Perché è importante disintossicarsi dopo il Natale?

Il lungo periodo della ricorrenza del Natale lascia dei segni nel nostro organismo. Si mangiano alimenti più grassi, più conditi e cucinati in modo elaborato. Si abusa di salse, carboidrati, salumi e dolci di tutti i tipi. Il tutto a discapito del fegato, dello stomaco, dell’intestino e dei reni, sovraccaricati di lavoro, per non parlare dei valori del colesterolo e trigliceridi nel sangue. Di conseguenza, è più che corretto seguire un regime alimentare depurativo. Come fare?
Per prima cosa, bisogna iniziare con l’acqua: ricordatevi di berne almeno 1,5 litri al giorno, per eliminare le scorie accumulate con gli eccessi alimentari.
Date la precedenza alle verdure: : da consumare anche passata, nei minestroni, oppure di accompagnamento alla carne bianca, al pesce magro come il nasello, la platessa, e la sogliola.
Limitate i carboidrati: preferite quelli integrali e non commettete l’errore di escluderli dalla dieta.
Condimenti: devono essere cucinati in modo elaborato. Preferite i sughi fatti coi pomodori freschi o passati, un cucchiaino da tè di olio di oliva. É utile limitare il consumo di olio a due cucchiaini da tè per ogni pasto. Andateci piano anche col sale: imparate ad insaporire i cibi con le erbe aromatiche come basilico, rosmarino e maggiorana oppure con noce moscata, zenzero e curry.
I salumi e gli insaccati in generale vanno limitati ad una volta la settimana e gli alcolici, i superalcolici, le salse e i dolci andrebbero evitati del tutto. Eh s’, lo so, è dura, ma considerando tutto quello che avremo mangiato durante le feste natalizie, tirare un po’ la cinghia non potrà farci che bene.
A fianco di un regime alimentare più controllato è d’obbligo muoversi: l’attività fisica infatti è uno degli stimoli più efficaci per sostenere il metabolismo basale, che è la velocità con cui il nostro corpo utilizza le calorie per soddisfare i bisogni vitali e per mantenere la temperatura corporea costante intorno a 37°C. L’attività più accessibile a tutti è il camminare: è sufficiente camminare a paso svelto per 30-40 minuti di seguito tutti i giorni, ritagliandosi qualche momento la mattina presto o magari, dopo il pranzo. Anche la distribuzione dei pasti durante la giornata è di fondamentale importanza. La giornata dovrebbe iniziare con una prima colazione equilibrata a base di tè, di caffè d’orzo o di latte vegetale ( soia, riso, mandorle, ecc ) accompagnati da pane o fette biscottate o gallette di riso con marmellata o miele ( preferibilmente biologici o fatti in casa ) e della frutta fresca o spremuta. A metà mattina faremo uno spuntino, con uno yogurt o della frutta secca. Poi avremo il pranzo, lo spuntino del pomeriggio e la cena. In questo modo si asseconda il ciclo ormonale dell’organismo, improntata al consumo nelle prime ore della giornata ed all’accumulo nelle ore serali.
Gambe in spalla e via col programma!

Loading...

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’acqua berla in modo corretto: come e quando
Articolo successivoFake news salute, è allarme
Mi chiamo Bottarelli Daniela Odea e sono nata a Brescia nel 1987. Nel 2010 ho conseguito la laurea come Educatrice Professionale Sanitaria ed ho lavorato a stretto contatto con diverse realtà sociali (comunità per minori, centri per disabilità medio-gravi, tossicodipendenza, educativa di strada, comunità per malati di Hiv, ecc..). Fin dall'adolescenza ho coltivato la passione per la lettura e soprattutto per la scrittura, e per questo motivo, nel 2012 ho frequentato un corso per Redattore Editoriale che mi ha permesso di lavorare come collaboratrice esterna di diverse riviste di attualità e cultura, nonché come articolista per diverse riviste on line. Mi sono ammalata di cancro nel 2013 e da tre anni sto combattendo questa dura battaglia per la mia vita. Questa malattia mi ha tolto tanto, ma non la mia voglia di lottare, di crescere, di amare e di donare un po' di me al mondo. Ho deciso di condividere un po' di me attraverso le mie opere, partecipando a diversi concorsi letterari. La mia poesia “Voglio essere adesso”, si è classificata al quarto posto al Concorso “Il giro d'Italia delle poesie in cornice”, indetto dalla Casa Editrice Montedit e dall'Associazione Culturale Il Club degli autori. Un'altra mia poesia, “Io ce la farò”, si è anch'essa classificata finalista al Concorso “Marguerite Yourcenar 2016”. Ho scritto diversi romanzi, tra cui uno psico-thriller intitolato “Metamorfosi omicide”, che si è classificato finalista al Premio Letterario Internazionale Gaetano Cingari ( XI Edizione ). Nel mese di ottobre 2016 ho pubblicato la mia prima raccolta di poesie intitolata “Ho riscoperto il profumo della mia pelle” con Aletti Editore, collana Gli Emersi : in essa ho raccolto tutte le emozioni che questo percorso di riscoperta di me tramite la malattia, le mie speranze per il futuro ed il mio amore per questa mia vita, meravigliosa ed imprevedibile vita. Presentata come silloge di poesie presso il concorso Ebook in versi 2016, indetto dal Club degli Autori, “Ho riscoperto il profumo della mia pelle”, ha ricevuto un riconoscimento di merito da parte della giuria. A Natale uscirà il primo mio romanzo giallo dal titolo “Metamorfosi omicide”il primo di una serie di romanzi sul filone dello psico thriller.