A tre mesi dall’inizio della guerra, la vita in Russia è cambiata profondamente

Quando Vladimir Putin annunciò l’invasione dell’Ucraina, la guerra sembrava lontana dal suolo russo. Ma in pochi giorni, il conflitto è tornato a casa, non con missili da crociera e mortai, ma sotto forma di un’ampia raffica di sanzioni senza precedenti e inaspettata da parte dei governi occidentali e sanzioni economiche da parte delle società.

Tre mesi dopo l’invasione del 24 febbraio, Molti russi ordinari stanno vacillando da questi colpi ai loro mezzi di sussistenza e alle loro emozioni. I mega centri commerciali di Mosca si sono trasformati in spaventose distese di vetrine chiuse un tempo occupate dai rivenditori occidentali.

McDonald’s, la cui apertura in Russia nel 1990 è stata un fenomeno culturale, una scintillante comodità moderna arrivata in un paese desolato abbattuto da opzioni limitate, si è completamente ritirato dalla Russia in risposta alla sua invasione dell’Ucraina. IKEA, un esempio di servizi moderni a prezzi accessibili, operazioni eccezionali. Decine di migliaia di posti di lavoro che un tempo erano sicuri vengono ora messi in discussione in brevissimo tempo.

I principali attori industriali, tra cui i colossi petroliferi BP, Shell e Renault, si sono ritirati, nonostante i loro ingenti investimenti in Russia. Shell ha stimato che avrebbe perso circa $ 5 miliardi cercando di scaricare i suoi asset russi.

Mentre le multinazionali se ne andavano, scappavano anche migliaia di russi che avevano i mezzi economici per farlo, spaventati dalle aspre mosse del nuovo governo associate alla guerra che vedevano come una scivolata nel totalitarismo. Alcuni giovani potrebbero anche essere fuggiti, temendo che il Cremlino avrebbe imposto la coscrizione per alimentare la sua macchina da guerra.

Ma la fuga è più difficile di prima: i 27 paesi dell’Unione Europea, insieme a Stati Uniti e Canada, hanno vietato i voli da e per la Russia. Una volta una destinazione facile per il fine settimana per un volo di 90 minuti da Mosca, la capitale estone Tallinn ha impiegato almeno 12 ore per attraversare Istanbul.

READ  Robot, marines e l'ultima battaglia con la burocrazia

Anche i viaggi indiretti tramite Internet e i social media sono diminuiti per i russi. La Russia a marzo ha bandito Facebook e Instagram – anche se questo può essere aggirato con una VPN – e ha chiuso l’accesso a siti di media stranieri, tra cui BBC, Voice of America, Radio Free Europe/Radio Liberty e l’emittente tedesca Deutsche Welle, finanziata dal governo degli Stati Uniti.

Dopo che le autorità russe hanno approvato una legge che chiedeva pene detentive fino a 15 anni per storie che includevano “notizie false” sulla guerra, diversi media indipendenti hanno chiuso o sospeso le loro operazioni. Questi includono Radio Ekho Moskvy e Novaya Gazeta, il giornale il cui editore Dmitry Muratov ha condiviso il Premio Nobel per la pace.

Il costo psicologico della repressione, delle limitazioni e della diminuzione delle opportunità può essere elevato per i russi comuni, sebbene difficile da misurare. Sebbene alcuni sondaggi dell’opinione pubblica in Russia indichino che il sostegno alla guerra in Ucraina è forte, i risultati sono stati probabilmente distorti dagli intervistati che sono rimasti in silenzio e hanno messo in guardia dall’esprimere le loro vere opinioni.

Andrei Kolesnikov del Carnegie Moscow Center ha scritto in un commento che la società russa è attualmente dominata dalla “sottomissione aggressiva” e che il deterioramento dei legami sociali può accelerare.

“La discussione si fa sempre più ampia. Puoi chiamare il tuo concittadino, ma uno che ha un’opinione diversa: un ‘traditore’ e considerarlo un tipo di persona inferiore. Puoi, come la maggior parte dei funzionari statali di alto rango, speculare liberamente e con calma sulle possibilità di una guerra nucleare (questo) qualcosa che non era assolutamente consentito in epoca sovietica durante la Pax Atomica, quando entrambe le parti si resero conto che il danno che ne sarebbe derivato era completamente inimmaginabile”.

READ  Casi Covid, booster vaccinali e notizie BA.2: aggiornamenti in tempo reale

“Ora quella comprensione sta svanendo, e questo è un altro segno della catastrofe antropologica che la Russia sta affrontando”, ha detto.

Le conseguenze economiche devono ancora essere pienamente dimostrate.

Nei primi giorni della guerra, il rublo russo perse metà del suo valore. Ma gli sforzi del governo per sostenerlo hanno effettivamente aumentato il suo valore al di sopra del livello pre-invasione.

Ma in termini di attività economica, “questa è una storia completamente diversa”, ha affermato Chris Weaver, un veterano analista economico russo presso Macro-Advisory.

“Stiamo assistendo a un deterioramento dell’economia in un’ampia gamma di settori. Le aziende avvertono che stanno esaurendo le scorte di pezzi di ricambio. Molte aziende stanno mettendo i propri dipendenti in lavori part-time e altri li avvertono che devono chiudere completamente. Quindi c’è il vero timore che la disoccupazione aumenti durante i mesi estivi, che ci sarà un calo significativo dei consumi, delle vendite al dettaglio e degli investimenti”, ha detto all’Associated Press.

Weaver ha affermato che il rublo relativamente forte, per quanto incoraggiante possa sembrare, pone anche problemi per il bilancio nazionale.

Ricevono effettivamente le loro entrate in valuta estera dagli esportatori e i loro pagamenti sono in rubli. Quindi più forte è il rublo, meno soldi devono spendere.” “(Questo) rende gli esportatori russi meno competitivi, perché sono più costosi sulla scena mondiale”.

Se la guerra continua, più compagnie potrebbero lasciare la Russia. Weaver ha suggerito che solo le società che hanno sospeso le operazioni potrebbero riprenderle se verrà raggiunto un cessate il fuoco e un accordo di pace per l’Ucraina, ma ha affermato che la finestra potrebbe chiudersi.

READ  La guerra ucraino-russa: ultime notizie - The New York Times

“Se cammini per i centri commerciali di Mosca, puoi vedere che molti negozi di moda, gruppi economici occidentali, hanno semplicemente rimosso le porte. I loro scaffali sono ancora pieni, le luci sono ancora accese. Semplicemente non sono aperti. Quindi non l’hanno fatto ancora ritirato Aspettano di vedere cosa succede dopo.

Weaver ha affermato che queste società saranno presto sottoposte a pressioni per risolvere l’impasse nelle loro società russe.

“Stiamo arrivando al punto in cui le aziende stanno finendo il tempo, o forse sono impazienti”, ha affermato.

___

Segui tutti gli articoli di AP sulla guerra in Ucraina su https://apnews.com/hub/russia-ukraine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.