I consigli del medico sui traumi nello sport della minimoto

IL MEDICO CONSIGLIA

KIT DI PREVENZIONE, CON PRODOTTI NATURALI
TRAUMI – SPORT – 
MINIMOTO

Il mondo sportivo degli appassionati di minimoto in Italia è in forte crescita, creazione di gruppi di afficionados, siti internet e blog, meeting di ritrovo in ogni parte del paese.

Tra genitori, parenti ed amici coinvolti nella passione dei bambini (non solo), cresce anche la preoccupazione che questa passione per i motori venga realizzata con il massimo della attenzione non solo alla prevenzione di incidenti e relative cadute ma anche nell’affronto di tutta una serie di piccoli e medi traumi inerenti a questa pratica sportiva. Sono facilmente immaginabili e quindi anche prevedibili piccole contusioni, flogosi tibio-tarsiche da particolare posizionamento del piede in corsa, tendiniti, entesiti e borsiti, oltre a mialgie diffuse con frequenti ripercussioni sulla colonna vertebrale ma anche possono purtroppo verificarsi episodi di distorsione tibio-tarsica e omero-scapolare, piuttosto che lussazione alla spalla e al piede. E’ particolare attenzione del medico e quindi soprattutto del medicopediatra ma anche della famiglia del giovane appassionato di minimoto essere preparati a questo tipo di evenienze, con la possibilità ad ogni occasione di poter utilizzare validi ed efficaci prodotti utili alla necessità di intervento raccolti in un comodo kit portabile ovunque. Meglio ancora

se questi prodotti non sono farmaci chimici ma sono rimedi naturali altrettanto efficaci anche se privi di effetti collaterali. A tal proposito ci vengono in aiuto i nutraceutici ed in particolare l’Aloe Vera Gel, prodotti sempre più utilizzati non solo dalla gente comune ma riconosciuti ora anche dal nostro Ministero della Salute. Di grande utilizzo è l’aloe vera

gel, da applicare sopra le contusioni e le infiammazioni: sarà così più pronta la guarigione e migliore la tollerabilità dei sintomi associati. Se vi sono ferite si può anche usare una particolare crema all’aloe vera con aggiunta di propolis, conosciuta come l’antibiotico naturale per eccellenza. Ancora più immediata e pratica la somministrazione dell’aloe

in formua spray, (si può anche usarla per il massaggio muscolare “riscaldante” pre e post gara) ed ancora più concentrata e detergente è la formula concentrata, confezionata in una bottiglietta più piccola. Di sicura utilità per il trattamento topico di muscoli indolenziti o per le algie al rachide la cosidetta “lozione calda” mentre il gel fresco contenente metil sulfonil metano riporterà presto ad efficienza i tendini e le articolazioni infiammate. A sostegno della cura medica eventualmente instaurata viene consigliato di somministrare come bevanda, due volte al dì, due mezzi misurini di succo di aloe contenente lo stesso suddetto ingrediente, associato a glucosamina e condroitina. A completamento del “kit” utile al giovane appassionato di minimoto (e, perché no, anche ai meno giovani praticanti questa disciplina) vengono aggiunte le squisite barrette sostitutive ed integrative, con meno grassi e sodio ma con più potassio e fosforo per far fronte al meglio allo stress fisico. In caso invece necessiti una dose di “energia” più sostanziosa e pronta vi è la straordinaria bevanda a base di taurina, ginseng e vitamina B12, subito pronta sciogliendo comode compresse effervescenti. Tutti questi prodotti sono attualmente riconosciuti dai ministero della salute di oltre 140 paesi nel mondo, compreso quello italiano e, oltre ad essere consigliati a completamento di eventuali cure in atto, costituiscono una sano e valido aiuto a svolgere con maggior sicurezza e serenità lo sport delle minimoto.

 

A cura del dottor Patrizio Hermes Barbon, medico e pediatra.

Loading...

Commenti