All’interno del piano di smantellamento di EY: perché potrebbe rimodellare radicalmente i Big Four

Quando Carmen Di Sibiu, presidente globale di EY, è salita a bordo del jet privato della società di contabilità fuori Davos nelle prime ore di giovedì mattina, l’amministratore delegato italo-americano aveva già intrapreso un viaggio ancora più audace.

Seduto sulla nave EY Il primo, come l’aereo Bombardier è noto all’interno della società di contabilità, era il revisore dei conti che assumeva la direzione Un piano per smantellare il gruppo dei Big Four Riformerebbe l’oligopolio Il professionista domina Dalla caduta del loro rivale Arthur Andersen nel 2002 a causa del crollo del gruppo energetico americano Enron.

Di Sibiu e i suoi colleghi senior stanno bilanciando la storica separazione tra l’audit e il lavoro di consulenza di EY dopo anni di critiche sul conflitto di interessi percepito dai due. I revisori dei conti hanno il compito di ritenere responsabile la gestione aziendale e resistere alla pressione di firmare numeri senza prove adeguate, mentre i colleghi consulenti preferiscono mantenere i clienti gentili per generare commissioni in aree come tasse, accordi e consulenza.

“Mi sorprende che ci sia voluto così tanto tempo”, afferma Fiona Cherniowska, CEO dell’analista del settore della consulenza Source Global Research. “Sta diventando sempre più difficile per qualsiasi studio di contabilità fornire un servizio multidisciplinare, che includa la revisione contabile… Immagino che ogni altro studio stia guardando [restructuring] molto. “

Motivazione della separazione

Per le pratiche di consulenza Big Four, le limitazioni nel lavoro con i clienti di audit sono un freno alla crescita mentre gli investimenti nel miglioramento dell’audit hanno prosciugato gli investimenti di capitale dalla loro attività di consulenza.

“La maggior parte dei non revisori dei conti vuole la libertà dai vincoli dell’indipendenza sul lavoro che possiamo fare”, afferma un partner di EY che non è coinvolto nella pianificazione della ristrutturazione.

La vendita di consulenza su consulenza digitale e fusioni e acquisizioni ha contribuito a portare le entrate dei Big Four a livelli record, ma i loro bracci di consulenza affrontano concorrenti non vincolati da lotte di audit. Accenture, che è diventata indipendente dal revisore dei conti Arthur Andersen nel 2000, ha registrato un fatturato di 51 miliardi di dollari lo scorso anno, quasi il doppio delle vendite di EY Advisory.

Nonostante l’inasprimento dei consigli di vendita per gli audit dei clienti, i Big Four devono ancora affrontare domande sulla qualità dei loro audit.

READ  7 ricette di involtini per la cena con pollo, fagioli, verdure e altro ancora

“Riteniamo di aver investito nella qualità dell’audit, ma ci sentiamo ancora nello stesso posto”, afferma qualcuno con una conoscenza diretta dei piani di EY.

Il secondo fattore, dice la persona, è che i conflitti stanno diventando più difficili da gestire mentre i Big Four spingono verso contratti di servizi gestiti pluriennali per grandi gruppi aziendali, che offrono insieme alle società tecnologiche attraverso alleanze contrattuali.

Il controllo del fornitore di tecnologia, o anche del fondo di private equity in cui sta investendo, potrebbe innescare nuovi conflitti e soffocare la crescita del braccio di consulenza nel mercato della consulenza digitale in rapida espansione.

Un partner di un altro Big Four afferma che il problema è più urgente per EY poiché domina il mercato degli audit della Silicon Valley, controllando conti per Amazon, Google, Oracle, Salesforce e Workday.

Secondo i piani di EY, la sua attività sarà suddivisa in una partnership incentrata sull’audit e un’operazione di consulenza di proprietà separata che coinvolgerà la maggior parte dei team di consulenza e trattativa. Le opzioni in esame includono a Quotazione pubblica o vendita di azioni Nella consulenza, Goldman Sachs e JPMorgan hanno consigliato l’azienda di 312.000 persone, secondo persone che hanno familiarità con la questione.

L’attività di revisione, che rimarrà come una partnership, ha mantenuto il marchio EY quando la società ha venduto le sue pratiche di consulenza a Cap Gemini per 11 miliardi di dollari nel 2000 prima di ricostruirlo da zero. Nessuna attività è stata decisa che manterrà il marchio EY questa volta, afferma la persona che ha familiarità con i piani.

Negli ultimi anni , I quattro grandi spettatori Ripetendo le rotture di due decenni fa, ma implementando la pianificazione di emergenza nel caso in cui le autorità di regolamentazione siano costrette a farlo, secondo contabili e consulenti senior.

PwC ha preso in considerazione le opzioni tra cui un’offerta pubblica iniziale di parte della sua attività nel 2019, ma ha deciso di non perseguire una divisione in parte a causa dei costi e della complessità, afferma una persona che ha familiarità con la pianificazione.

PwC e Deloitte hanno dichiarato venerdì di essersi impegnati a mantenere le loro pratiche di audit e consulenza mentre KPMG ha smesso di farlo, affermando che il modello multidisciplinare “porta una serie di vantaggi”.

READ  La Fed Powell dissipa i timori di recessione rifiutandosi di aumentare i tassi di interesse di 75 punti base

Le separazioni offriranno ai clienti una scelta più ampia di consulenti e revisori dei conti, riducendo il rischio di conflitti di interesse, ma si discute se i grandi clienti lo desiderino.

“Non credo che il mercato voglia un giocatore puro”, afferma un revisore senior di un’azienda di medie dimensioni. Ma un partner di un’altra società di livello medio crede che il resto dei Big Four seguirà EY. “Ciò porterà a una catena di eventi in cui tutte le società di servizi professionali riconsidereranno e valuteranno urgentemente le loro strutture”, aggiunge.

vendita frazionata

Per Di Sibio e per i leader globali di EY, la decisione di raccomandare una scissione tra i quasi 13.000 partner dell’azienda nelle prossime settimane dipenderà non solo dall’attrattiva della scissione, ma anche dalle forme di ristrutturazione che possono essere realizzate.

“Puoi vedere i vantaggi strategici, ma non sono necessariamente realizzabili nella pratica”, afferma la persona che ha familiarità con la pianificazione EY. “Questo è ciò che stiamo cercando di risolvere perché se non funziona, non lo faremo”.

La disintegrazione richiederà l’approvazione di centinaia di regolatori a livello globale e richiederà anni, affermano i partner di altre società.

La sfida più immediata sarà ottenere il sostegno in una votazione da parte dei partner di EY in diverse linee di business e paesi, i cui interessi saranno difficili da allineare.

I partner di altri gruppi contabili affermano che i principali campi di battaglia includeranno le valutazioni relative dell’attività di revisione e consulenza, se i partner di revisione ritengono che il loro reddito diminuirà dopo essersi separati dalla pratica di consulenza più redditizia e chi sarà ritenuto responsabile per le azioni legali derivanti dalla presunta EY mancata segnalazione delle truffe Wirecard in Germania e NMC Health nel Regno Unito.

Le responsabilità derivanti da audit Wirecard e altre rivendicazioni legali non sono state un fattore scatenante per la pianificazione, afferma la persona che ha familiarità con le conversazioni.

I revisori si chiedono se un’attività di revisione contabile indipendente sia fattibile e possa competere per i dipendenti senza la promessa di diverse opzioni di carriera.

La nuova divisione di audit indipendente manterrà esperti in altre discipline per assistere con il lavoro di audit, affermano le persone informate sulla pianificazione di EY.

READ  Dow futures: rimbalzo del mercato, ma per quanto tempo? Apple e Amazon Hit Tech

Nel frattempo, c’è il rischio di instabilità. In una nota allo staff venerdì, Di Sibiu ha detto che parlare di una revisione “potrebbe distrarre”, ma ha chiesto loro di rimanere concentrati.

“Hanno dipinto un grosso obiettivo sulla schiena”, afferma un partner senior di un’azienda rivale, prevedendo che qualsiasi decisione di scissione incoraggerebbe i concorrenti a balzare sui partner di EY che temono un brutto affare nella scissione.

“[We] Andranno e cercheranno di trovare ogni partner decente che hanno che sia necessariamente scontento del processo per i prossimi 12 mesi e cercheranno di rubarlo”, dice.

Ci sarà “un po’ di dimenticanza” fino a quando i dettagli non saranno risolti, ma dopodiché l’offerta di EY alle reclute sarà chiara, afferma la persona che ha familiarità con i suoi piani.

ondata di offerte?

Un’IPO sarà più difficile che vendere una partecipazione a un investitore di private equity, affermano i partner di molte aziende. Una quotazione pubblica potrebbe essere “l’affare più complicato della storia, ma se i soldi sono abbastanza grandi, potrebbe [they can do it]’”, dice un ex partner di Big Four.

“Non riesco a vedere l’IPO. Anche quello Private equity attraente‘, afferma uno dei partner del Regno Unito in un’altra azienda.

Società di private equity hanno finanziato le pratiche di acquisto, insolvenza e ristrutturazione di KPMG nel Regno Unito per conto di Deloitte lo scorso anno, mentre Clayton, Dobellier e Rice hanno pagato $ 2,2 miliardi per l’attività di servizi di mobilità globale di PricewaterhouseCoopers in un accordo concluso ad ottobre.

La vendita da parte di EY potrebbe portare a una maggiore attività che imita la vendita delle principali società di contabilità della loro attività di consulenza più di due decenni fa. Gli accordi includevano la cessione di PricewaterhouseCoopers nella sua divisione di consulenza a IBM. I consulenti KPMG sono stati divisi tra Bearing Point e Atos mentre EY è stata venduta a Cap Gemini.

L’unico dissenziente era Deloitte, che ha continuato ad espandere la sua impresa di consulenza. Il resto dei Big Four ha ricostruito le proprie armi di consulenza ma non è riuscito a recuperare il ritardo.

Ma Cherniawska pensa che questa volta potrebbe esserci un vantaggio da first mover per EY.

“Vuoi davvero essere l’ultima azienda a farlo o preferiresti essere in prima linea e prendere il comando?” lei dice.

“Se corro [a firm] Vorrei essere in prima fila e dare forma in qualche modo all’agenda su cui avverranno i cambiamenti futuri, senza aspettare una reazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.