Blinken afferma che la strategia cinese riguarda un ordine basato su regole, non una “nuova guerra fredda”

  • Blinken descrive la Cina come la sfida più pericolosa per l’ordine mondiale
  • In risposta, la Cina afferma che entrambi trarrebbero vantaggio dalla cooperazione

Giovedì, il segretario di Stato americano Anthony Blinken, in un discorso tanto atteso sulla strategia statunitense per contrastare l’ascesa della Cina, ha affermato che gli Stati Uniti non avrebbero impedito alla Cina di sviluppare la sua economia, ma volevano che rispettasse le regole internazionali. come una superpotenza.

Ha detto che Washington non cercherà di cambiare il sistema politico cinese, ma difenderà il diritto internazionale e le istituzioni che mantengono la pace e la sicurezza e consentono ai paesi di coesistere.

“Non stiamo cercando un conflitto o una nuova guerra fredda. Al contrario, siamo determinati a evitare entrambi”, ha detto Blinken in un discorso di 45 minuti alla George Washington University che ha affrontato le questioni bilaterali più controverse.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Le relazioni tra Stati Uniti e Cina sono scese al livello più basso degli ultimi decenni sotto l’ex presidente Donald Trump e ulteriormente tese sotto il presidente Joe Biden, un democratico che ha mantenuto le tariffe generali imposte dal suo predecessore repubblicano sulle merci cinesi mentre cercava legami più stretti con gli alleati combattere contro Pechino. .

Diciassette mesi dopo la sua amministrazione, Biden ha dovuto affrontare le critiche dei repubblicani e di alcuni osservatori di politica estera per non aver annunciato una strategia ufficiale sulla Cina, la seconda economia più grande del mondo e il principale concorrente strategico di Washington.

Le crisi esterne, compreso il caotico ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan lo scorso anno e la guerra della Russia in Ucraina, hanno distratto Biden, che ha promesso di non permettere alla Cina di superare gli Stati Uniti come leader mondiale sotto la sua sorveglianza.

READ  Shanghai Covid: la città interrompe ogni corsa per i test di massa

Ma la sua amministrazione ha cercato di trarre vantaggio dalla nuova solidarietà con gli alleati galvanizzati dalla crisi ucraina e dalla partnership “senza confini” che la Cina ha annunciato con Mosca poche settimane prima che la Russia invadesse il suo vicino il 24 febbraio.

La sfida più seria a lungo termine

Blinken ha affermato che la Cina pone “la sfida a lungo termine più seria per il sistema internazionale”.

Ha delineato una strategia per investire nella competitività degli Stati Uniti e nell’allineamento con alleati e partner per competere con la Cina, definendo questa competizione “la nostra concorrenza che stiamo perdendo”.

Ha affermato che l’amministrazione Biden è pronta ad aumentare il contatto diretto con Pechino su una gamma completa di questioni e risponderà “positivamente” se i funzionari cinesi prenderanno provvedimenti per affrontare le preoccupazioni.

“Ma non possiamo contare sul fatto che Pechino cambi rotta. Quindi daremo forma all’ambiente strategico intorno a Pechino per promuovere la nostra visione di un ordine internazionale aperto e inclusivo”, ha affermato.

In risposta, l’ambasciata cinese a Washington ha affermato che gli Stati Uniti e la Cina condividono “ampi interessi comuni e un profondo potenziale di cooperazione” e “la concorrenza … non dovrebbe essere utilizzata per definire il quadro generale delle relazioni sino-americane”.

“Sia la Cina che gli Stati Uniti trarranno vantaggio dalla cooperazione e perderanno dallo scontro”, ha affermato il portavoce dell’ambasciata Liu Bingyu.

READ  Almeno cinque morti in un terremoto di magnitudo 6,1 al largo delle coste del Golfo dell'Iran

Ha fatto riferimento a un vertice virtuale tra Biden e il presidente cinese Xi Jinping lo scorso novembre e ha affermato che la relazione era “a un bivio critico”.

“Ci auguriamo che la parte statunitense lavorerà con la Cina per attuare seriamente l’intesa comune raggiunta dai due leader per rafforzare la comunicazione, gestire le differenze e concentrarsi sulla cooperazione”, ha affermato.

‘Repressivo’ e ‘aggressivo’

Mentre Blinken ha elogiato il duro lavoro svolto dal popolo cinese per la storica trasformazione economica del proprio paese negli ultimi quattro decenni, ha diretto un bersaglio diretto contro Xi Jinping, dicendo:

“Sotto il presidente Xi, il Partito Comunista Cinese al governo è diventato più repressivo in patria e più aggressivo all’estero”.

Il discorso di Blinken ha coinciso con l’inizio del vasto tour del ministro degli Esteri cinese nelle nazioni insulari del Pacifico, un fronte sempre più teso nella competizione per l’influenza tra Pechino e Washington. Leggi di più

Il discorso è stato posticipato all’inizio di maggio dopo che Blinken è risultato positivo al COVID-19 e dopo un mese di intensa diplomazia statunitense incentrata sull’Indo-Pacifico, incluso il primo viaggio di Biden come presidente nella regione. Leggi di più

Blinken ha ribadito l’impegno degli Stati Uniti per la politica dell’unica Cina sulla presunta Taiwan democratica della Cina, anche se Biden ha affermato all’inizio di questa settimana che gli Stati Uniti sarebbero intervenuti militarmente se la Cina avesse attaccato Taiwan.

Washington ha una politica di lunga data di ambiguità strategica sull’opportunità di difendere Taiwan militarmente, e Biden e i suoi collaboratori in seguito hanno affermato che i suoi commenti non riflettevano un cambiamento nella politica. Leggi di più

READ  Trump e gli alleati difendono o respingono l'invasione di Putin; Romney aveva ragione?

Secondo la politica della Cina unica, Washington riconosce ufficialmente Pechino diplomaticamente, sebbene sia obbligata per legge a fornire a Taiwan i mezzi per difendersi. Questo non è cambiato e che Washington non sostiene l’indipendenza di Taiwan, ha detto Blinken.

“Ciò che è cambiato è la crescente coercizione di Pechino, come cercare di recidere i legami di Taiwan con i paesi di tutto il mondo e impedirgli di partecipare alle organizzazioni internazionali”, ha detto, descrivendo l’attività quasi quotidiana dell’esercito cinese vicino all’isola come “profondamente destabilizzante”. .”

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Michael Martina, Humira Pamuk, David Bronstrom e Doina Chiako; Montaggio di Stephen Coates e Howard Goller

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.