Curare Emofilia di Tipo A con il trapianto di midollo: la scoperta è italiana

La scoperta arriva dal Dipartimento Scienze della Salute di Novara. Un team di ricercatori italiani ha infatti scoperto l’importante legame tra il trapianto di midollo osseo e la produzione di una proteina con effetto terapeutico sull’emofilia di Tipo A, malattia ereditaria che provoca l’insufficiente coagulazione  del sangue. Lo studio apre importanti scenari sull’utilizzo delle cellule prelevate dal midollo osseo.

Emofilia di tipo A. Questa patologia ereditaria è dovuta alla carenza di una proteina di coagulazione, il fattore VIII, si registrano 1 o 2 casi ogni 10.000 nuove nascite. Finora si conosceva la produzione di questa proteina da parte del fegato e studi successivi avevano allargato la ricerca a cellule non epatiche. Il team di Novara, concentrando gli studi sul midollo osseo ha evidenziato la presenza di cellule potenti in grado di dare vita a materiale cellulare per diversi organi. Test ed esami sono stati per ora effettuati su topi emofiliaci, i risultati sulla produzione della proteina Fattore VIII sono stati molto positivi.

Ulteriori studi e test di sperimentazione sono previsti dai ricercatori nei prossimi mesi per ampliare le terapie di trattamento. Attraverso la produzione spontanea di F.VIII si potrà migliorare notevolmente la qualità della vita dei pazienti interessanti dalla patologia, diminuendo in maniera consistente il rischio di sanguinamento.

Loading...

Commenti