Il terzo chakra

Il terzo chakra si chiama Manipura che significa gemma ed è localizzato nella cavità sotto le costole. Il suo colore è il giallo ed è relativo alla digestione, alla vista, allo stomaco,al fegato.

Quando c’è un disequilibrio in questo chakra, possono presentarsi: ulcera, diabete, miopia.

Se ben armonizzato,la persona avrà buone capacità organizzative e di comando.
Potrà controllare bene la parola, esprimere in modo chiaro le proprie idee e stabilire dei rapporti equilibrati e duraturi.

Se invece si è bloccati in questo chakra, la persona tenderà a non assumersi le proprie responsabilità, proiettando sugli altri i propri fallimenti o paure.
Inoltre la persona avrà frequenti attacchi di aggressività o rabbia, non riuscirà ad instaurare legami profondi e potrebbe sviluppare anche repressione.

Il terzo chakra è collegato alle emozioni, alle situazioni difficili ed al fatto che spesso, tendiamo a non affrontare i problemi che ci si presentano lungo il cammino della nostra vita, trattenendole nel nostro corpo. in questo modo, non solo soffriamo mentalmente ed emotivamente, ma i nostri stati d’animo vanno a riflettersi anche sul fisico, soprattutto sullo stomaco ( in quanto è considerato come un secondo cervello ), dando fastidi e problemi che variano dal mal di stomaco, al reflusso gastrico, ecc..

I cibi più indicati per armonizzare o caricare di nuova energia questo chakra sono: ananas, banaa, papaia, vino bianco, senape, peperone giallo, camomilla, cereali, fiori di zucca, limone, mais, ceci, pesca gialla, patate, olio pompelmo, susine gialle.

Loading...

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteAlla salute ci pensa un’app: essere in forma attraverso uno smartphone
Articolo successivoIntegralmente sani e buoni: perché preferire un’alimentazione ricca di cereali integrali e prodotti naturali
Mi chiamo Bottarelli Daniela Odea e sono nata a Brescia nel 1987. Nel 2010 ho conseguito la laurea come Educatrice Professionale Sanitaria ed ho lavorato a stretto contatto con diverse realtà sociali (comunità per minori, centri per disabilità medio-gravi, tossicodipendenza, educativa di strada, comunità per malati di Hiv, ecc..). Fin dall'adolescenza ho coltivato la passione per la lettura e soprattutto per la scrittura, e per questo motivo, nel 2012 ho frequentato un corso per Redattore Editoriale che mi ha permesso di lavorare come collaboratrice esterna di diverse riviste di attualità e cultura, nonché come articolista per diverse riviste on line. Mi sono ammalata di cancro nel 2013 e da tre anni sto combattendo questa dura battaglia per la mia vita. Questa malattia mi ha tolto tanto, ma non la mia voglia di lottare, di crescere, di amare e di donare un po' di me al mondo. Ho deciso di condividere un po' di me attraverso le mie opere, partecipando a diversi concorsi letterari. La mia poesia “Voglio essere adesso”, si è classificata al quarto posto al Concorso “Il giro d'Italia delle poesie in cornice”, indetto dalla Casa Editrice Montedit e dall'Associazione Culturale Il Club degli autori. Un'altra mia poesia, “Io ce la farò”, si è anch'essa classificata finalista al Concorso “Marguerite Yourcenar 2016”. Ho scritto diversi romanzi, tra cui uno psico-thriller intitolato “Metamorfosi omicide”, che si è classificato finalista al Premio Letterario Internazionale Gaetano Cingari ( XI Edizione ). Nel mese di ottobre 2016 ho pubblicato la mia prima raccolta di poesie intitolata “Ho riscoperto il profumo della mia pelle” con Aletti Editore, collana Gli Emersi : in essa ho raccolto tutte le emozioni che questo percorso di riscoperta di me tramite la malattia, le mie speranze per il futuro ed il mio amore per questa mia vita, meravigliosa ed imprevedibile vita. Presentata come silloge di poesie presso il concorso Ebook in versi 2016, indetto dal Club degli Autori, “Ho riscoperto il profumo della mia pelle”, ha ricevuto un riconoscimento di merito da parte della giuria. A Natale uscirà il primo mio romanzo giallo dal titolo “Metamorfosi omicide”il primo di una serie di romanzi sul filone dello psico thriller.