Ora legale ed effetti sulla salute. Ecco come affrontare il cambio orario

Messe avanti le lancette di un’ora, tra la notte di sabato 25 marzo e domenica 26 marzo scorso, cambiamento orario che avviene sempre alle due di notte, con l’ora legale è normale che la salute ne risenta a livello psicofisico e anche a livello emotivo. Provoca, in particolare nei primi giorni, problemi di adattamento. Questo succede perché si dorme di meno e su quelle persone più sensibili si potrebbero verificare effetti di affaticamento, stress, fatica a concentrarsi, irritabilità, insonnia e anche mal di testa. Ma soprattutto mal di schiena, in quanto i muscoli, dormendo meno, si riposano meno, ciò va ad influire sulla schiena, che può non lavorare in maniera corretta. Ci sono anche altri effetti che possono manifestarsi, seppure rari, si tratta di problemi cardiaci. Ad avere difficoltà di adattamento sarebbero soprattutto i bambini. Per abituarli al cambiamento, la cosa opportuna sarebbe quella di portarli a letto un’ora dopo rispetto all’ora segnata sull’orologio.

Che fare allora per affrontare meglio il cambiamento di orario? Ecco alcuni consigli. Tra le cose da fare c’è quella di abituarsi prima al cambio dell’ora legale, andando a letto un po’ prima ed alzarsi più presto di mattina. Un cambiamento che si può fare gradualmente, andando a dormire, per esempio, quindici o venti minuti prima del solito orario, sino ad arrivare poi ad un’ora prima. La stessa cosa vale per la sveglia della mattina.

E’ importante anche l’alimentazione. Una dieta sana, come quella mediterranea, con frutta, verdura, cereali e pesce può aiutare molto a gestire il problema del cambio dell’ora legale. Da evitare invece le bevande eccitanti a base di caffeina oppure zuccherate ed alcoliche. Il consiglio riguarda anche quello di evitare i cibi grassi o alimenti troppo salati o dolci. Questo tipo di alimentazione potrebbe infatti influire sulla qualità del sonno e provocare l’insonnia, accentuando di fatto lo stato di malessere. Da tenere presente anche una costante attività fisica. Dalla passeggiata alla corsa, e ancora: lo yoga, che serve a rilassare corpo e mente. Insomma è necessario avere un po’ di pazienza i primi quattro giorni, poi ci si adatta e tutto torna come prima. In più si guadagna un’ora di luce e ciò permette di risparmiare sulla bolletta elettrica.

Loading...

Commenti