Conosciamo la stevia: proprietà

La stevia è molto conosciuta in diverse parti del mondo e in particolare gli indiani la utilizzano per le sue proprietà curative da almeno un centinaio di anni.

É una pianta erbacea arbustiva proveniente dalle montagne di Brasile e Paraguay che può essere utilizzata come dolcificante naturale. Da quando è stata ammessa nell’Unione Europea col Regolamento UE N. 1131/2011 della Commissione dell’11 Novembre 2011, in Italia è partita la sua commercializzazione con la comparsa repentina di decine di prodotti farmaceutici e erboristici, tutti identificati dalla fogliolina verde chiamata nel mondo sweetleaf o sugarleaf.

La caratteristica principale della stevia è sicuramente il suo enorme potere dolcificante, contenuto quasi tutto nelle piccole foglioline e che arriva a essere 200 volte maggiore di quello del comune zucchero bianco da tavola.Inoltre le sue proprietà di dolcificante naturale le consentono di non degradarsi facilmente alle alte temperature e quindi è facilmente utilizzabile ad esempio per dolcezze da forno. La stevia ha la caratteristica principale di non contenere calorie, ma ne possiamo annoverare diverse altre come:

  • non alterare i livelli di glucosio nel sangue

  • non contiene composti

  • essendo un dolcificante naturale non procura tossicità come i cugini sintetici

  • ha un elevato grado di conservazione e non subisce degradazioni ad alte temperature

  • è ricca di ferro, manganese, proteine, carboidrati e vitamine

In medicina ufficiale la stevia può essere utilizzata in particolari casi come ad esempio in caso di problemi di sovrappesodentali e cura della pelle e dell’invecchiamento (il suo contenuto di flavonoidi combatte i radicali liberi).

Studi scientifici stanno dimostrando gli ottimi benefici sulla glicemia e sul diabete ottenute dalle sue proprietà ipoglicemizzanti date direttamente dalla stimolazione delle cellule beta del pancreas (che producono insulina).

La stevia, per come è stata descritta fino ad ora sembra proprio la pianta dei miracoli, ma come sempre esistono delle controindicazione specialmente legate al suo abuso.

Quelle sicure sono poche, più in particolare solo 2: effetto ipotensivo ed effetti lassativi per grandi dosi.

Loading...

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteFerro alto, quali i sintomi più comuni?
Articolo successivoLa vita sedentaria favorisce l’invecchiamento biologico
Mi chiamo Bottarelli Daniela Odea e sono nata a Brescia nel 1987. Nel 2010 ho conseguito la laurea come Educatrice Professionale Sanitaria ed ho lavorato a stretto contatto con diverse realtà sociali (comunità per minori, centri per disabilità medio-gravi, tossicodipendenza, educativa di strada, comunità per malati di Hiv, ecc..). Fin dall'adolescenza ho coltivato la passione per la lettura e soprattutto per la scrittura, e per questo motivo, nel 2012 ho frequentato un corso per Redattore Editoriale che mi ha permesso di lavorare come collaboratrice esterna di diverse riviste di attualità e cultura, nonché come articolista per diverse riviste on line. Mi sono ammalata di cancro nel 2013 e da tre anni sto combattendo questa dura battaglia per la mia vita. Questa malattia mi ha tolto tanto, ma non la mia voglia di lottare, di crescere, di amare e di donare un po' di me al mondo. Ho deciso di condividere un po' di me attraverso le mie opere, partecipando a diversi concorsi letterari. La mia poesia “Voglio essere adesso”, si è classificata al quarto posto al Concorso “Il giro d'Italia delle poesie in cornice”, indetto dalla Casa Editrice Montedit e dall'Associazione Culturale Il Club degli autori. Un'altra mia poesia, “Io ce la farò”, si è anch'essa classificata finalista al Concorso “Marguerite Yourcenar 2016”. Ho scritto diversi romanzi, tra cui uno psico-thriller intitolato “Metamorfosi omicide”, che si è classificato finalista al Premio Letterario Internazionale Gaetano Cingari ( XI Edizione ). Nel mese di ottobre 2016 ho pubblicato la mia prima raccolta di poesie intitolata “Ho riscoperto il profumo della mia pelle” con Aletti Editore, collana Gli Emersi : in essa ho raccolto tutte le emozioni che questo percorso di riscoperta di me tramite la malattia, le mie speranze per il futuro ed il mio amore per questa mia vita, meravigliosa ed imprevedibile vita. Presentata come silloge di poesie presso il concorso Ebook in versi 2016, indetto dal Club degli Autori, “Ho riscoperto il profumo della mia pelle”, ha ricevuto un riconoscimento di merito da parte della giuria. A Natale uscirà il primo mio romanzo giallo dal titolo “Metamorfosi omicide”il primo di una serie di romanzi sul filone dello psico thriller.