Cinque società statali cinesi devono essere cancellate dalla borsa di New York a causa delle tensioni statunitensi

SHANGHAI/HONG KONG (Reuters) – Cinque compagnie statali cinesi, tra cui il gigante petrolifero Sinopec, sono di proprietà statale. (600028.SS) Assicurazione sulla vita in Cina (601628.SS)Venerdì hanno detto che avrebbero rimosso i loro nomi dalla Borsa di New York, tra le tensioni economiche e diplomatiche con gli Stati Uniti.

Società che includono anche China Aluminium Corporation (Shalco) (601600.SS)PetroCina (601857.SS) E Sinopec Shanghai Petrolchimica Company (600688.SS)Entrambi hanno affermato che chiederanno di cancellare le loro azioni di deposito americane questo mese.

Le cinque società, che a maggio sono state classificate dall’Autorità di regolamentazione dei titoli degli Stati Uniti come non conformi ai suoi criteri di revisione, manterranno le loro quotazioni nei mercati di Hong Kong e della Cina continentale.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Pechino e Washington sono in trattative per risolvere una lunga disputa di audit che potrebbe portare le società cinesi a essere bandite dagli scambi statunitensi se non rispettano le regole statunitensi.

Washington ha chiesto a lungo il pieno accesso ai libri contabili delle società cinesi quotate negli Stati Uniti, ma Pechino sta bloccando le ispezioni estere dei documenti di revisione delle società di contabilità nazionali, adducendo problemi di sicurezza nazionale.

Non è stata menzionata la disputa di controllo in dichiarazioni separate da parte di società cinesi che delineano i loro movimenti, che arrivano in mezzo a crescenti tensioni dopo la visita della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi la scorsa settimana a Taiwan.

“Queste società hanno rigorosamente aderito alle regole e ai requisiti normativi del mercato dei capitali statunitense sin dalla loro quotazione negli Stati Uniti e hanno optato per l’opzione di delisting per le proprie considerazioni commerciali”, ha affermato in una nota la China Securities Regulatory Commission (CSRC).

READ  Nel weekend di viaggio record del 4 luglio, migliaia di voli sono stati ritardati e cancellati

L’agenzia ha aggiunto che manterrà “la comunicazione aperta con le autorità di regolamentazione esterne pertinenti”.

La lite normativa, che ribolle da più di un decennio, è giunta al culmine a dicembre quando la Securities and Exchange Commission (SEC) ha posto fine alle regole che potrebbero vietare il commercio di società cinesi ai sensi del Foreign Company Accountability Act. Ha detto che 273 aziende erano a rischio.

Tra loro ci sono alcune delle più grandi società cinesi tra cui Alibaba Group Holdings, JD Com Inc e Baidu Inc. Alibaba ha dichiarato la scorsa settimana che convertirà la sua quotazione secondaria a Hong Kong in una doppia quotazione primaria che, secondo gli analisti, potrebbe facilitare la strada al gigante cinese dell’e-commerce per cambiare le principali sedi di quotazione in futuro. Leggi di più

Nelle contrattazioni pre-mercato di venerdì, le azioni di China Life Insurance e del gigante petrolifero Sinopec sono scese rispettivamente del 5,7%, di circa il 4,3%. Le azioni di China Aluminium sono scese dell’1,7%, mentre le azioni di PetroChina sono scese del 4,3%. Le azioni Sinopec Shanghai Petrolchimico sono scese del 4,1%.

Un portavoce della Borsa di New York ha rifiutato di commentare. Un portavoce del Public Company Accounting Oversight Board, che è il monitor dell’audit supervisionato dalla Securities and Exchange Commission, non commenterebbe immediatamente.

Perdere la pazienza?

Gli osservatori del mercato erano divisi su cosa potessero significare le cancellazioni dell’accordo di revisione, con alcuni che dicevano che fosse un brutto segno.

“La Cina sta inviando un messaggio che la sua pazienza si sta esaurendo nei colloqui di revisione”, ha affermato Kai Zhan, consulente senior dello studio legale cinese Yuanda, specializzato nei mercati dei capitali statunitensi.

READ  "Le aspettative di inflazione non valgono la carta su cui sono scritte": si tratta della reazione della Bank of Canada all'inflazione, ma è la stessa negli Stati Uniti e ovunque

Le società hanno affermato che il volume delle loro azioni scambiate negli Stati Uniti era piccolo rispetto a quello di altri importanti luoghi di quotazione.

PetroChina ha affermato di non aver raccolto il suo capitale aggiuntivo dalla sua quotazione negli Stati Uniti e che le sue basi a Hong Kong e Shanghai “possono soddisfare i requisiti di raccolta fondi della società” oltre a fornire “una migliore protezione degli interessi degli investitori”.

Reuters ha riferito questa settimana che i gestori di fondi globali che possiedono azioni cinesi quotate negli Stati Uniti si stanno costantemente rivolgendo ai loro colleghi che negoziano a Hong Kong, anche se sperano ancora che la controversia sull’audit possa essere risolta alla fine. Leggi di più

“Queste società sono scambiate molto poco con una capitalizzazione di mercato statunitense molto piccola, quindi non è una perdita per i mercati dei capitali statunitensi”, ha scritto Brendan Ahern, CIO di Krane Funds Advisors, che ha un fondo quotato a New York incentrato sui giochi tecnologici cinesi, ha scritto in . e-mail.

Lui e gli analisti hanno affermato che le svalutazioni potrebbero spianare la strada alla conformità della Cina ai requisiti degli Stati Uniti, poiché le cinque società coinvolte probabilmente hanno informazioni sensibili che la Cina non vuole divulgare nella revisione dell’audit.

“Lo vediamo come un segnale positivo. Ciò è coerente con la nostra opinione, secondo cui la Cina deciderà quali società potranno essere quotate negli Stati Uniti e quindi soggette al controllo della SEC”, hanno scritto gli analisti di Jefferies in una nota.

China Life e Chalco hanno dichiarato che presenteranno una richiesta di rimozione dalla lista il 22 agosto e che entrerà in vigore 10 giorni dopo. Sinopec, il cui nome completo è China Petroleum and Chemical Corporation, e PetroChina hanno dichiarato che le loro domande saranno presentate il 29 agosto.

READ  Gli aumenti delle tariffe del servizio postale degli Stati Uniti entreranno in vigore domenica

Telecom cinese (0728.HK)Compagnia telefonica cinese (0941.HK) E China Unicom (0762.HK) È stato cancellato dagli Stati Uniti nel 2021 dopo la decisione dell’era Trump di limitare gli investimenti nelle società tecnologiche cinesi. L’amministrazione Biden ha lasciato invariata tale disposizione tra le tensioni in corso.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Samuel Shen a Shanghai, Scott Murdoch a Hong Kong e Medha Singh a Bengaluru; Rapporti aggiuntivi di Michelle Price ed Echo Wang; Montaggio di Hugh Lawson, David Goodman e Alexander Smith

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.