Caduta dei capelli tra gli adolescenti: un problema per 1 su 5 colpa di gel e stress

L’allarme viene lanciato dalla Fondazione di ricerca per la patologia sui capelli, che ha promosso una ricerca su oltre 10.000 ragazzi italiani tra i 12 e i 20 anni. In questa fascia di età sono interessati dalla caduta dei capelli sopratutto i maschi, il 60%, anche se il numero delle ragazze sta aumentando. I capelli sono sempre più fini, diradati e si manifestano problemi di alopecia androgenetica. Tra le cause disturbi alimentari, il fumo e l’uso eccessivo di gel e cosmetici.

Il problema della caduta dei capelli interessa il 18% degli adolescenti italiani, lo studio è stato elaborato grazie alla collaborazione di 100 dermatologi su tutto il territorio nazionale. La causa è in parte genetica, errori sui geni trasmessi dalla mamma e in molti casi cattive abitudini alimentari, sopratutto nelle ragazze, uso di gel e cosmetici. I rimedi esistono, anzitutto facendo attenzione ai prodotti utilizzati, è di fondamentale importante infatti utilizzare prodotti non aggressivi e non stressare i capelli, sopratutto con l’uso di piastre e trattamenti estetici sin dalle giovani età.

Caduta dei capelli tra gli adolescenti. Per gli specialisti è importante attivare le diagnosi precoce e il controllo specialistico che possono rappresentare la soluzione al problema nel 90% dei casi.

Focus dei professionisti: Attenzione ai prodotti aggressivi. Chiedersi se utilizzo uno Shampoo e un gel privo di Alcol? Dalla base di Aloe Vera ecco una serie di prodotti a Ph Bilanciato che nutrono il cuoio capelluto. La Jojoba inoltre svolge un ruolo fondamentale per l’eliminazione del sebo [leggi tutto]

Lo studio ha infine analizzato anche le conseguenze a livello psicologico, un problema che impatta duramente sui giovani, condizionati dalla tv e dal cinema che propongono immagini di giovani adolescenti con capelli lunghi o artisticamente lavorati. Per il 60% degli adolescenti, affrontare il problema della caduta dei capelli rappresenta una menomazione estetica con una preoccupante tendenza all’isolamento e alla riduzione della frequenza scolastica.

 

Loading...

Commenti