sfere luminose cadono dal cielo. Sono come perle di vetro surriscaldate che entrano nell’atmosfera terrestre dopo essere state espulse dal sito del cratere dello Yucatan. Poi c’è stato tutto questo scuotimento sismico. Era davvero l’inferno sulla terra”.

Tuttavia, la perdita dei dinosauri è un vantaggio per il paleontologo. Dopo la scoperta di Tanis nel 2008, gli scienziati hanno iniziato a rendersi conto che i fossili potrebbero essersi formati durante quel momento molto influente. Sono state fatte una serie di importanti scoperte, tra cui una zampa di dinosauro, un embrione di pterosauro ancora nel suo guscio, una tartaruga trafitta da un pezzo di legno e la pelle del triceratopo ben conservata. Molti di questi fossili vengono presentati al pubblico per la prima volta nei documentari della PBS.

Forse il più significativo è stato il pesce fossile scoperto nel sito nel 2019, che ha sorpreso molti scienziati. In quei resti fossili, i ricercatori hanno trovato le prove incorporate di cui avevano bisogno per corroborare l’affermazione che gli animali morirono quando l’asteroide colpì: le sfere di vetro, note come proiettili, che caddero dal cielo in quel fatidico giorno.

Pensi che i dinosauri ruggissero come se fossero a Jurassic Park? Una nuova ricerca dice che la verità è un po’ debole.

“Quelli erano pesci che morirono quel giorno”, ha detto de Palma. “Lo sappiamo perché hanno proiettili che colpiscono le loro branchie”.

I ricercatori hanno scoperto innumerevoli campioni di queste sfere di vetro, che contengono tutte componenti chimiche distinte tipiche di un grande evento di impatto. Il vetro fuso è fatto di sabbia e altri materiali terrestri ed è stato espulso nell’atmosfera dall’esplosione causata dalla collisione dell’asteroide con il pianeta, circa 10 miliardi di bombe atomiche. All’interno di uno di questi crateri circolari c’è un piccolo pezzo di roccia che potrebbe provenire dall’asteroide killer stesso.

READ  Hubble indaga su strane condizioni meteorologiche in mondi rumorosi

De Palma, ricercatore laureato presso l’Università di Manchester in Inghilterra e assistente professore di scienze della terra presso la Florida Atlantic University, guida lo sforzo di Tanis dal 2012. Lui e altri scienziati del team hanno pubblicato diversi documenti chiave che descrivono le scoperte e spiegano la metodologia scientifica utilizzata per datare i fossili e altre prove.

DePalma afferma che ciò che è successo dopo è direttamente rilevante per il mondo di oggi.

Mi è stato chiesto: ‘Perché dovremmo preoccuparci di questo?’ I dinosauri sono scomparsi da tempo. “Non è solo per i paleo fanatici. Questo vale direttamente per oggi. Stiamo assistendo a morti di massa di animali e biomi esposti a situazioni molto stressanti in tutto il mondo. Guardando attraverso questa finestra nel passato, possiamo applicare queste lezioni al giorno d’oggi. “

Per produrre gli episodi di “Nova”, DePalma ha lavorato direttamente con uno dei suoi protagonisti – il 96enne Attenborough – rivedendo le scoperte e discutendone il significato.

“Sir David ed io abbiamo interagito e consultato su tutto”, ha detto de Palma. “E’ stata un’esperienza meravigliosa. Non riusciva a soffocare il suo entusiasmo. Quando guardavamo i fossili e parlavamo del loro significato, non potevi separarci. Continuavamo a parlarne. Saremmo stati lì tutto il giorno se nessuno ci aveva fermato”.

“Dinosaur Apocalypse” va in onda il mercoledì alle 21:00 ET su PBS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.