La proposta di legge sul congedo mestruale. Ecco chi può usufruirne

É stato presentato alla Camera il progetto di legge che prevede il congedo mestruale per quelle donne che soffrono di dismenorrea. Si tratta di una novità per il nostro Paese, già presente in alcuni Paesi orientali, che potrebbe essere approvato a breve. Basterà presentare il certificato che attesti la patologia, che andrà rinnovato entro il 30 dicembre dell’annualità in corso  e presentato entro il 30 gennaio dell’anno successivo al datore di lavoro, sia nel caso di un impiego pubblico o che si tratti di un impiego privato, per poter usufruire di un permesso di tre giorni al mese.

Il permesso riguarderà le lavoratrici con contratto a tempo indeterminato, subordinato e parasubordinato full o part time. Il congedo sarà accordato solo a quelle donne che soffrono di dismenorrea, ovvero dolori mestruali che durante i giorni del ciclo costringono la donna a letto a causa di dolori addominali, mal di testa, mal di schiena. La dismenorrea affligge circa l’80 per cento delle donne e nel 30 per cento dei casi impedisce le normali attività quotidiane. In fase mestruale infatti alcune donne sono costrette a letto a causa dei forti dolori che accompagnano il ciclo mestruale. In Italia sono tante le donne che soffrono di questo disturbo: secondo una statistica, ne soffrirebbero appunto il trenta per cento delle donne. In particolare, nel nostro Paese, sono dal 60 al 90 per cento le donne che lamentano il mal di testa, mal di schiena e dolori addominali e sbalzi ormonali.



Questo permesso di tre giorni al mese per le lavoratrici non andrebbe a gravare economicamente sullo stipendio. Si tratta infatti di un congedo retribuito. La proposta di legge è stata presentata alla Camera da quattro deputate del Pd diversi mesi fa ed adesso è all’esame della commissione Lavoro. Se nel nostro Paese si tratta di una novità, in altri invece è già una realtà da parecchio tempo. Si pensi, ad esempio, al Giappone, dove esiste dal 1945, mentre in Indonesia dal 1948. Il congedo mestruale è più recente invece in Sud Corea e Taiwan. Insomma una novità, che se introdotta in Italia, darebbe diritto alle donne che soffrono di questa patologia di assentarsi dal lavoro senza dover prendere giorni di malattia o ferie.

Loading...