Artemis Sono partito per un viaggio intorno alla luna riprogrammato per sabato

La finestra di lancio di due ore si apre alle 14:17 ET del 3 settembre.

Dopo che il lancio è stato interrotto lunedì mattina, il team di lancio ha trascorso il resto della giornata a valutare i dati raccolti durante il tentativo. I responsabili della missione hanno condiviso un aggiornamento martedì sera.

Il kit Artemis I, che include il razzo Space Launch System e la navicella spaziale Orion, è ancora sul Launchpad 39B del Kennedy Space Center in Florida.

Uno dei quattro motori RS-25 del razzo, identificato come motore n. 3, non è stato in grado di raggiungere l’intervallo di temperatura appropriato richiesto per avviare il motore al decollo.

I motori devono essere condizionati termicamente prima che il propellente super raffreddato li attraversi prima del decollo. Per evitare che i motori subiscano sbalzi di temperatura, le unità di controllo del lancio aumentano la pressione del serbatoio dell’idrogeno liquido nello stadio primario per inviare un po’ di idrogeno liquido ai motori. Questo è noto come “sanguinamento”.

L’idrogeno liquido ha una temperatura di 423 gradi Fahrenheit (meno 252 gradi Celsius).

Il motore 3 era probabilmente da 30 a 40 gradi più caldo degli altri motori, che arrivavano a circa 410 gradi Fahrenheit (meno 245 gradi Fahrenheit), ha affermato John Honeycutt, responsabile del programma Space Launch System presso il Marshall Space Flight Center della NASA in Alabama.

I task manager sospettavano che il problema 3 del motore fosse in realtà un problema con il sistema di spurgo, non con il motore vero e proprio. Honeycutt ha affermato che un sensore difettoso potrebbe fornire una lettura errata della temperatura del motore.

READ  I muri invisibili nello spazio possono spiegare un problema che ha sconcertato gli scienziati

“Il modo in cui si comporta il sensore non corrisponde alla fisica della situazione”, ha detto Honeycutt.

Il team prevede di iniziare a sanguinare da 30 a 45 minuti prima per fare il conto alla rovescia di ciò che è accaduto lunedì e monitorare la temperatura del motore durante il sanguinamento.

“Quando abbiamo provato ieri, abbiamo detto che se non avessimo potuto condizionare termicamente i motori, non avremmo lanciato”, ha detto Sarafin. “Questa è la stessa posizione in cui andiamo sabato”.

Rimuovere e sostituire il sensore sarebbe difficile sulla rampa di lancio, quindi l’unica alternativa è restituirlo all’edificio di assemblaggio del veicolo per la manutenzione, ha affermato Charlie Blackwell Thompson, responsabile del lancio di Artemis nel programma Earth Exploration Systems della NASA.

Diversi altri problemi, come tempeste, una perdita sulla linea da 8 pollici utilizzata per riempire e drenare idrogeno liquido allo stadio centrale del razzo e perdite di idrogeno da una valvola di sfogo nell’interserbatoio dello stadio centrale hanno anche causato ritardi lunedì mattina impedendo il decollo durante lunedì . – Finestra di lancio dell’ora.

“Abbiamo concordato quella che è stata definita la prima opzione, ovvero modificare le procedure di caricamento operativamente e iniziare a raffreddare presto il nostro motore”. “Abbiamo anche concordato di fare un po’ di lavoro sulla piattaforma per affrontare la perdita che abbiamo visto nella maschera segreta del servizio di coda a idrogeno”, ha affermato Mike Sarafin, responsabile della missione Artemis, quartier generale della NASA.

Le attuali previsioni per sabato includono la possibilità di rovesci e temporali al mattino e al pomeriggio, quindi il team di lancio seguirà attentamente le previsioni, ha affermato il meteorologo Mark Burger, meteorologo di lancio per il 45th Weather Squadron della US Space Force.

READ  Accelera la ricerca della materia oscura

C’è una probabilità del 60% che si verifichi una violazione del tempo durante la finestra di lancio, ha detto Berger.

C’è ancora una possibilità di riserva per il lancio della missione Artemis I il 5 settembre.

La missione Artemis I è solo l’inizio di un programma volto a riportare gli umani sulla Luna e, infine, a far atterrare missioni con equipaggio sulla superficie di Marte.

Correzione: una versione precedente di questa falsa storiaDott meteorologo Il nome di Mark Burger.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.