Lo smartphone che aiuta contro l’obesità

Lo smartphone è un prezioso alleato contro l’obesità. Lo dice una ricerca recente che arriva dalla California. Esistono tante app per la salute, che si moltiplicano di giorno in giorno. Tra queste molte aiutano a contrastare l’obesità. Oggi i telefonini sono utilizzati da oltre la metà degli adulti negli Stati Uniti e in Australia e l’Italia non è da meno: gli smartphone sono utilizzati con regolarità dal 52,8 per cento degli italiani. È necessario, prima di generalizzare, in ogni caso, prima di arrivare ad una conclusione sulla loro efficacia, analizzarle nel dettaglio, per verificare se siano conformi agli studi scientifici. È un’operazione per niente facile, visto che ne esistono almeno 100.000 della categoria “Health & Fitness”.

Si tratta di app che aiutano a tenere sotto controllo lo stile di vita, a cominciare dall’attività fisica svolta sino alle calorie consumate. È importante sempre chiedere la consulenza di uno specialista, ma le app restano comunque amiche della salute, aiutando a raggiungere gli obiettivi prefissati. Anche gli esperti, infatti, riconoscono le potenzialità di questi dispositivi al fine di migliorare la salute individuale e pubblica.

Il dubbio tuttavia rimane: le app funzionano davvero? Si riesce a perdere peso grazie al loro utilizzo? Secondo i dati disponibili oggi non è proprio così: la prima cosa da fare è capire come funzionano questi dispositivi. Alcune app sono semplici da utilizzare e servono a monitorare appunto lo stile di vita, la propria alimentazione, il peso corporeo e il livello di attività fisica. Spesso inoltre queste applicazioni inviano anche dei messaggi personalizzati che fanno da monito a insistere a preservare la propria salute, continuando con la dieta e a fare ginnastica. Capita però che l’entusiasmo iniziale con l’utilizzo di queste app sia destinato a svanire dopo alcuni mesi, facendo così perdere importanza anche alle app più efficaci.

Ma torniamo alla ricerca. Secondo un recente studio effettuato dall’Università di Standford, che ha monitorato attraverso i telefonini il livello di disuguaglianza nell’attività fisica, è stata evidenziata la disparità tra le persone che sono molto attive e quelle molto sedentarie. È emerso che negli Stati Uniti i problemi legati all’obesità sono più evidenti rispetto ad altri paesi. In sintesi i problemi di obesità sono presenti in quei Paesi dove le possibilità di muoversi a piedi sono più difficili, di conseguenza la gente si sposta con la propria auto, conducendo una vita sedentaria.

Loading...

Commenti