La malnutrizione è ancora un problema serio anche in Europa

Si pensa erroneamente che la malnutrizione sia un problema che affligge solo il cosiddetto Terzo Mondo e invece non è assolutamente così. Si stima che colpisca invece 33 milioni di persone con patologie croniche e oncologiche anche in Europa, per un costo sociale di circa 120 miliardi di euro.



La malnutrizione insomma continua a essere un problema serio e in aumento. Potrebbe sembrare un controsenso ma invece è proprio così. Sempre più persone sono infatti malnutrite e vittime di una alimentazione scarsa che le rende decisamente più deboli dal punto di vista della salute. Ad affermarlo è il Ministero della Salute che disegna un quadro piuttosto sconfortante:

Alimentazione, il cibo del buonumore e dell’allegria

La consapevolezza della prevalenza e delle conseguenze negative della malnutrizione nel malato oncologico – si legge sul testo pubblicato sul sito del ministero – nel malato oncologico è ancora molto scarsa sia tra gli operatori sanitari sia tra i pazienti. Si osserva una prevalenza della malnutrizione compresa tra il 25% e il 70% in diversi Paesi europei ed extra-UE. I pazienti oncologici risultano essere quelli più colpiti e, tra i pazienti neoplastici che perdono peso corporeo, il 20-30% muore per le conseguenze della malnutrizione

Problemi di concentrazione? Ecco l’alimentazione da seguire per affrontare un esame

E allora cosa fare contro la malnutrizione? E’ il Ministero della Salute a indicare la strada giusta per combattere un fenomeno ancora largamente diffuso. Gli obiettivi più importanti da centrare sono: definire i bisogni specifici dei pazienti in ambito nutrizionale, un percorso integrato finalizzato a un programma nutrizionale personalizzato e associato al trattamento oncologico sin dal primo accesso ai servizi e formazione ed informazione agli operatori sanitari. Solamente in questo modo si può aspirare a combattere un problema importante che merita di essere trattato nel modo giusto per essere debellato a tutto tondo con i giusti strumenti.

Photo | Pixabay

 

Loading...