Un diagramma per scoprire le attività che ci fanno bene

Se la salute coincide con con il flusso armonico dell’energia, allora parte della malattia risiede in quello che viene definito blocco energetico. Viviamo costantemente immersi in un’esistenza di consenso, creando situazioni per noi incomprensibili che causano dolori, sensi di colpa, frustrazioni, paure, che vanno a creare uno squilibrio energetico nei nostri organismi. Di conseguenza, se viviamo schiacciati dai problemi, irrigiditi da comportamenti di chiusura verso noi stessi e la nostra interiorità, se permettiamo all’aggressività ed alla frustrazione di invadere il nostro animo, se mangiamo in modo non corretto e se non ascoltiamo i messaggi del nostro corpo, ecco che stiamo creando terreno fertile nei confronti della malattia.

Ogni alimento racchiude in sé una vibrazione cromatica che entra in risonanza con i nostri livelli di energia. Questo metodo vi insegnerà anche a comprendere i segnali del nostro corpo ed a capire da soli a che livello energetico siete. Siamo noi i migliori medici di noi stessi, perchè solo noi siamo in grado di comprendere appieno il nostro corpo. Riconoscere i segnali sul piano fisico richiede di prestare attenzione a noi stessi per rendersi come di come corpo e mente siano combinati insieme. Poiché mente e corpo sono strettamente collegati, nel momento in cui ci sono delle parti del nostro fisico che non funzionano, anche il cervello ne viene influenzato.

Adesso vi propongo un semplice esercizio per iniziare questo percorso di ascolto e riscoperta di sé, attraverso l’alimentazione, lo studio dei chakra, la meditazione e lo yoga. Prima di tutto, vi consiglio di tenere un diario, per annotare di volta in volta cosa provate durante il percorso, nuove informazioni del vostro corpo, nove risposte su di voi.

Pronti ad iniziare?

Prendete una penna e scrivete la data di oggi sulla prima pagina del vostro diario di viaggio.

Poi scrivete: “Dove sono ora?”.

Prendetevi qualche minuto per riflettere sul vostro stato di salute attuale e fatene una rapida valutazione. É difficile decidere dove andare se non si sa nemmeno da che punto si sta partendo.

“Cosa volete da voi stessi?”.

Scrivete quali saranno le vostre intenzioni per i prossimi mesi. Quali sono i risultati che desiderate ottenere attraverso questo nuovo programma?. Per rispondere a questa domanda, potrebbe aiutarvi la realizzazione di un cartellone. Disegnateci sopra un cerchio grande e dividete questo cerchio a seconda delle attività che impegnano il vostro tempo. Questo cerchio ( o torta ), verrà suddiviso a seconda delle percentuali delle diverse attività nella vostra vita.

Qual’è la percentuale di tempo che dedicate al lavoro nella vostra vita? 60%? 70%?. Quanto tempo invece dedicate allo svago (leggere un libro, guardare la televisione…) ?.

Quanto tempo dedicate alla vostra famiglia in una giornata?. Quanto tempo dedicate a voi stessi, rilassandovi, svuotando la mente da ogni cosa ed ascoltandovi?. Una volta creato il vostro diagramma, fate un passo indietro ed osservate quante sue parti contribuiscono alla vostra salute, al vostro star bene e quante invece lo ostacolano. Mentre osservato il diagramma, chiedetevi se è proprio così che vorreste impiegare il vostro tempo.

Chiedetevi se le vostre attività non sono ben bilanciate e cosa potreste fare per bilanciarle. Cerca di creare un nuovo grafico a torta su come potresti impiegare il tempo per potenziare il tuo stato di salute. Scegli le cose che potresti fare, cose che ami fare o che potresti apprezzare nel quotidiano. Colora con tanti colori il tuo diagramma ideale, in modo che ti trasmetta gioia, e mettilo in un posto in cui potrai osservarlo tutti i giorni. Più attenzione ci metterete e più inizierete a percepirlo come una realtà in divenire.

Ora siete pronti a partire!

Un abbraccio Daniela

Loading...

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteAcqua dal rubinetto: causa di allergie e disturbi alimentari
Articolo successivoUsa, dimagrire grazie a immagini 3D
Mi chiamo Bottarelli Daniela Odea e sono nata a Brescia nel 1987. Nel 2010 ho conseguito la laurea come Educatrice Professionale Sanitaria ed ho lavorato a stretto contatto con diverse realtà sociali (comunità per minori, centri per disabilità medio-gravi, tossicodipendenza, educativa di strada, comunità per malati di Hiv, ecc..). Fin dall'adolescenza ho coltivato la passione per la lettura e soprattutto per la scrittura, e per questo motivo, nel 2012 ho frequentato un corso per Redattore Editoriale che mi ha permesso di lavorare come collaboratrice esterna di diverse riviste di attualità e cultura, nonché come articolista per diverse riviste on line. Mi sono ammalata di cancro nel 2013 e da tre anni sto combattendo questa dura battaglia per la mia vita. Questa malattia mi ha tolto tanto, ma non la mia voglia di lottare, di crescere, di amare e di donare un po' di me al mondo. Ho deciso di condividere un po' di me attraverso le mie opere, partecipando a diversi concorsi letterari. La mia poesia “Voglio essere adesso”, si è classificata al quarto posto al Concorso “Il giro d'Italia delle poesie in cornice”, indetto dalla Casa Editrice Montedit e dall'Associazione Culturale Il Club degli autori. Un'altra mia poesia, “Io ce la farò”, si è anch'essa classificata finalista al Concorso “Marguerite Yourcenar 2016”. Ho scritto diversi romanzi, tra cui uno psico-thriller intitolato “Metamorfosi omicide”, che si è classificato finalista al Premio Letterario Internazionale Gaetano Cingari ( XI Edizione ). Nel mese di ottobre 2016 ho pubblicato la mia prima raccolta di poesie intitolata “Ho riscoperto il profumo della mia pelle” con Aletti Editore, collana Gli Emersi : in essa ho raccolto tutte le emozioni che questo percorso di riscoperta di me tramite la malattia, le mie speranze per il futuro ed il mio amore per questa mia vita, meravigliosa ed imprevedibile vita. Presentata come silloge di poesie presso il concorso Ebook in versi 2016, indetto dal Club degli Autori, “Ho riscoperto il profumo della mia pelle”, ha ricevuto un riconoscimento di merito da parte della giuria. A Natale uscirà il primo mio romanzo giallo dal titolo “Metamorfosi omicide”il primo di una serie di romanzi sul filone dello psico thriller.