La mela, il frutto proibito: eccone svelati i benefici

Ecco di cosa è composta la mela: zuccheri composti, malato, pectina, sostanze grasse, proteine, vitamine B e C, minerali: si tratta di una vera e propria farmacia a portata di mano.

Le Renette e le Annurca sono varietà più ricche: per assumere la maggiore quantità di vitamina C è consigliabile spremerle e berne il succo.
É un alimento completo per l’adulto, il fanciullo, le donne in gravidanza e quelle che allattano.
Le mele ci aiutano a combattere l’obesità, le affezioni dell’apparato digerente, i disturbi gastrici, le enteriti, la costipazione, l’ipertensione, il colesterolo, i reumatismi, la gotta, l’accumulo di acido urico, i calcoli renali, la stanchezza, il diabete, le malattie della pelle.
Il suo contenuto in potassio le rende amiche del cuore. Crude sono diuretiche, cotte sono ricche di fibre. Qunado sono gustate al naturale, sono più ricche di potassio e di vitamina C, sostanze che svolgono un’attività antiossidante e diuretica. Quando invece vengono cucinate, favoriscono il transito intestinale ed hanno un effetto lassativo perchè la fibra è più concentrata. In ogni caso, anche da cotte mantengono le proprietà antiossidanti in quanto i polifenoli, a differenza della vitamina C, resistono alla cottura.
La mela è una vera e propria fonte di salute e dovrebbe entrare più largamente in tutte le case: un melo piantato è un fattore di miglioramento della salute umana.
Tra i prodotti derivati possiamo utilizzare il succo di mela, l’aceto, il sidro: sono tutti prodotti privi di tossicità e amici della salute.

 

Loading...

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteQuale latte dobbiamo consumare?
Articolo successivoTe verde: benefici per la salute e per la forma fisica
Mi chiamo Bottarelli Daniela Odea e sono nata a Brescia nel 1987. Nel 2010 ho conseguito la laurea come Educatrice Professionale Sanitaria ed ho lavorato a stretto contatto con diverse realtà sociali (comunità per minori, centri per disabilità medio-gravi, tossicodipendenza, educativa di strada, comunità per malati di Hiv, ecc..). Fin dall'adolescenza ho coltivato la passione per la lettura e soprattutto per la scrittura, e per questo motivo, nel 2012 ho frequentato un corso per Redattore Editoriale che mi ha permesso di lavorare come collaboratrice esterna di diverse riviste di attualità e cultura, nonché come articolista per diverse riviste on line. Mi sono ammalata di cancro nel 2013 e da tre anni sto combattendo questa dura battaglia per la mia vita. Questa malattia mi ha tolto tanto, ma non la mia voglia di lottare, di crescere, di amare e di donare un po' di me al mondo. Ho deciso di condividere un po' di me attraverso le mie opere, partecipando a diversi concorsi letterari. La mia poesia “Voglio essere adesso”, si è classificata al quarto posto al Concorso “Il giro d'Italia delle poesie in cornice”, indetto dalla Casa Editrice Montedit e dall'Associazione Culturale Il Club degli autori. Un'altra mia poesia, “Io ce la farò”, si è anch'essa classificata finalista al Concorso “Marguerite Yourcenar 2016”. Ho scritto diversi romanzi, tra cui uno psico-thriller intitolato “Metamorfosi omicide”, che si è classificato finalista al Premio Letterario Internazionale Gaetano Cingari ( XI Edizione ). Nel mese di ottobre 2016 ho pubblicato la mia prima raccolta di poesie intitolata “Ho riscoperto il profumo della mia pelle” con Aletti Editore, collana Gli Emersi : in essa ho raccolto tutte le emozioni che questo percorso di riscoperta di me tramite la malattia, le mie speranze per il futuro ed il mio amore per questa mia vita, meravigliosa ed imprevedibile vita. Presentata come silloge di poesie presso il concorso Ebook in versi 2016, indetto dal Club degli Autori, “Ho riscoperto il profumo della mia pelle”, ha ricevuto un riconoscimento di merito da parte della giuria. A Natale uscirà il primo mio romanzo giallo dal titolo “Metamorfosi omicide”il primo di una serie di romanzi sul filone dello psico thriller.