Il neonato impara il linguaggio nella pancia della mamma

Le prime forme di linguaggio vengono apprese nel pancione, è quanto confermato da uno studio del Università di Whashington. Le prime parole e la lingua che il bambino parlerà da grande si inizia ad imparare durante i primi mesi di gestazione. Lo studio ha dimostrato come i piccoli appena nati riconoscono il suono di una lingua conosciuta.

La ricerca, pubblicata dalla rivista Acta Pediatrica, svela i meccanismi sensoriali che si sviluppano nel pancione. A differenza di quanto si credeva, già dalla trentesima settimana, il bebè ascolta la mamma e registra i suoni che sono il punto di riferimento. E’ la mamma quindi ad influenzare il linguaggio del nascituro. Il test è stato condotto in 2 diversi paesi, negli Stati Uniti, a Tacoma e in Svezia, a Stoccolma. 30 ore dopo la nascita, i piccoli sono stati osservati in presenza di alcuni suoni. La reazione dei piccoli, valutata attraverso un computer collegato ad un ciuccio, è stata molto diversa se in presenza di una lingua conosciuta, quella della madre, oppure sconosciuta, una parola o una frase in un altra lingua.

Per la dottoressa Patricia Kuhl, direttrice dell’Insitute for Learning & Brain Sciences, uno degli istituti che hanno coordinato la ricerca, questa scoperta può aprire nuovi scenari per comprendere in che modo si sviluppa l’apprendimento nel corso di tutta la vita.

Loading...

Commenti