Biden ha raggiunto la vetta delle Americhe determinato a mostrare attenzione alla regione nonostante il disprezzo

Il dramma intorno all’elenco degli inviti ha smorzato la prospettiva delle principali esibizioni dell’unità. Tuttavia, mercoledì Biden è rimasto intento a mostrare il suo impegno per una parte del mondo che è spesso trascurata nella politica estera degli Stati Uniti.

Biden ha lanciato il vertice chiedendo la cooperazione e una rinnovata attenzione alla democrazia, un appello urgente dopo che la sua esclusione dei leader autoritari dalla conferenza ha scatenato proteste e boicottaggi.

“In questo momento abbiamo bisogno di più collaborazione, obiettivi condivisi e idee trasformative. Non c’è mai stato un bisogno così grande”, ha detto Biden aprendo l’evento di tre giorni.

“La democrazia è stata un segno distintivo della nostra regione”, ha detto Biden, invitando gli stati a “rinnovare la nostra convinzione che la democrazia non è solo la caratteristica distintiva della storia americana” ma “un ingrediente essenziale”.

Ora è importante, ha detto, “mostrare al nostro popolo il potere delle democrazie per rendere la vita migliore per tutti”.

Mentre la Cina si fa strada nell’America Latina, Biden ha affermato che “abbiamo tutti gli strumenti di cui abbiamo bisogno qui nel nostro emisfero” per fornire sicurezza e progresso economico.

Il presidente ha articolato in termini generali un nuovo quadro economico che Washington spera che altri paesi aderiranno nei prossimi mesi. La Dichiarazione sulla migrazione approvata dallo stato descriveva anche in dettaglio le responsabilità degli stati in mezzo ai flussi migratori storici.

Queste sono tra le sfide più serie che deve affrontare l’emisfero occidentale e rappresentano anche alcuni dei più forti impegni politici di Biden mentre lotta per le urne in vista delle elezioni di medio termine di quest’anno.

READ  La guerra ucraino-russa: ultime notizie - The New York Times

Il presidente e la sua squadra una volta speravano di utilizzare il vertice per fare progressi significativi su questi temi con i giocatori della regione. Funzionari dell’amministrazione affermano di aver avuto la partecipazione anche da paesi i cui leader si rifiutano di partecipare.

“Il lavoro sostanziale del vertice non è stato in alcun modo, forma o forma influenzato, modificato o ridotto dalla questione del coinvolgimento”, ha detto ai giornalisti il ​​consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan a bordo dell’Air Force One mentre Biden volava a ovest. “Queste due cose operano in corridoi completamente distinti e siamo lieti di avere una partecipazione di alto livello da ciascuno di questi paesi, anche se i leader ciascuno per le proprie ragioni hanno scelto di non venire a Los Angeles”.

Il boicottaggio, però, mina l’immagine di unità che sarebbe emersa dal vertice se tutti i leader della regione fossero stati presenti.

ha affermato John Negroponte, un ex ambasciatore degli Stati Uniti in Messico che ha ricoperto diverse altre posizioni di alto livello nella sicurezza nazionale.

“Questa è un’opportunità per evidenziare le questioni che contano per noi nell’emisfero e sono sicuro che l’amministrazione avrà un certo successo nel farlo e sono sicuro che ci saranno riunioni utili e conversazioni utili su una gamma generale di questioni .”

Non sono stati solo i governanti della regione a cui è stato negato l’invito al vertice di questa settimana. Dalla lista è stato escluso anche il leader dell’opposizione venezuelana Juan Guaido, sebbene gli Stati Uniti lo riconoscano come presidente ad interim. Offrire un invito a Guaido avrebbe potuto esacerbare le tensioni con i paesi che ancora riconoscono il dittatore Nicolás Maduro, che era tra gli autocrati che hanno vietato a Biden di partecipare.

READ  Jet privato collegato alla Russia prenotato mentre le sanzioni sui voli del Regno Unito si inaspriscono

Biden ha effettivamente parlato con Guaido al telefono mentre si dirigeva a Los Angeles.

Il primo obiettivo di Biden in California è stato quello di evidenziare gli impegni economici degli Stati Uniti in una regione che guarda sempre più alla Cina per investimenti infrastrutturali. Durante il vertice, Biden dovrebbe annunciare oltre 300 milioni di dollari in assistenza per l’insicurezza alimentare, nonché altri impegni del settore privato, nonché iniziative sanitarie e una partnership sulla resilienza climatica.

Il presidente aveva pianificato di svelare una nuova partnership economica con i paesi dell’America Latina, anche se non si trattava di un accordo commerciale completo che avrebbe ampliato l’accesso al mercato nei modi che molti paesi cercano.

Invece, l’Americas Partnership for Economic Prosperity è un quadro che mira a rivitalizzare le istituzioni economiche regionali come la Banca interamericana di sviluppo, rendere le catene di approvvigionamento più resilienti, creare più posti di lavoro nel settore dell’energia pulita e garantire un commercio sostenibile.

“Il miglior antidoto all’invasione cinese della regione è assicurarci di formulare la nostra visione economicamente positiva per la regione”, ha detto ai giornalisti un alto funzionario dell’amministrazione. “Pensiamo che sia per questo che è così importante mettere in atto una visione davvero ambiziosa e aggiornata a livello regionale”.

Allo stesso tempo, i funzionari hanno ammesso che la partnership non equivale a un accordo commerciale che richiede l’approvazione del Congresso, poiché il sentimento protezionista ha in gran parte precluso qualsiasi nuovo accordo di libero scambio.

“Non stiamo negoziando un accordo commerciale da presentare al Congresso, ma piuttosto basandoci sugli accordi esistenti per promuovere effettivamente la corsa al vertice”, ha affermato un secondo funzionario dell’amministrazione.

READ  I titoli dell'Asia-Pacifico salgono prima dei dati economici chiave di questa settimana

A Los Angeles, Biden avrebbe dovuto incontrare per la prima volta il presidente brasiliano Jair Bolsonaro, che stava valutando un boicottaggio da parte sua prima che gli fosse promesso un incontro faccia a faccia con il leader degli Stati Uniti.

Il leader populista di estrema destra, che è stato uno stretto alleato del presidente Donald Trump, è stato per lo più ignorato dalla Casa Bianca fino a questo punto. All’inizio di questa settimana, ha persino fatto eco a Trump mettendo in dubbio la vittoria di Biden alle elezioni del 2020 nei commenti di San Paolo. Ha anche messo in dubbio la credibilità dei sistemi elettorali brasiliani.

Sullivan ha detto che si aspettava che i due presidenti discutessero di “elezioni democratiche libere, eque e trasparenti” nei loro colloqui.

“Non ci sono argomenti off-limits in nessun duo che fa il presidente, incluso il presidente Bolsonaro”, ha detto Sullivan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.