Casi Covid, booster vaccinali e notizie BA.2: aggiornamenti in tempo reale

credito…AFP – Getty Images

PECHINO – Le crescenti restrizioni della Cina sul virus Covid-19 hanno causato ulteriori interruzioni alle catene di approvvigionamento globali di elettronica di consumo, ricambi auto e altri beni.

Un numero crescente di città cinesi richiede ai conducenti di camion di sottoporsi a test PCR Covid giornalieri prima che possano attraversare i confini municipali o mettere in quarantena i conducenti ritenuti a rischio di infezione. Le misure limitavano la velocità con cui i conducenti potevano spostare i componenti tra le fabbriche e le merci dalle fabbriche ai porti.

Shanghai e altre grandi città cinesi hanno imposto blocchi prolungati e severi per cercare di controllare l’epidemia di COVID-19. Le precedenti interruzioni nella fornitura di merci dalle fabbriche cinesi agli acquirenti di tutto il mondo hanno comportato principalmente la chiusura temporanea dei porti marittimi, tra cui a Shenzhen Nel sud-est della Cina a maggio e giugno dello scorso anno e poi vicino a Shanghai la scorsa estate.

“Il problema non sono le navi: non ci sono spedizioni in arrivo perché non ci sono camion”, ha affermato Jarrod Ward, chief business development officer per l’Asia orientale presso l’ufficio di Shanghai di Yusen Logistics, una grande società giapponese di gestione della catena di approvvigionamento.

I test dei conducenti di camion sono stati posticipati perché alcune città sono residenti di test di massa. Shanghai ha sostanzialmente testato tutte le 25 milioni di persone all’interno dei suoi confini in un giorno lunedì e ha rilevato altri 21.000 casi giovedì.

READ  Funzionario ucraino afferma che la Russia ha preso il controllo della centrale nucleare di Chernobyl

Ora c’è una grave carenza di autisti di camion a Shanghai e nelle città vicine come Kunshan, il centro della produzione di elettronica. Molti produttori di componenti elettronici a Kunshan sono chiusi.

“I principali fornitori di elettronica di Apple, di Tesla, ci sono tutti”, ha affermato Julie Gerdman, CEO di Everstream, una sussidiaria di DHL per la gestione del rischio della supply chain con sede a San Marcos, in California.

Apple ha rifiutato di commentare e Tesla non ha avuto una risposta immediata alle domande.

Molte fabbriche hanno cercato di rimanere aperte mantenendo i lavoratori in loco piuttosto che tornare a casa. I dipendenti dormono su materassini sul pavimento per un massimo di quattro settimane in alcune città della Cina nord-orientale. Le aziende hanno accumulato merci nei magazzini vicini in attesa della ripresa del normale traffico di camion.

Ma mentre i blocchi continuano in città come Shanghai, Changchun e Shenyang, le fabbriche stanno finendo i materiali da raccogliere. Alcuni stanno rimandando i loro lavoratori a casa fino a nuovo avviso.

La realizzazione di seggiolini per auto, ad esempio, richiede varie molle, bulloni e altri materiali. Il signor Ward ha detto che i produttori di seggiolini per auto hanno esaurito i componenti. La Volkswagen ha dichiarato di aver chiuso una fabbrica fuori Shanghai.

Mentre i casi sono in aumento a Shanghai, il suo principale concorrente nel settore dell’elettronica, Shenzhen, sta uscendo dal blocco. Questo per liberare i lavoratori e le fabbriche lì per riprendere la produzione a pieno regime.

I rivenditori e i produttori occidentali hanno cercato di adattarsi alle precedenti difficoltà della catena di approvvigionamento in Cina passando dal trasporto marittimo al trasporto aereo, ma le tariffe del trasporto aereo sono più che raddoppiate rispetto allo scorso anno.

READ  Come l'invasione russa dell'Ucraina potrebbe influenzare gli americani: NPR

Zvi Schreiber, CEO di Freightos, la piattaforma di prenotazione merci, ha affermato che la sospensione quasi completa dei voli passeggeri in entrata e in uscita da Shanghai ha ridotto di quasi la metà la capacità di trasporto aereo di merci. La guerra in Ucraina ha costretto molte compagnie aeree a programmare voli più lunghi intorno alla Russia e all’Ucraina, il che significa che ogni aereo può prendere meno voli a settimana e spesso trasportare meno peso per volo.

Il signor Schreiber ha affermato che la guerra in Ucraina stava anche iniziando a danneggiare la disponibilità degli aerei cargo Antonov dell’era sovietica. Questa forza lavoro è persistita nel settore del trasporto aereo di merci negli ultimi anni quasi per tutte le basi di manutenzione ucraine ora chiuse.

Per le aziende, qualsiasi ulteriore interruzione della catena di approvvigionamento globale si verificherebbe in un momento particolarmente difficile, combinato con l’aumento dei prezzi delle materie prime e del trasporto, insieme a tempi di consegna estesi e carenza di manodopera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.