Una ricerca smentisce il rischio di cancro ai testicoli dall'uso del cellulare

Uno dei primi studi annunciati dal Congresso internazionale dell’American Society of Clinical Oncology di Chicago, assolve l’utilizzo dei cellulari e il loro funzionamento nella tasca dei pantaloni, dai rischi di insorgenza di tumore al testicolo. Nonostante i primi falsi allarmi, è importante continuare il monitoraggio e le ricerche scientifiche sugli effetti delle onde elettromagnetiche.

Lo studio della Cooper University, in New Jersey, ha analizzato, su tutto il territorio degli Stati Uniti d’America, l’incidenza dei casi di tumore al testicolo negli ultimi 17 anni, dal 1991 al 2008. I dati sono stati confrontati con l’aumento della diffusione della telefonia mobile nel paese. I risultati hanno dimostrato da un lato l’incremento dei possessori di cellulare in maniera esponenziale, nel 2008 a possedere un telefonino era l’88% della popolazione statunitense, dall’altro il mantenimento costante dei casi di tumore. Un lieve incremento si è registrato solo nella fascia d’età tra i 25 e i 34 anni, ma in numero nettamente inferiore rispetto al boom della diffusione del settore voce mobile.

Sulla base di questi dati, gli scienziati hanno ragione di ritenere che non vi sono prove convincenti dell’aumento di rischio per questo tipo di cancro, naturalmente occorre continuare il monitoraggio, essendo possibile il lungo intervallo di tempo tra esposizione alle onde elettromagnetiche e insorgenza del tumore.

Loading...

Commenti