Nel 2030 si vivrà molto di più

Una buona notizia arriva da uno studio condotto dai ricercatori dell’Imperial College di Londra e dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) che ha preso in esame 35 paesi industrializzati: da qui al 2030 l’aspettativa di vita aumenterà e non di poco. I risultati sono poi stati pubblicati sulla rivista Lancet.



Insomma aumenta l’aspettativa di vita e da qui a meno di quindici anni saranno sempre più le persone che si avvicineranno alla soglia dei novant’anni. Le prime a beneficiare di una rinnovata longevità saranno le donne sud-coreane seguite da quelle francesi, giapponesi, spagnole e australiane. Ma anche per le donne italiane le cose miglioreranno: secondo lo studio precedentemente menzionato, da qui al 2030 l’aspettativa di vita media si aggirerà intorno ai 87,28 anni. E gli uomini? Per loro la aspettativa di vita sarà più bassa ma comunque riusciranno a ridurre la distanza rispetto al sesso femminile, avvicinandosi a una aspettativa di vita media di 85 anni. Anche in questo caso sarà la Sud Corea a rivelarsi il paese più longevo  con 84 anni e l’Italia  a poca distanza a 82,82 anni.

Ma come mai la Corea del Sud si mostra il paese dove le persone, uomini e donne, vivono mediamente più a lungo? Come specificato dallo studio, il risultato è il frutto di una diminuzione delle morti per infezioni in adulti e bambini e a una migliore gestione delle malattie croniche che fino a qualche decennio fa erano causa di numerosi morti. Dalla ricerca sulla longevità, emerge anche un altro interessante dato: il paese che avrà la più alta aspettativa di vita nel 2030 sarà quello che avrà un indice di massa corporea e di pressione più basso della maggior parte dei paesi occidentali. Non solo, metterà in evidenza anche un basso livello di fumo tra le donne e ha ridotto le differenze di salute tra i sessi per tumore e malattie cardiovascolari.

Loading...