Attenzione all'autodiagnosi: una donna su 4 sbaglia farmaci

Paura di chiedere consiglio al medico, fretta di curarsi e in alcuni casi vergogna nel parlare dei sintomi. L’autodiagnosi porta una donna su 4 a sbagliare farmaco. Lo rivela uno studio inglese della Balance Active pubblicato oggi sul The Telegraph. Si ha paura del medico e si cercano risposte in rete.

La tendenza alla ricerca di informazioni sulla salute attraverso internet cresce sempre di più. Già in passato avevamo affrontato l’argomento indicando di prestare attenzione alle diverse informazioni generiche online e di segurie il consiglio medico, dove possibile anche online, ma evitare il fai da te. Lo studio inglese, di una nota azienda che produce prodotti per la salute delle donne, mostra come la fretta e la paura di rivolgersi di persona al medico, porti a commettere errori nell’autodiagnosi.

Almeno una una donna su 4 ha comprato farmaci sbagliati a causa di un frettoloso controllo di informazioni in rete. In almeno 1 caso su 10, ci sono state spiacevoli conseguenze a causa degli effetti collaterali. I falsi allarmi riguardano un po tutte le malattie. Come spiega l’indagine, la paura di avere una grave malattia, falsi allarmi su un cancro al seno, pressione alta, infezioni vaginali ecc, spingono le donne a cercare frettolosamente informazioni e farmaci senza chiedere consiglio ad un professionista.

La paura e i tempi di attesa. Come emerge dallo studio i motivi di questi errori sono nella maggioranza dei casi la paura o la vergogna di rivolgersi di persona ad un professionista e la fretta di ricercare informazioni anche a causa dei lunghi tempi di attesa per un controllo. La consuetudine è di certo grave, è opportuno prestare qualche minuto di attenzione in più e verificare, anzitutto le fonti delle informazioni cercate e, dove possibile, utilizzare risorse in rete che presentano un team di professionisti come validi interlocutori e chiedere consiglio. Per quanto riguarda infine i problemi per cui spesso le donne chiedono informazioni online al primo posto troviamo i problemi legati al sonno, mal di testa e stanchezza, problemi legati alla vita sessuale.

Loading...

Commenti