Cinque pianeti delimitano il cielo a giugno. Ecco come vederlo.

Cinque pianeti si muovono in un raro allineamento, che sarà visibile dalla Terra questa settimana. Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno – in quest’ordine – si allineano per la prima volta da dicembre 2004. Venerdì 24 giugno, questo fenomeno sarà più visibile agli astronomi.

Mentre è comune vedere la congiunzione di tre pianeti vicini, vederne cinque è raro, secondo Cielo e telescopio. I pianeti si allineano nel loro ordine naturale lontano dal sole, il che è anche meraviglioso, afferma la rivista scientifica dell’American Astronomical Society.

I cinque pianeti conosciuti come “l’occhio nudo” erano visibili a partire dal 3 e 4 giugno e la formazione poteva essere vista usando il binocolo, ma solo per mezz’ora, prima che Mercurio si perdesse nel bagliore del sole.

pr-giugno24-con-eclittica-rev1-900px-hi.jpg
Sky & Telescope afferma che il momento migliore per vedere i pianeti allineati il ​​24 giugno è 45 minuti prima dell’alba. Dovrebbe essere visibile all’orizzonte orientale.

Cielo e telescopio


Ma il 24 giugno la visione sarà ottimale. Anche se la distanza tra Mercurio e Saturno aumentasse, Mercurio sarebbe più facile da individuare, quindi sta gradualmente diventando più facile vedere tutti e cinque i pianeti, ha detto a CBS News l’editore di Sky & Telescope Diana Hanekainen via e-mail.

Henekainen ha detto che il cielo la mattina del 24 “presenterà uno spettacolo meraviglioso” perché anche la mezzaluna calante si unirà alla processione tra Venere e Marte.

I pianeti dovrebbero essere visibili nei giorni precedenti. Sky & Telescope afferma che il momento migliore per vedere la linea il 24 giugno è 45 minuti prima dell’alba. Dovrebbe essere visibile all’orizzonte orientale.

Quattro dei pianeti ad occhio nudo sono stati allineati negli ultimi mesi, Secondo la NASA. Ma nei prossimi mesi Saturno, Marte, Giove e Venere si diffonderanno. Entro settembre, Venere e Saturno non saranno più visibili alla maggior parte degli osservatori.

Un altro fenomeno astronomico apparirà a giugno: l’ammasso globulare M13, un ammasso globulare fitto di stelle. La NASA afferma che M13, noto anche come Hercules Cluster, contiene migliaia di stelle, che si ritiene abbiano circa 12 miliardi di anni, all’incirca la stessa età dell’universo.

READ  SpaceX Falcon 9 è stato lanciato per la tredicesima volta, stabilendo un record per il riutilizzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.