Dieta mediterranea? Protegge il cervello e aiuta ad allontanare le malattie cardiovascolari

La dieta mediterranea è un elisir di lunga vita, non solo protegge il cervello rallentandone l’invecchiamento ma serve anche ad allontanare le malattie cardiovascolari. Lo affermano gli studiosi con un recente studio dell’Università di Edimburgo, che è stato pubblicato sulla rivista Neurology.  E non solo: questo tipo di alimentazione avrebbe anche effetti positivi sulle malattie neurodegenerative, metaboliche e cardiovascolari, secondo un altro studio dell’Istituto di neuroscienze del Cnr e dell’Università di Padova. Dunque una dieta a base di frutta, verdura, olio d’oliva, legumi e cereali, pesce, formaggio, vino, poca carne e pollo servirebbero a salvare i neuroni. ”Quando invecchiamo, il cervello si restringe e perdiamo cellule cerebrali: tutto ciò influisce sulla memoria e l’apprendimento – spiega  Michelle Luciano, coordinatrice dello studio dell’Università di Edimburgo.  – La nostra ricerca aggiunge un altro tassello ai tanti che indicano l’impatto positivo della dieta mediterranea sulla salute cerebrale”.

Vediamo come è stata articolata la ricerca. Gli studiosi hanno eseguito lo studio basandosi su un campione di 967 persone sane di 70 anni d’età. A loro sono state chieste delle informazioni sulle abitudini alimentari. Tra le persone partecipanti, sono state selezionate 562 di loro per effettuare una risonanza magnetica all’età di 73 anni per poter misurare il volume del cervello, della materia grigia e anche lo spessore della corteccia. Quindi tre anni dopo, a 401 persone è stata ripetuta la risonanza magnetica per verificare l’impatto della dieta mediterranea tra chi l’aveva seguita e chi no. Da qui è emerso che chi non l’aveva seguita aveva subito una perdita maggiore del volume del cervello al contrario di chi invece aveva adottato questo tipo di alimentazione. Si è trattata di una differenza dello 0,5 per cento nel volume cerebrale.

Insomma una dieta sana è fondamentale per ottenere un impatto positivo sulla vita quotidiana , come sostiene la ricerca effettuata dagli studiosi, questo genere di alimentazione è molto importante per la prevenzione di malattie e soprattutto per migliorare la qualità della vita delle persone anziane, perché grazie alla dieta mediterranea, è stato riscontrata una minore prevalenza di disabilità e alla depressione. Sono stati osservati infatti i benefici legati al consumo abbondante di frutta e verdura, di cereali, noci, olio d’oliva, vino rosso, pesce e pollo. Si tratta appunto di un’alimentazione che ha un ruolo anti-ossidante e anti-infiammatorio.

Loading...

Commenti