Allergie e insetti imenotteri: attenzione al veleno

Con l’arrivo della stagione estiva, la Fondazione Maugeri invita a prestare particolare attenzione alle punture di insetto. Il veleno contenuto negli imenotteri, vespe, api e calabroni, può infatti causare gravi reazioni nei soggetti allergici. Shock anafilattico e gravi irritazioni devono essere prontamente trattate e se necessario si deve ricorrere all’ambulatorio.

Rimedi naturali contro le punture di insetti. Il più delle volte la reazione allergica è locale, dovuta alla puntura o al morso. In questi casi è  sufficiente intervenire con l’applicazione di un prodotto specifico come Aloe Gelly per calmierare la reazione dovuta al prurito. Nelle reazioni gravi bisogna contattare prontamente il medico.

Prevenzione e soggetti a rischio. I principali fattori di rischio si registrano sopratutto negli anziani e nei pazienti con problemi cardiaci o respiratori. La reazione può inoltre essere amplificata dal consumo di alcool. In caso di reazioni mai registrate in precedenza, eccessivo gonfiore, difficoltà a respirare, mancamento, occorre immediatamente prestare soccorso alla persona in difficoltà. Nel mondo si registrano mediamente l’1% di gravi reazioni allergiche dovute al morso di imenotteri. Nel 2011 negli Stati Uniti sono stati registrati 40 decessi, almeno 30 in Europa.

Tra gli studi recenti, esami di laboratorio un campione di giovani della Regione Lombardia, ha rilevato una media di potenziali soggetti allergici in media con gli altri paesi europei. il 2,7% della popolazione, media simili alla Francia e agli Stati Uniti. I fattori di rischio aumentano notevolmente ne casi di punture successive. Almeno il 50% dei soggetti rischia una reazione più grave dopo una seconda puntura.

Loading...

Commenti