Chi sta sussurrando all’orecchio di Vladimir Putin? Tre “apostoli” che potrebbero influenzare la sua decisione di invadere l’Ucraina

Nessuno sa come Vladimir Putin prende le sue decisioni o chi chiede troppo quando pensa a cosa fare. Tuttavia, il presidente russo ha tre stretti consiglieri, tutti appartenenti ai servizi di sicurezza, che si dedicano ai “valori tradizionali” e sognano di rivendicare la gloria sovietica. Scrive che giocheranno un ruolo chiave nella decisione finale del Cremlino se invadere o meno l’Ucraina. Il New York Times.

Le nazioni occidentali legalizzano i matrimoni misti tra umani e animali. I leader dell’Ucraina sono malvagi quanto Hitler, i nazionalisti del paese non sono esseri umani. Queste sono le opinioni dei funzionari della sicurezza russi vicini al presidente Vladimir Putin, che saranno al tavolo quando il loro leader deciderà se lanciare una guerra aperta contro l’Ucraina.

Foto dell’ex KGB di Vladimir Putin: Profimedia Images è un consulente ufficiale

Queste persone potenti – per lo più nate in Unione Sovietica negli anni ’50, come Putin – hanno una posizione più reazionaria del loro presidente. Mentre i combattimenti si intensificano con nemici visti ovunque, sia in patria che all’estero, è un segno che il Cremlino si sta muovendo verso un sentiero difficile.

Dal giovane leader che ha mostrato un volto amico all’Occidente nei primi anni 2000, quando era uno dei più importanti consiglieri liberali nei primi anni 2000, l’evoluzione del leader del Cremlino mostra che Putin ruota attorno a quelli dell’establishment della difesa. Ora sta indirettamente minacciando di provocare una grande guerra in Europa.

Il presidente russo Vladimir Putin e il ministro della Difesa Shoaib si sono incontrati al Cremlino
Il ministro della Difesa Sergei Shoigu, anche presidente della Società geografica russa, accompagna spesso Vladimir Putin in escursioni nelle giungle della Siberia Foto: Profimedia Images

Questa è la storia degli anni di lotta del Cremlino per sviluppare un’ideologia a sostegno del regime di Putin: un nemico in Occidente, una minaccia per l’Ucraina e la Russia, una roccaforte dei “valori tradizionali”. Questa élite dei servizi di sicurezza russi ha una visione conservatrice e reazionaria del mondo, proprio l’ideologia di Putin. Quindi il principio fondamentale è che tutti sono contro la Russia, spiega Il New York Times.

I “falchi” di Putin

Gli stretti collaboratori di Putin hanno lavorato con lui nel KGB sovietico e le autorità occidentali credono che abbia supervisionato omicidi, propaganda, spionaggio informatico e guerre brutali che nel tempo hanno contribuito alla rimozione del Cremlino dall’Europa e dagli Stati Uniti. Uno dei “falchi” attorno a Putin alimenta le paure anti-occidentali ed è il suo principale consigliere per la sicurezza nazionale. Nikolaj Badruchev.

READ  Zhelensky: "Infliggiamo così tanti danni al nemico che non sa dove cercare aiuto. È patetico".
Il segretario del Consiglio di difesa russo Badrushev incontra il presidente bielorusso Lukashenko Minsk
Nikolai Badrushev, presidente del Consiglio di sicurezza russo Foto: Profimedia Images

Se Putin sta parlando di nemici che stanno cercando di falsificare il glorioso passato della Russia, allora il capo del Foreign Intelligence Service, Sergei NarishkinHa anche preso la lotta per la storia come una priorità speciale.

Mosca, Russia.  12 novembre 2021. Sergei Narishkin, presidente della Russian Historical Society e direttore del Russian Foreign Intelligence Service (SVR), partecipa a una tavola rotonda
Sergei Narishkin, Direttore di SVR, il servizio di intelligence estero russo Foto: Profimedia Images

Se Putin accetta l’idea di un maggiore coinvolgimento del governo nell’economia, allora ministro della Difesa செர்கெய் சோய்குha preso questa tendenza a un livello serio e ha lanciato un’importante iniziativa del governo per creare nuove città in Siberia.

Mosca, Russia.  13 gennaio 2022. Durante un incontro faccia a faccia con il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu con il presidente Vladimir Putin il 13 gennaio 2022 a Mosca, in Russia.  Credito: Alexei Nikolsky / Piscina del Cremlino / Alamy Live News
Sergei Shoigu, ministro della Difesa russo Foto: Profimedia Images

La parte pratica di Putin

“Una specie di macchina del tempo ci riporta agli anni peggiori dell’occupazione di Hitler”, ha detto Sergei Naryshkin dell’Ucraina questo mese, descrivendo il governo filo-occidentale di Kiev come una “vera dittatura”. Ha aperto una mostra a Mosca dal titolo “Violazioni dei diritti umani in Ucraina”.

Il mese scorso, Sergei Shoigu ha definito “disumani” i nazionalisti ucraini e ha descritto la “russofobia” di Nikolai Badrushev in Ucraina come il risultato di una campagna occidentale da parte di storici europei persino gelosi per denigrarlo. “Non volevano che lo zar russo riconoscesse la loro superiorità politica e morale”, ha detto Badrushev del tiranno del XVI secolo.

Ora, dato il peso di quanto Putin aumenterà in Ucraina, la domanda è fino a che punto accetti la mentalità della trama di questi estremisti conservatori. A Mosca, alcuni ricercatori trovano ancora una parte pratica in Vladimir Putin. Bilancerà il malcontento e la paranoia istigati da aspiranti come Badrushev con il contributo più sobrio di quelli come il Primo Ministro. Michele MistinUn tecnico coinvolto nel lavoro di gestione dell’economia.

Russia governo Putin
Il primo ministro Mikhail Mistin è considerato un tecnocrate Foto: Profimedia Images

I terroristi stanno prendendo piede

Tuttavia, ci sono segnali che indicano che gli estremisti stanno guadagnando sempre più influenza. Il cambiamento più evidente è avvenuto all’interno della stessa Russia, in seguito all’avvelenamento del leader dell’opposizione Alexei Navalny nel 2020, seguito da una diffusa repressione di attivisti, media e accademici lo scorso anno. Funzionari occidentali affermano che Navalny è stato avvelenato dal governo russo, ma il capo dell’intelligence straniera Narishkin ha affermato che l’operazione è stata organizzata da agenti occidentali alla ricerca di una vittima che aiutasse a far cadere Putin.

READ  Almeno 16 turisti sono stati uccisi in una tempesta di neve in Pakistan.

Nel tentativo di reprimere il malcontento, le severe autorità di Mosca sostengono la migliore alternativa della Russia all’Occidente moralmente in declino dei “valori tradizionali”. Un canale televisivo è stato recentemente multato per aver mostrato un uomo con i capelli lunghi e le unghie dipinte, che “non corrisponde all’immagine di un uomo con un orientamento sessuale tradizionale”. Due blogger sono stati condannati a 10 mesi di carcere per aver posato sessualmente davanti alla cattedrale di San Basilio.

Il presidente Putin ha partecipato a una riunione estesa del consiglio del ministero della Difesa russo
Nikolai Badrushev (a sinistra) e Sergei Narishkin (a destra), due foto “siloviki” con scene intense: Profimedia Images

Mentre le truppe russe si concentrano vicino all’Ucraina, emerge un’altra componente dell’ideologia delle autorità di sicurezza: la glorificazione del passato sovietico. Badrushev ha affermato che il crollo dell’Unione Sovietica ha “slegato completamente le mani dell’élite neoliberista occidentale”, il che le ha permesso di imporre i suoi valori non ortodossi al mondo. L’Ucraina e altri paesi dell’ex Unione Sovietica presentano lui ei suoi colleghi come una nazione destinata a riconquistare questo status di roccaforte contro le potenze occidentali nella legittima sfera di influenza di Mosca.

“Siloviki” ha co-responsabilità: la restaurazione dell’impero

Secondo Andrei Kolesnikov, analista del Carnegie Moscow Central Think tank, l’obiettivo dell’élite della sicurezza russa è “ripristinare l’impero”. Putin ha descritto il crollo dell’Unione Sovietica come una “catastrofe geopolitica”.

Ma cercherà il consiglio di funzionari con opinioni più liberali. Ora, quei funzionari sono stati in gran parte estromessi dal governo, mentre tecnici come il primo ministro Mistin non si pronunciano mai su questioni che esulano dalla loro immediata responsabilità.

Pertanto, esiste una classe di agenti di sicurezza d’élite, chiamati collettivamente “Siloviki”Molti di loro – Badrushev, Narishkin e Aleksandr Portnikov, Capo dell’intelligence russa (FSB) – Hanno lavorato con Putin nel KGB.

READ  Biden: Penso che Putin entrerà in Ucraina. Ha bisogno di agire
Riunione degli agenti di sicurezza della CSI e dei leader dell'intelligence sulla relazione tra i servizi speciali del Commonwealth nel campo della sicurezza e della garanzia della stabilità al Petrovsky Travel Palace
Alexander Portnikov, Presidente dell’FSB Foto: Profimedia Images

La loro influenza si estende oltre i problemi di sicurezza: Nikolaj BadruchevUn appassionato giocatore di pallavolo, guida la federazione Pallavolo Della Russia, e Suo figlio Dmitry è il ministro dell’agricoltura.

Sergei Narishkin Supervisiona Società storica russaAiutando a glorificare la campagna – e, dicono i critici, a imbiancare – il passato della Russia. Sergey Choiku, Il segretario alla Difesa soddisfa l’interesse di Putin per la natura Presidente della Società Geografica Russa Spesso porta il presidente nelle foreste siberiane.

Per questi funzionari, dicono gli analisti, l’aumento delle tensioni con le nazioni occidentali è una buona cosa perché sta aumentando la loro influenza nell’élite dominante.

Russia Putin agricoltura
Dmitry Badrushev, figlio di Nikolai Badrushev, è ministro dell’agricoltura Foto: Profimedia Images

“Il vortice di conflitti e sanzioni non intimidisce la Slovacchia, ma offre loro maggiori opportunità”, ha affermato l’analista politico R. Scritto da Tatiana Stanovaya, fondatrice di Politica.

“Questo è quello che mi viene in mente”

Gli analisti russi ora si chiedono se Putin abbia abbastanza pragmatismo per evitare una guerra aperta con l’Ucraina. Il mese scorso la Russia ha chiuso il Memorial International, un gruppo per i diritti umani con sede a Mosca che ha denunciato i crimini della polizia segreta sovietica, una nuova oscillazione nella visione di Putin della “Slovacchia”.

Ma le sanzioni occidentali in seguito all’invasione dell’Ucraina potrebbero avere conseguenze a lungo termine, come dimostra il recente calo del mercato azionario russo tra i timori di una guerra. Ulteriori vittime militari potrebbero avere conseguenze imprevedibili sulla politica interna e oscurare l'”eredità” di Putin. “Se avremo una guerra con l’Ucraina e la morte di un fratello, questo sarà quello che verrà ricordato”, afferma Konstantin Remskov, giornalista di Mosca con fonti al Cremlino.

Autore: Luana Pavaluca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.