Dal Regno Unito una ricerca sul tumore ovarico: le donne alte sono più a rischio

Un team di ricercatori dell’Università di Oxford, il Collaborative Group Epidemiological Studies of Ovarian Cancer, ha pubblicato uno studio sulle probabilità di sviluppare un tumore alle ovaie in base all’altezza e all’indice di massa corporea. La ricerca, condotta in 14 paesi diversi, ha coinvolto 100 mila donne.

I risultati delle analisi di oltre 40 diversi studi hanno dimostrato come il rischio di sviluppare un cancro alle ovaie è maggiore nelle donne più alte. Indipendentemente dai valori di riferimento, l’età, gravidanze passate, età della prima mestruazione, fumo e consumo di alcol, il rischio aumenta significativamente in base all’altezza.

A parità di valori di riferimento, la probabilità di contrarre un tumore ovarico è superiore mediamente del 20% in una donna di 1 metro e 67 cm rispetto ad una donna di 1 metro e 52 cm. Lo studio spiega come, nei casi presi in esame, l’aumento di massa corporea incide negativamente sui fattori di rischio. Nelle nuove generazioni dei paesi ad alto reddito, la popolazione femminile aumenta ogni 10/ 15 anni sia in altezza che di massa corporea.  Ogni 10 anni, l’aumento di altezza e peso è conseguenza diretta dell’incremento dell’incidenza del cancro alle ovaie del 3% .

La ricerca ha preso in esame donne che non sono mai ricorse all’uso di terapie ormonali sostitutive per il controllo dei sintomi della menopausa.

Loading...

Commenti