Avvertimento della controffensiva ucraina, la Russia non abbastanza per ritirarsi dal fronte / Putin potrebbe aprire un nuovo fronte, compresa la Repubblica di Moldova

Il capo delle forze armate tedesche, il generale Eberhard Zorn, esorta alla cautela nel caso di una controffensiva ucraina, affermando che non è sufficiente “respingere la Russia su un ampio fronte”, ha riferito l’Afp.

Le forze ucraine stanno attualmente conducendo “contrattacchi che consentono loro di riconquistare alcune posizioni o parti del fronte, ma senza costringere la Russia a ritirarsi su un ampio fronte”, ha detto l’alto funzionario a Weekly Focus.

Equilibrio

Tuttavia, ritiene che Kiev “agisca in modo intelligente (…) e conduca le operazioni in modo sovrano e altamente mobile”.

“Non due settimane fa avrei detto che l’intero Donbass sarebbe stato nelle mani dei russi in sei mesi. Oggi dico che non vinceranno”, dichiara il generale Zorn.

Un ispettore della Bundeswehr (esercito tedesco) giustifica anche la riluttanza di Berlino a fornire armi pesanti all’Ucraina.

L’elenco delle apparecchiature fornite dalla Germania è “sostanziale, sia in termini di qualità che di quantità”, insiste.

Ma la Germania, a suo avviso, non dovrebbe svuotare troppo le sue scorte.

“Tutto ciò che diamo, abbiamo bisogno in cambio”, afferma.

A poco a poco si può aprire un nuovo fronte

Contro Vladimir Putin capisce solo il linguaggio dell'”autorità” e “per una deterrenza efficace, abbiamo bisogno di truppe”, in Germania, insiste il generale.

Secondo l’ispettore della Bundeswehr lo è ancora di più perché il leader del Cremlino potrebbe aprire un nuovo fronte.

“Kaliningrad, il Mar Baltico, il confine con la Finlandia, la Georgia, la (Repubblica di) Moldova, ci sono molte possibilità. Putin avrà la capacità di aprire un nuovo fronte”, avverte.

“Sebbene circa il 60% delle sue forze di terra siano impegnate in combattimento, in Ucraina le forze di terra, e in particolare la Marina e l’aeronautica russa, hanno ancora capacità instabili in combattimento”, sottolinea il generale Eberhard Zorn.

READ  "Gli albergatori hanno avuto la possibilità di acquistare abbonamenti per turisti che pagano meno di 17 Li al giorno. Non erano interessati a questa struttura".

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz è stato messo sotto pressione nei giorni scorsi da Kiev, ma anche dai partner della coalizione di governo, per fornire i carri armati Leopard-2 all’Ucraina, ma finora senza successo.

Fonte: News.ro

Passo e…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.