Bill Russell, 11 volte campione NBA e leggenda dei Boston Celtics, è morto all’età di 88 anni

Bill Russell, 11 volte campione NBA come giocatore e allenatore con Boston Celtics Una delle figure più importanti nella storia della NBA è scomparso, all’età di 88 anni, ha annunciato domenica la sua famiglia. Russell morì pacificamente con la moglie Janine al suo fianco. La sua famiglia ha rilasciato la seguente dichiarazione.

“È con il cuore molto pesante che vorremmo trasmettere questo a tutti gli amici, i fan e i follower di Bill:

Bill Russell, il più grande vincitore nella storia dello sport americano, è morto oggi pacificamente all’età di 88 anni, con la moglie Jeanine al suo fianco. A breve saranno annunciati gli accordi per il suo servizio funebre.

Due campionati statali di Bell delle scuole superiori hanno fornito uno sguardo al percorso senza rivali verso il prossimo puro risultato della squadra: due volte campione NCAA; medaglia d’oro capitano della squadra olimpica degli Stati Uniti; 11 volte campione NBA. Ha vinto due volte i campionati NBA come primo allenatore nero di qualsiasi squadra sportiva professionistica nordamericana.

Lungo la strada, Bell si è guadagnato una serie di premi per singoli che non aveva mai visto prima perché non li ha menzionati. Nel 2009, il premio NBA Finals Player of the Year è stato ribattezzato due volte dopo la Hall of Fame come “NBA Finals Bill Russell Player of the Year Award”.

Ma per tutti i vincitori, la comprensione della lotta di Bill è ciò che ha illuminato la sua vita. Dal boicottaggio del fair game del 1961 all’esposizione di discriminazioni di lunga data, alla guida del primo campo di basket integrato nel Mississippi all’indomani dell’assassinio di Medgar Evans, ai decenni di attivismo che è stato finalmente riconosciuto dalla sua medaglia presidenziale della libertà nel 2010. Bell ha sostenuto l’ingiustizia con una franchezza spietata intesa a sconvolgere lo status quo e con un modello potente che, sebbene non di umili intenzioni, ispirerebbe per sempre il lavoro di squadra, l’altruismo e il cambiamento ponderato.

La moglie di Bill, Jeanine, e molti dei suoi amici e familiari ti ringraziano per aver tenuto Bill nelle tue preghiere. Forse rivivrai un momento o due di quei momenti d’oro che ci ha regalato, o ricorderai la sua risata caratteristica mentre si dilettava nello spiegare la vera storia dietro come sono nati quei momenti. Ci auguriamo che ognuno di noi possa trovare un nuovo modo di agire o di parlare con l’impegno intransigente, generoso e sempre costruttivo di Bell nei confronti dei principi. Sarebbe una vittoria finale e duratura per il nostro amato numero 6″.

Nato in Louisiana nel 1934, Russell non era inizialmente considerato un importante giocatore di basket. La prima offerta di borsa di studio venne dall’Università di San Francisco, una scuola poco nota per le sue abilità nel basket, ma che Russell riuscì a portare ai Campionati Nazionali consecutivi nel 1955 e nel 1956. Oltre al basket, Russell era una star alla pista di San Francisco. Soprattutto nel salto in alto. Ha vinto una medaglia d’oro olimpica nel basket come capitano del Team USA nel 1956 prima di diventare professionista.

READ  I Cleveland Guardians non hanno nuovi casi di COVID-19; L'allenatore Karl Willis ha lanciato la gestione

Nonostante la sua supremazia collettiva, Russell non fu la prima scelta nel Draft NBA del 1956. Quell’onore andò all’ala Duquesne Si Green. Ciò ha lasciato Russell disponibile al numero 2, dove la famiglia St. Louis Hawks stava lavorando all’imbarcazione. Tuttavia, le circostanze hanno funzionato a favore di Russell. Il figlio della star dei Boston Celtics Ed McCauley era in cura per la meningite a St. Louis, quindi ha chiesto alla squadra di mandarlo lì per il suo favore. Lo hanno fatto e Boston è arrivato secondo contro McCauley e il collega Hall of Fame Cliff Hagan. L’accordo non è esattamente esploso in faccia a St. Louis. Anche se persero le finali del 1957 contro Boston, gli Hawks tornarono a vincere tutto nel 1958 con i Celtics. Ma questo sarà l’ultimo campionato che vincerà. Russell ne ha vinti altri 10, inclusi i successivi otto di fila.

Il commercio era importante per Russell quanto lo era per i Celtics. Russell ha detto in un’intervista con NBATV. “St. Louis era in modo schiacciante razzista”. Purtroppo, Russell ha affrontato il razzismo per tutta la sua vita nel sud e per tutta la sua carriera a Boston, ed è diventato uno degli atleti socialmente più consapevoli della storia americana. Ha partecipato personalmente al discorso “I Have a Dream” di Martin Luther King ed è stato uno dei tanti atleti e leader neri che hanno partecipato al Summit di Cleveland del 1967 a sostegno di Muhammad Ali. Nel 1966, Russell è diventato il primo allenatore di colore nella storia dello sport americano quando ha sostituito Reed Auerbach a Boston. Ha mantenuto il suo ruolo di posizione di partenza della squadra mentre si allenava in rotta verso i suoi ultimi due campionati.

READ  MLB e MLBPA continuano le trattative CBA

Russell ha lasciato i Celtics una volta terminata la sua carriera calcistica. In seguito ha lavorato come annunciatore televisivo prima di tornare ad allenarsi con i Seattle Supersonics. Ha giocato quattro partite sotto 0,500 in quattro stagioni a Seattle prima di partire. Ha allenato un’altra stagione con i Sacramento Kings un decennio dopo, ma è rimasto in gran parte nascosto per i decenni successivi, vivendo fuori dalla sua casa di Washington.

Ma è apparso più regolarmente nei suoi ultimi anni, spesso premiato per i suoi straordinari successi come giocatore e attivista. Nel 2009, la NBA ha ribattezzato il premio MVP delle finali dopo Russell, e ha partecipato alle finali del 2009 per assegnare personalmente il trofeo a Kobe Bryant. L’avrebbe fatto molte volte, ma farlo per Bryant è stato particolarmente significativo vista l’amicizia che avevano instaurato. Quando Bryant è morto in un incidente in elicottero nel 2020, Russell ha scritto un influente post sui social media ricordando la leggenda. Bryant potrebbe aver giocato per il rivale dei Lakers, ma Russell si è spesso messo a disposizione dei giocatori moderni in cerca di consigli.

Lo cercava molto, perché in campo c’era soprattutto Russell, era il più grande vincitore di questo sport. Ha perso solo due serie di playoff in tutta la sua carriera. Non perdere mai una partita una volta che il vincitore ha vinto tutto. Non al college. Non alle Olimpiadi. Non nell’NBA. Ha vinto tutte le 21 partite giocate. Russell è stato fantastico quando contava davvero, dentro e fuori dal campo, e questo lo ricorderà per sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.