Chevron ed Exxon ottengono profitti record dal boom del prezzo del petrolio

Sospensione

Le maggiori compagnie petrolifere del paese, ExxonMobil e Chevron, hanno visto i loro profitti quasi triplicare nel secondo trimestre quando la guerra russa in Ucraina ha ribaltato i mercati energetici globali e ha lasciato i consumatori ridimensionati per coprire l’impennata dei prezzi alla pompa di riferimento.

Venerdì, Exxon ha registrato un utile netto di 17,9 miliardi di dollari per i tre mesi chiusi al 31 giugno, rispetto ai 4,7 miliardi di dollari dello stesso periodo dell’anno scorso. Il fatturato è stato di 111 miliardi di dollari, con un aumento del 68% rispetto allo stesso periodo. Nel frattempo, Chevron ha registrato un profitto di 11,6 miliardi di dollari, rispetto ai 3,1 miliardi di dollari del 2021. Le vendite sono state di 64 miliardi di dollari, l’80% in più rispetto allo scorso anno.

Gli enormi risultati arrivano il giorno dopo che anche la Shell, con sede in Europa, ha riportato profitti record: le tre società, più la francese TotalEnergies, hanno generato insieme quasi 51 miliardi di dollari lo scorso trimestre, quasi il doppio rispetto agli stessi tre mesi del 2021, Secondo Reuters.

I risultati sorprendenti sono per lo più legati agli sforzi dell’Occidente di punire la Russia per l’attacco non provocato al suo vicino tagliando le vendite di energia. I prezzi del greggio, che sono crollati nei primi mesi della pandemia di coronavirus, sono improvvisamente aumentati e ora sono superiori del 37% rispetto a un anno fa. È ancora meno di quanto ordinato dai mercati a giugno, quando il greggio West Texas Intermediate, lo standard petrolifero statunitense, è aumentato di oltre 120 dollari al barile. Fino a venerdì, il greggio West Texas Intermediate è rimasto vicino ai 100 dollari al barile.

READ  I lavoratori Apple del Maryland Store votano per unire i sindacati, il primo del suo genere negli Stati Uniti

I consumatori hanno continuato a spendere a giugno anche se sono rimasti preoccupati per il futuro

Le compagnie energetiche sono esplose mentre il resto di Wall Street è stato duramente colpito quest’anno. L’Energy Index di Vanguard, un fondo quotato in borsa delle major petrolifere, è aumentato del 37% su base annua, anche se l’ampio indice S&P 500 è sceso del 14%. Le azioni Exxon e Chevron sono aumentate rispettivamente del 51% e del 36%.

I consumatori e le imprese hanno avvertito per decenni l’aumento dei prezzi del carburante in un contesto di alta inflazione.

Il prezzo medio di un gallone di benzina negli Stati Uniti ha superato per la prima volta $ 5 a giugno. Venerdì, secondo AAA, era di $ 4,26. Il Bureau of Economic Analysis ha riferito venerdì che le bollette della benzina dei consumatori sono aumentate di circa il 49% quel mese, dopo essere aumentate del 20% a maggio. Anche il carburante diesel, che costituisce la base di gran parte del sistema di spedizione statunitense, è aumentato, aumentando la pressione sui principali rivenditori in un’economia traballante.

Il presidente Biden, di fronte alle critiche della destra sulla sua gestione dell’inflazione e dell’economia, ha invitato la Exxon a fare “più soldi da Dio” a giugno. Tabukfacendo appello ad essa e alla Chevron affinché raddoppino i loro sforzi per ottenere più forniture di petrolio sul mercato.

Shock alla pompa: perché i prezzi del gas sono così alti

Alla fine di giugno, l’amministratore delegato della Chevron, Mike Wirth, ha risposto con una lettera forte in cui incolpava la direzione per i suoi tentativi di “criticare e, a volte, screditare il nostro settore”.

READ  Il procuratore generale del Texas Ken Paxton ha avviato un'indagine sui robot di Twitter

Ha aggiunto che la Chevron è “anche preoccupata per i prezzi più alti che stanno vedendo gli americani”, sottolineando di recente le spese in conto capitale delle sue società.

Le compagnie petrolifere stanno pompando di più per soddisfare la domanda, con Exxon che aumenta la sua produzione di petrolio e gas nel bacino del Permiano di 130.000 barili di petrolio equivalente al giorno rispetto alla prima metà del 2021. Ma il mercato del greggio continua a soffrire di un grave squilibrio nella domanda e nell’offerta e gli addetti ai lavori affermano che la fornitura di nuove forniture online richiederà anni.

I prezzi del gas sono scesi del 10% dal picco di giugno

“Se guardi a ciò che serve per portare nuovi investimenti per aumentare l’offerta nel settore petrolifero, scoprirai che si tratta di un investimento a lungo termine … da tre a cinque anni è un lasso di tempo ragionevole per pensare di portare significativi produzione aggiuntiva nel mix”, ha affermato venerdì il CEO Darren Woods Exxon alla CNBC.

Oltre ad aumentare la produzione, i giganti del petrolio stanno anche inviando miliardi di dollari a Wall Street attraverso riacquisti di azioni e dividendi. Exxon ha riferito di aver distribuito 7,6 miliardi di dollari agli azionisti, inclusi i dividendi, mentre Shell ha annunciato un riacquisto di azioni da 6 miliardi di dollari volto ad aumentare il prezzo delle sue azioni.

Le azioni Exxon sono aumentate del 4,7% venerdì per chiudere a $ 96,97, mentre le azioni Chevron sono aumentate dell’8,9% attestandosi a $ 163,78. Le azioni Shell sono aumentate del 3,7% a $ 53,38.

I guadagni sono arrivati ​​quando il resto di Wall Street si è concluso a luglio con una terza sessione vincente consecutiva. Il Dow Jones Industrial Average ha aggiunto 315,50 punti, o l’1%, scendendo a 32.845,13. L’indice S&P 500 è balzato dell’1,4% per chiudere a 4130,29 e l’indice Nasdaq è balzato dell’1,9% per chiudere a 12.390,69.

READ  Jeep Wagoneer L, Grand Wagoneer L crescono a piedi su un SUV full-size

Nel corso della settimana, Dow Jones è aumentato del 3%, Standard & Poor’s del 4,3% e Nasdaq del 4,7%.

Nel mese di luglio, il Dow Jones è salito del 6,7%, lo Standard & Poor’s del 9,1% e il Nasdaq del 12,4%. Secondo MarketWatch, quelli sono stati i maggiori guadagni mensili per tutti e tre gli indici da novembre 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.