Biden inizia la sua quinta telefonata con il presidente cinese, mentre cerca di allentare le tensioni a Taiwan

WASHINGTON (Reuters) – Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente cinese Xi Jinping hanno iniziato la loro quinta convocazione come leader giovedì, mentre crescevano le preoccupazioni per una possibile visita a Taiwan richiesta dalla Cina, dalla presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi.

La Casa Bianca ha affermato che la chiamata è iniziata alle 8:33 (1233 GMT) e i funzionari statunitensi hanno affermato che avrebbe un ampio programma, inclusa una discussione sull’invasione russa dell’Ucraina, che la Cina non ha ancora condannato.

In sostanza, i funzionari statunitensi vedono lo scambio come un’altra opportunità per gestire la concorrenza tra le due maggiori economie del mondo, le cui relazioni sono sempre più distorte dalle tensioni sulla Taiwan governata democraticamente, che Xi ha promesso di riunire con la terraferma, se necessario con la forza.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Pechino ha emesso crescenti avvertimenti di ripercussioni per la visita di Pelosi a Taiwan, una mossa che sarebbe una dimostrazione drammatica, anche se senza precedenti, del sostegno degli Stati Uniti all’isola, che secondo lei deve affrontare crescenti minacce militari ed economiche cinesi.

Washington non ha relazioni ufficiali con Taiwan e segue una politica “una Cina”, che riconosce diplomaticamente Pechino e non Taipei. Ma è obbligato dalla legge statunitense a fornire all’isola i mezzi per difendersi, e al Congresso è cresciuta la pressione per un sostegno più visibile.

Il portavoce della sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha detto ai giornalisti mercoledì.

Una delle persone informate sulla pianificazione della chiamata ha affermato che l’amministrazione Biden ritiene che l’impegno da leader a leader sia il modo migliore per ridurre le tensioni su Taiwan.

READ  Il presidente del Messico minaccia di saltare il Summit delle Americhe a meno che gli Stati Uniti non invitino tutti i paesi

Alcuni analisti ritengono che Xi abbia anche interesse a evitare l’escalation mentre cerca un terzo mandato senza precedenti al congresso del Partito Comunista al governo cinese previsto in autunno.

Biden vuole anche discutere le questioni climatiche e la concorrenza economica, ha affermato la persona nel briefing, così come l’idea di limitare il prezzo del petrolio russo per punire Mosca per la sua guerra in Ucraina, una questione sollevata dal segretario al Tesoro Janet Yellen con le sue controparti cinesi prima. Luglio. Leggi di più

L’amministrazione Biden sta discutendo se aumentare alcune tariffe sulle merci cinesi come modo per mitigare l’aumento dell’inflazione, ma i funzionari statunitensi hanno affermato che la decisione era inaspettata prima della chiamata. Leggi di più

Quando Biden ha parlato per l’ultima volta con Xi a marzo, ha avvertito delle “conseguenze” se Pechino avesse fornito supporto materiale alla guerra russa e il governo degli Stati Uniti ritiene che la linea rossa non sia stata superata nei mesi successivi.

Taiwan si è lamentata dell’intensificazione delle esercitazioni militari cinesi negli ultimi due anni per cercare di costringerla ad accettare la sovranità di Pechino. Poco prima della telefonata di giovedì, l’esercito taiwanese ha affermato di aver sparato razzi per avvertire un drone che aveva “sbirciato” un’isola strategicamente posizionata e fortemente fortificata vicino alla costa cinese che potrebbe aver perquisito le sue difese. Leggi di più

Collegamenti tossici

La Casa Bianca ha ribadito che la politica “una sola Cina” non è cambiata nonostante le speculazioni sulla possibile visita di Pelosi, che il portavoce non ha ancora confermato.

L’ultima volta che il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha visitato Taiwan è stato nel 1997 e, in quanto ramo di governo paritario, l’esecutivo statunitense ha scarso controllo sui viaggi all’interno del Congresso.

READ  Il presidente indonesiano afferma che Putin e Xi parteciperanno al vertice del G20, in un confronto con Biden

Da allora la Cina è diventata militarmente ed economicamente potente e alcuni analisti temono che una visita del genere in un momento di relazioni difficili possa portare a una crisi attraverso il corso d’acqua largo 100 miglia (160 chilometri) che separa Cina e Taiwan.

Bonnie Glaser, un’esperta cinese presso il German Marshall Fund negli Stati Uniti, ha affermato.

Ha affermato che Biden e Xi devono concentrare la loro difesa sulla riduzione dell’escalation, compresi i potenziali meccanismi per ridurre il rischio di incidenti.

Kirby ha detto che l’amministrazione è in contatto con l’ufficio di Pelosi per assicurarsi che abbia “tutto il contesto” di cui ha bisogno per prendere decisioni sul suo viaggio.

La Cina ha fornito pochi indizi su quali risposte specifiche potrebbero richiedere se Pelosi, un critico di lunga data della Cina, in particolare sulle questioni dei diritti umani, andasse a Taiwan.

Sollevare la questione di Taiwan potrebbe fungere da distrazione interna dal rallentamento dell’economia cinese, ha affermato Martin Chorzimba, ricercatore presso il Peterson Institute for International Economics, ma “qualsiasi reazione abbastanza forte da imporre sanzioni statunitensi farà seri danni alla Cina e al mondo economia.” Leggi di più

Giovedì i media statali cinesi hanno affermato che il paese si sforzerà di ottenere i migliori risultati possibili per l’economia quest’anno, ignorando le precedenti richieste di impegnarsi per raggiungere l’obiettivo di crescita del 2022. Ciò è avvenuto dopo una riunione ad alto livello del Partito Comunista presieduta di Xi. Leggi di più

Scott Kennedy, del Washington Center for Strategic and International Studies, ha affermato di non ritenere che le due parti fossero sull’orlo di una crisi, ma che “il rischio di una grave crisi è ben al di sopra dello zero” ed era importante evitare il invito a Xi. Scontro indesiderato.

READ  La Russia blocca l'Ucraina, sospende per un giorno il quarto round di trattative

“Pechino, Taipei e Washington sono piene di persone immerse nel modo in cui inviare e interpretare segnali che trasmettono minacce e rassicurazioni, e sono sicuro che nessuno vuole la guerra in questo momento”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Michael Martina, Trevor Honeycutt, David Bronstrom e Garrett Renshaw; Segnalazione aggiuntiva di Martin Quinn Pollard a Pechino. Montaggio di Raju Gopalakrishnan, Philippa Fletcher e Bernadette Bao

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.