Calo di voce, quali rimedi omeopatici usare?

In inverno il calo di voce è una eventualità piuttosto frequente. Colpa delle fredde temperature, dell’umidità e soprattutto degli sbalzi termici. E così, passando da ambienti troppo caldi a ambienti troppo freddi, può capitare di svegliarsi al mattino con la gola che raschia e la voce che va e viene. Può essere utile l’omeopatia per curare un disturbo particolarmente frequente?


I rimedi omeopatici possono sempre aiutare quando si tratta di piccoli malanni. Basta scegliere quelli più adatti che solo un esperto può consigliare. La medicina alternativa non prevede infatti il fai da te e per questo motivo è sempre consigliabile affidarsi a un omeopata. Il dottor Franco Fussi, medico-chirurgo, specialista in Foniatria e Otorinolaringoiatria, responsabile del Centro Audiologico Foniatrico dell’azienda USL di Ravenna, fornisce delle indicazioni importanti per curare il calo di voce (raucedine) nel modo migliore.

A seconda della sintomatologia manifestata, possono essere utili diversi rimedi omeopatici. A chi presenta una raucedine dovuta a uno sforzo vocale eccessivo prescrivo Arnica montana 9 CH, 5 granuli 3 volte al giorno. Se il soggetto mostra una voce rauca al risveglio e tende a ritrovarla progressivamente parlando, il medicinale omeopatico più adatto è Rhus toxicodendron 9 CH, 5 granuli 3 volte al giorno fino alla guarigione. Se la sintomatologia compare dopo un’esposizione a correnti d’aria e al freddo somministro Aconitum15 CH, 5 granuli ogni 2 ore, fino al miglioramento dei sintomi; se è l’esposizione all’umidità a causare la raucedine, andrà assunto Dulcamara 15 CH con la stessa posologia. Se la disfonia è causata da reflusso gastroesofageo, dove i vapori di acido cloridrico giungono a irritare e disidratare le mucose laringee, consiglio Nux vomica 9 CH, 5 granuli mattina e sera

Seguendo i consigli dell’esperto, dunque, sarà possibile ottenere importanti miglioramenti fin da subito affidandosi a rimedi che non hanno effetti collaterali per l’organismo e che sono indicati anche per i bambini e per le persone anziane.

Photo | Pixabay

Loading...

Commenti