Andreessen Horowitz sostiene il progetto immobiliare del fondatore di WeWork

Adam Newman ha attirato il suo più grande investimento esterno da gennaio 2019, quando la SoftBank di Masayoshi Son ha valutato 47 miliardi di dollari su WeWork, la società di spazi per uffici che ha co-fondato, ora valutata 4 miliardi di dollari.

Andreessen Horowitz, una società di venture capital della Silicon Valley, ha dichiarato lunedì di aver sostenuto Flow, la società immobiliare residenziale. Uomo nuovo L’attività è in corso da quando un tentativo fallito di pubblicizzare WeWork lo ha spinto a dimettersi da CEO.

Una persona che ha familiarità con la questione ha affermato che Andreessen Horowitz ha investito $ 350 milioni con una valutazione di quasi $ 1 miliardo. A maggio, ha investito una somma non rivelata in Flowcarbon, un’altra società sostenuta da Neumann che sta cercando di rendere più trasparenti i mercati del credito di carbonio utilizzando la tecnologia blockchain.

in Post sul blogIl co-fondatore Mark Andreessen ha elogiato Neumann come un “leader visionario che ha rivoluzionato la seconda classe di attività più grande del mondo: gli immobili commerciali” ed è stato in grado di fare la differenza nel settore immobiliare residenziale, la più grande classe di attività.

“Solo una persona ha fondamentalmente ridisegnato l’esperienza dell’ufficio e guidato un’azienda globale a cambiare il paradigma nel processo: Adam Newman”, ha affermato.

Riferendosi alle controversie passate, Andreessen ha aggiunto: “Ci piace vedere fondatori abituali costruire sui successi passati crescendo dalle lezioni apprese. Per Adam, i successi e le lezioni abbondano”.

Newman che se n’è andato Lavoriamo Il miliardario ha svelato pochi dettagli sui piani di Flow: il suo sito web riporta solo le parole “Live Life in Flow” e “Next 2023”. Un portavoce di Newman ha rifiutato di commentare.

READ  Jeff Bezos risponde al sondaggio di Elon Musk chiedendo se il quartier generale di Twitter debba essere trasformato in un rifugio per senzatetto

Ma in un’intervista In un’intervista con il Financial Times a marzo, ha detto che stava approfittando della crisi degli alloggi e dell’accessibilità economica che stanno costringendo più giovani americani ad affittare piuttosto che ad acquistare.

All’epoca vedeva una “tremenda opportunità” per fornire un maggiore senso di comunità in alloggi multifamiliari, disse all’epoca, e si rivolgeva a città come Austin, Miami e Nashville, che stavano riunendo un numero crescente di giovani con crescita lavorativa , attrazioni culturali e buone capacità. tempo atmosferico.

Andreessen, uno dei primi sostenitori di Facebook e Airbnb, ha fornito alcuni dettagli su come funzionerebbe Flow, ma ha affermato che ciò comporterebbe “un ripensamento dell’intera catena del valore, dal modo in cui gli edifici acquistano e possiedono, al modo in cui i residenti interagiscono con i loro edifici per il modo in cui il valore è distribuito tra gli stakeholder.” “.

Dopo aver lasciato WeWork, Neumann ha iniziato ad acquistare appartamenti in affitto per un valore di centinaia di milioni di dollari a prezzi accessibili.

“Abbiamo iniziato ad acquistare questa proprietà, ma poi ho iniziato a camminare tra gli edifici, e ho appena avuto la sensazione, e ho sentito, che si poteva fare molto per migliorare la vita di questi inquilini”, ha detto al Financial Tempi di marzo.

Newman si è avventurato nel settore immobiliare residenziale con il lancio di WeLive, ma è stato in grado di aprire solo due condomini prima di lasciare WeWork.

Lo scorso ottobre, il suo family office ha condotto una raccolta fondi da 42 milioni di dollari per Alfred, che fornisce servizi agli inquilini che vanno dalla raccolta del lavaggio a secco alla prenotazione di sessioni di yoga di gruppo.

READ  La ripresa del mercato cinese nasconde le preoccupazioni per il declino della globalizzazione

L’amministratore delegato di Alfred, Marcella Saboni, ha affermato che Flow non utilizzerà il prodotto “esperienza residente” della sua azienda. “Questo è il modello di Alfred”, ha detto, “ma si concentrerà sui suoi edifici”. “La sua convinzione è che questo sarà un bene per entrambi”.

Andreessen ha attirato l’attenzione diffusa all’inizio della pandemia di coronavirus, quando ha lanciato un grido di battaglia alla Silicon Valley per investire più dei suoi soldi nella creazione di risorse fisiche.

per lui articolo Ha attaccato “l’arrogante compiacimento” che, secondo lui, aveva portato a investimenti insufficienti nella produzione e nell’edilizia di ogni tipo, il che, tra le altre cose, aveva portato “alla frenesia dell’aumento dei prezzi delle case in luoghi come San Francisco, rendendolo quasi impossibile per la gente comune trasferirsi.” E accettare i lavori del futuro”.

Tuttavia, all’inizio di quest’anno Andreessen e sua moglie, la filantropa Laura Arilaja Andresen, hanno attaccato una proposta per cambiare le regole di zonizzazione ad Atherton, in California, la ricca città della Silicon Valley dove vivono, per consentire la costruzione di case multifamiliari, secondo The Atlantic. La proposta di zonizzazione è stata ritirata a luglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.