Treviso: cucina sana con prodotti locali

A Treviso, la creatività di chi sta in cucina trova ingredienti locali di alta qualità esprimendosi oggi anche in piatti estrosi, ma anzitutto perpetuando tradizioni inossifìdabili.
Il piatto più conosciuto a Treviso è la sopa coada, un gustoso pasticcio bagnato col broso, in cui strati di carne disossata si alternano a pane raffermo. Per insaporire uccelli, conigli e selvaggina, i trevigiani utilizzano la salsa peverada, che recupera le frattaglie tritate dell’animale unite a salumi e condie con tanto pepe. Oltre ad accompagnare carni e polentine, la peverada sdi può utuilizzare spalmata sui crostini o nei risotti.
Ecco la ricetta

Salsa peverada

Ingredienti

2 rametti di rosmarino fresco
mezza cipolla tagliata a fettine
1 cucchiaio d’olio extravergine d’oliva
100 grammi di fegatini di coniglio o di pollo
1 spicchio d’aglio senz’anima
30 grammi di salame veneto tipo soppressa a cubetti
1 cucchiaino dio capperi sotto sale dissalati
1 pizzico di sale
1 pizzico di pepe nero in polvere
il succo spremuto di mezzo limone

Preparazione

Tritate il rosmarino. Mettete in padella l’olio, la cipolla e l’aglio per 3 minuti, poi togliete l’aglio ed unite i fegatini, il salame ed i capperi tritati. Aggiungete il rosmarino tritato , il sale ed il pepe e cuocete per 10 minuti a fuoco medio. A metà cottura, versate il succo del limone.

Un altro piatto tipico è il

Radicchio in saor

Ingredienti

800 grammi di radicchio rosso di Treviso in quarti
1 pizzico di sale
300 grammi di cipolla bianca in quarti
40 grammi di zucchero
2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
100 grammi d’acqua
100 grammi d’uvetta ammollata in acqua e strizzata
100 grammi di aceto di vino bianco
50 grammi di pinoli

Preparazione

Posizionate il radicchio in una padella, con olio d’oliva e la cipolla tritata, per circa 5 minuti. Poi, aggiungete lo zucchero, l’acqua e l’aceto. Cuocete in padella per 20 minuti. Togliete con attenzione il radicchio cotto e mettetelo in una pirofila da forno. Unite l’uvetta strizzata ed i pinoli e mescolate per una manciata di secondi. Coprite la pirofila con la pellicola trasparente e riponete in frigorifero per 3 ore. Servire freddo.

Loading...

Commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteObesità infantile una patologia in crescita
Articolo successivoAssi nella manica: ricette di pasticceria da sfoggiare per ogni occasione!
Mi chiamo Bottarelli Daniela Odea e sono nata a Brescia nel 1987. Nel 2010 ho conseguito la laurea come Educatrice Professionale Sanitaria ed ho lavorato a stretto contatto con diverse realtà sociali (comunità per minori, centri per disabilità medio-gravi, tossicodipendenza, educativa di strada, comunità per malati di Hiv, ecc..). Fin dall'adolescenza ho coltivato la passione per la lettura e soprattutto per la scrittura, e per questo motivo, nel 2012 ho frequentato un corso per Redattore Editoriale che mi ha permesso di lavorare come collaboratrice esterna di diverse riviste di attualità e cultura, nonché come articolista per diverse riviste on line. Mi sono ammalata di cancro nel 2013 e da tre anni sto combattendo questa dura battaglia per la mia vita. Questa malattia mi ha tolto tanto, ma non la mia voglia di lottare, di crescere, di amare e di donare un po' di me al mondo. Ho deciso di condividere un po' di me attraverso le mie opere, partecipando a diversi concorsi letterari. La mia poesia “Voglio essere adesso”, si è classificata al quarto posto al Concorso “Il giro d'Italia delle poesie in cornice”, indetto dalla Casa Editrice Montedit e dall'Associazione Culturale Il Club degli autori. Un'altra mia poesia, “Io ce la farò”, si è anch'essa classificata finalista al Concorso “Marguerite Yourcenar 2016”. Ho scritto diversi romanzi, tra cui uno psico-thriller intitolato “Metamorfosi omicide”, che si è classificato finalista al Premio Letterario Internazionale Gaetano Cingari ( XI Edizione ). Nel mese di ottobre 2016 ho pubblicato la mia prima raccolta di poesie intitolata “Ho riscoperto il profumo della mia pelle” con Aletti Editore, collana Gli Emersi : in essa ho raccolto tutte le emozioni che questo percorso di riscoperta di me tramite la malattia, le mie speranze per il futuro ed il mio amore per questa mia vita, meravigliosa ed imprevedibile vita. Presentata come silloge di poesie presso il concorso Ebook in versi 2016, indetto dal Club degli Autori, “Ho riscoperto il profumo della mia pelle”, ha ricevuto un riconoscimento di merito da parte della giuria. A Natale uscirà il primo mio romanzo giallo dal titolo “Metamorfosi omicide”il primo di una serie di romanzi sul filone dello psico thriller.