Chi è l’unico ministro degli Esteri dell’UE a incontrare Sergey Lavrov in una foto delle Nazioni Unite?

Questa settimana l’ONU L’Assemblea Generale sarebbe stata l’occasione perfetta per avviare colloqui di pace sulla guerra in Ucraina, ma è improbabile che ciò accada, ha affermato il ministro degli Esteri ungherese Peter Szyjardo.

Solo il ministro degli Esteri ungherese ha incontrato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov. Agerpres.

Il ministro ungherese ha insistito sul fatto che “non si raggiungerà la pace senza negoziati” e che si dovrebbero tenere negoziati con Mosca.

Kovacs ha confermato personalmente che Szjjardo è stato l’unico dei 27 capi di stato esteri dell’UE a incontrare Lavrov durante l’Assemblea generale a New York.

Lo stesso ministro ha pubblicato sulla sua pagina Facebook le immagini video dell’incontro con Lavrov, in cui ha sottolineato la necessità di negoziare con la Russia per porre fine alla guerra causata dall’invasione dell’Ucraina, ha riferito Efe.

Leggi di più


Grano

Il vicino ucraino, l’Ungheria, sta soffrendo gli effetti della guerra, come l’inflazione e le ondate di rifugiati, ha affermato. Il ministro ungherese ha affermato che la soluzione sarebbe garantire una pace negoziata al tavolo dei negoziati dove l’Ungheria continuerà.

“Siamo spiacenti di dover dire che tali discussioni non avranno luogo nell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, il che sarebbe stata un’occasione perfetta”, ha affermato il capo della diplomazia ungherese al termine del quarto giorno della sessione annuale a New York.

A casa, parlamentari dell’opposizione, esperti e giornalisti potrebbero chiedermi perché ho incontrato Lavrov. Ma io dico che non ci saranno negoziati di pace senza negoziati. Se i colloqui di pace non iniziano presto, il mondo dovrà affrontare. Le conseguenze saranno molto più gravi di quanto accaduto finora”, ha avvertito.

READ  L'esercito ucraino ha intensificato la sua offensiva: vuole riconquistare Kherson entro la fine dell'anno

Szijjardo: L’Ungheria deve continuare a ricevere risorse energetiche dalla Russia

Szijjarto ha anche sottolineato il fatto che l’Ungheria dovrebbe continuare a ricevere risorse energetiche dalla Russia questo inverno. “Che ti piaccia o no, è un dato di fatto”, ha esclamato.

Allo stesso tempo, il ministro ungherese ha sottolineato che la compagnia energetica russa Gazprom fornisce all’Ungheria 5,8 milioni di metri cubi di gas al giorno senza interruzioni.

Turkstream è ora la via di trasporto del gas più sicura tra la Russia e l’Europa, ha affermato, mentre i rifornimenti da nord e ovest si sono praticamente fermati.

Secondo MTI, lo stoccaggio di gas in Ungheria rappresenta il 41% del consumo annuo, rispetto alla media europea del 23%, ha affermato.

“L’Ungheria persegue una politica energetica responsabile”, ha affermato il ministro degli Esteri ungherese, aggiungendo che la prevedibile cooperazione con la Russia e Gazprom è nel suo interesse nazionale.

Szyjardo ha anche affermato che i nuovi blocchi del reattore della centrale nucleare di Pax, la cui messa in servizio è prevista per il 2030, renderanno l’Ungheria in qualche modo indipendente dalle fluttuazioni e dagli aumenti dei prezzi nel mercato internazionale dell’energia.

Il governo ungherese non solo si è opposto al divieto dell’UE sugli acquisti di gas e petrolio dalla Russia, ma ha anche chiesto la revoca di tutte le sanzioni imposte a Mosca in risposta alla sua aggressione contro l’Ucraina.

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán, un politico ultranazionalista, ha dichiarato questa settimana in una riunione a porte chiuse del suo partito Fidesz che le sanzioni dell’UE hanno reso il gas più costoso e alimentato l’inflazione, ha riferito il quotidiano filogovernativo Magyar Nemzet.

READ  Ogni mattina Evgenia tiene in mano una foto di suo figlio: "Mi siedo e piango, mio ​​marito sta ancora dormendo"

Viktor Orbán è l’unico alleato rimasto di Vladimir Putin nell’UE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.