Azioni, aumento del dollaro I leader europei esortano Mosca a imporre più sanzioni

Un trader lavora alla New York Stock Exchange (NYSE) a New York City, USA, 4 aprile 2022. REUTERS/Brendan McDermid

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • Le azioni statunitensi sono aumentate principalmente nelle prime contrattazioni
  • Aumento del prezzo del petrolio
  • Il dollaro USA si rafforza

NEW YORK (Reuters) – I titoli azionari sono saliti lunedì negli indici globali, con il Nasdaq che avanza in rialzo su Wall Street, mentre il dollaro USA si è rafforzato mentre i leader europei hanno sollecitato più sanzioni a Mosca sulla scia delle accuse di crimini di guerra in Ucraina.

Gli investitori hanno osservato da vicino la curva dei rendimenti tra le obbligazioni statunitensi a due e 10 anni, che è stata invertita la scorsa settimana in segno per alcuni osservatori del mercato che una recessione potrebbe seguire entro uno o due anni.

L’imposizione di ulteriori sanzioni alla Russia si aggiungerà alla già enorme pressione economica sulla Russia a causa della sua invasione dell’Ucraina.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La Russia ha mantenuto il flusso di gas attraverso i principali gasdotti verso l’Europa, nonostante l’incertezza sui termini di pagamento. Per saperne di più

Il dollaro è salito, in rialzo per tre sessioni consecutive, poiché la prospettiva di un aumento delle sanzioni ha spinto gli investitori a cercare sicurezza nella valuta statunitense. Per saperne di più

“Il dollaro sta rimbalzando più in alto poiché gli sviluppi geopolitici hanno gettato nubi cupe sull’economia globale”, ha affermato Joe Manimbo, analista di mercato senior presso Western Union Business Solutions a Washington. Il Cremlino ha negato le accuse di uccisioni di civili in Ucraina.

READ  Abbandonata la Fisher Body Factory n. 21 a Detroit per diventare una casa

Il biglietto verde ha anche continuato a beneficiare del forte rapporto sui libri paga non agricoli di marzo che ha supportato le aspettative per un aumento di mezzo punto percentuale del tasso da parte della Federal Reserve alla riunione del mese prossimo.

L’indice del dollaro è salito dello 0,245%.

L’euro, che è stato messo sotto pressione dalle preoccupazioni per i danni economici causati dalla guerra in Ucraina, è sceso dello 0,6% rispetto al dollaro a 1,0988 dollari. Contro la sterlina, l’euro è sceso al minimo di sei giorni e l’ultima volta è sceso dello 0,6% a 83,73 pence.

A Wall Street c’è la notizia che Tesla Inc (TSLA.O) Il CEO Elon Musk ha costruito una partecipazione del 9,2% in Twitter Inc (TWTR.N) Ha acceso i riflettori e ha inviato condivisioni di Twitter più in alto. Per saperne di più

Media industriale del Dow Jones (.DJI) L’indice è sceso di 3,76 punti, o dello 0,01 percento, a 3.4814,51 Standard & Poor’s 500 (.SPX) È salito di 21,62 punti, o dello 0,48%, a 4567,48, e il Nasdaq Composite (diciannovesimo) Ha aggiunto 213,94 punti, o 1,5%, a 14.475,44 punti.

Indice paneuropeo STOXX 600 (.stoxx) È aumentato dello 0,93% e dell’indice MSCI delle azioni in tutto il mondo (.MIWD00000PUS) 0,65% di profitto.

Nel mercato dei Treasury USA, il rendimento del titolo a due anni era del 2,44%, mentre il rendimento del titolo di riferimento a 10 anni era del 2,41%.

Il recente aumento dei rendimenti obbligazionari statunitensi ha sostenuto il dollaro USA, soprattutto nei confronti dello yen, poiché la Banca del Giappone ha agito ripetutamente la scorsa settimana per mantenere i rendimenti obbligazionari vicino allo zero.

READ  Investitori di criptovalute indiani in modalità panico mentre Bitcoin Exchange disattiva i depositi

Sul fronte economico statunitense, il Dipartimento del Commercio ha affermato che gli ordini di fabbrica sono scesi dello 0,5% a febbraio. I dati di gennaio sono stati rivisti leggermente al rialzo per mostrare ordini in aumento dell’1,5% invece dell’1,4% come riportato in precedenza. Gli economisti intervistati da Reuters si aspettavano un calo degli ordini di fabbrica dello 0,5%. Per saperne di più

Il petrolio è balzato di oltre il 3% poiché il rilascio di riserve strategiche da parte delle nazioni consumatrici non è riuscito a eliminare i problemi di approvvigionamento derivanti dall’invasione russa dell’Ucraina e dalla mancanza di un accordo nucleare con l’Iran. Per saperne di più

Di recente, il greggio statunitense è salito del 3,52% a $ 102,76 al barile e il greggio Brent ha raggiunto $ 107,58, in rialzo del 3,06% rispetto alla giornata.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Gertrude Chavez-Dreyfus a New York e Julian Ponthos a Londra. Montaggio di Richard Chang e Andrea Ricci

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.