Troppe calorie invecchiano il nostro cervello

Troppe calorie nel menù di tutti i giorni invecchiano il nostro cervello. Lo conferma uno studio di ricercatori italiani dell’Università Cattolica di Roma che hanno scovato la molecola anti-aging celebrale.

Il segreto della longevità passa attraverso il nostro stile di vita a tavola. Ulteriore conferma arriva dallo studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’Istituto di Patologia generale, in collaborazione con l’equipe di Fisiologia umana dell’Università Cattolica di Roma, che ha scoperto la molecola Creb1 che protegge i neuroni dell’invecchiamento celebrale. La  molecola che si attiva proprio se si mangia di meno. L’obiettivo della ricerca è quello di trovare il modo per attivare la molecola attraverso nuovi farmaci anche senza dover mantenere un regime di dieta ferrea.

E’ stato dimostrato che Creb1 si attiva con una dieta a basso contenuto calorico e regola i geni importanti per vivere a lungo e per il buon funzionamento del cervello. Negli ultimi anni numerosi studi e risultati di sperimentazioni hanno collegato l’obesità all’invecchiamento precoce delle funzioni del cervello, con meccanismi simili alle malattie della terza età. La molecola scoperta è molto importante per funzioni come la memoria, il controllo dell’ansia e l’apprendimento.

La molecola Creb1 è stata bloccata in alcuni topi nelle aree celebrali con funzioni cognitive. I test in laboratorio hanno dimostrato come il miglioramento della memoria non si verifica nonostante la dieta, presentando gli stessi deficit di un animale nutrito con una dieta ipercalorica.

[EMIDIO]

Loading...

Commenti